Creatività e il cervello invecchiante

L'invecchiamento del cervello assomiglia al cervello creativo in diversi modi. Ad esempio, l'invecchiamento del cervello è più distratto e un po 'più disinibito rispetto al cervello più giovane (così è il cervello creativo). I cervelli che invecchiano ottengono risultati migliori nei test del QI cristallizzato (i cervelli creativi usano la conoscenza cristallizzata per creare associazioni originali e originali). Questi cambiamenti nel cervello che invecchia possono renderlo ideale per svolgere il lavoro in una serie di domini creativi. Quindi, invece di promuovere la pensione a 65 anni, forse noi come società dovremmo promuovere la transizione a 65 anni: la transizione in un campo creativo in cui la nostra crescente risorsa di individui con cervelli invecchiati può preservare la loro saggezza in opere d'arte culturalmente apprezzate, la musica, o scrivere.

In uno studio recente, la psicologa Lynn Hasher e il suo gruppo presso l'Università di Toronto hanno scoperto che i partecipanti più anziani erano (come molti anziani lo attestano!) Più distratti rispetto ai loro colleghi più giovani. Tuttavia, i membri di questo gruppo più vecchio e distratto erano anche più in grado di usare le informazioni che distraggono per risolvere i problemi presentati più avanti nello studio. Questo lavoro, insieme ad altri studi sull'invecchiamento e sulla cognizione, suggerisce che il cervello che invecchia è caratterizzato da un maggiore interesse. Numerosi studi suggeriscono che anche individui altamente creativi impiegano uno stato di attenzione più ampio che focalizzato. Questo stato di attenzione allargata consente all'individuo di avere in testa contemporaneamente disparati frammenti di informazioni. La combinazione di bit di informazioni remote è il segno distintivo dell'idea creativa.


Altri studi mostrano che alcune aree della corteccia prefrontale coinvolte nella consapevolezza e nelle emozioni autocoscienti sono più sottili nel cervello che invecchia. Ciò può essere correlato con la diminuita necessità di compiacere e impressionare gli altri, che è una caratteristica notevole di entrambi gli individui che invecchiano e dei luminari creativi. Sia gli individui più anziani che i tipi creativi sono più disposti a parlare e ignorare le aspettative sociali rispetto alle loro controparti più giovani e più convenzionali.

Infine, gli studi di intelligence indicano che gli individui più anziani hanno accesso a un crescente bagaglio di conoscenze acquisito nel corso di una vita di apprendimento ed esperienza. La combinazione di bit di conoscenza in idee originali e originali è ciò su cui ruota il cervello creativo. Quindi, avere accesso a un magazzino interno più ampio di conoscenza fornisce un terreno fertile per l'attività creativa nel cervello che invecchia.

Molti anziani stanno già facendo un segno nei campi creativi. Considera Millard Kaufman, che ha scritto il suo primo romanzo, il libro di successo Bowl of Cherries, all'età di 90 anni. Poi c'è la 93enne Lorna Page, che ha causato ondate in Gran Bretagna con il suo primo romanzo A Dangerous Weakness. Seguendo le orme di nonna Moses (che non ha iniziato a dipingere fino ai 70 anni), l'ex avvocato specializzato in brevetti John Root Hopkins ha iniziato a dedicarsi all'arte nei suoi anni 70 e ha fatto mostra del suo lavoro all'American Visionary Art Museum all'età di 73 anni. sono numerosi esempi nel corso della storia del potere creativo del cervello che invecchia: Benjamin Franklin inventò la lente bifocale all'età di 78 anni, Thomas Hardy pubblicò un libro di poesia lirica all'età di 85 anni, Frank Lloyd Wright completò il progetto del Guggenheim Museum in New York at and 92, e Giuseppe Verdi scrisse Falstaff, forse la sua opera più acclamata, all'età di 85 anni.

Suggerisco di cambiare le nostre aspettative sugli anziani. Invece di fare riferimento al "problema dell'invecchiamento", dovremmo aspettarci che i nostri anziani siano produttivi per tutta la vita. Sfido ogni cittadino, che sia attualmente un anziano o un futuro anziano: in primo luogo, considera una lezione di vita che vorresti trasmettere alle generazioni future. In secondo luogo, decidere un mezzo creativo in cui si potrebbe incorporare questa lezione – forse un romanzo o un dipinto o un brano musicale. Quindi rendi il lavoro dei tuoi anni di post-pensionamento per diventare competente in quel mezzo e per produrre un'opera che incorpori il tuo messaggio.

Riferimenti:
Kim, S., Hasher, L., & Zacks, RT (2008). Invecchiamento e beneficio della distraibilità. Psychonomic Bulletin & Review, 14, 301-305.
Horn, JL & Cattell, RB (1967). Differenze di età nell'intelligenza fluida e cristallizzata. Acta Psychologia, 26, 107-129.
Lehman, HC (1949). Alcuni esempi di risultati creativi durante la maturità e la vecchiaia successive. Journal of Social Psychology, 30, 49-79.
Salat, DH et al. (2004). Assottigliamento della corteccia cerebrale nell'invecchiamento. Corteccia cerebrale, 14, 721-730.

Solutions Collecting From Web of "Creatività e il cervello invecchiante"