Creare un'identità più positiva

La sfida più grande per chiunque stia cercando di raggiungere un obiettivo personale o di apportare cambiamenti frequentemente viene dall'interno. Ognuno di noi è diviso tra il nostro vero sé, quello che cerchiamo di essere e un "anti-sé" minaccioso che distorce il nostro senso di ciò che siamo. La maggior parte di noi può relazionarsi a sentire la voce di questo nemico interno in un punto o nell'altro. Che stia dispensando l'autocritica o costruendoci come "speciali", crea un falso senso di chi siamo veramente. Tuttavia, molti di noi non riescono a riconoscere quanto questa "voce" stia plasmando il nostro senso di identità e, di conseguenza, il modo in cui viviamo le nostre vite.

Fin dai nostri primi giorni, le nostre esperienze iniziano a tessere il nostro senso di identità. Innumerevoli cose informano questa prospettiva. Fin dal momento in cui nasciamo, stiamo imparando a conoscere le relazioni, cosa dobbiamo fare e come dobbiamo comportarci per soddisfare i nostri bisogni e sentirci al sicuro. Impariamo come siamo percepiti dai nostri genitori e tutori, non solo attraverso quello che ci dicono, ma attraverso le loro espressioni e micro-espressioni, il loro tono, la loro disponibilità o mancanza di esso. Assistiamo a come i nostri genitori trattano se stessi e gli altri, interiorizzando più di quanto possiamo immaginare coscientemente.

Le nostre personalità emergono non solo rispecchiando ciò che vediamo, ma reagendo ad esso. I nostri cervelli sono progettati per ricordare le esperienze dolorose e spaventose, i traumi grandi e piccoli che ci hanno insegnato le lezioni di chi dovevamo essere per sopravvivere. Formiamo difese psicologiche in risposta al nostro ambiente. Queste difese possono continuare a diventare imposizioni sul nostro sé più vero, influenzandoci ad agire e ad impegnarci in dinamiche che possono ferire e limitarci più tardi nelle nostre vite.

Tutte queste influenze si rapprendono, creando un senso di identità personale. Veniamo al mondo con la nostra genetica e il nostro temperamento unici, il potenziale per sviluppare un senso indipendente della nostra identità, basato sulle cose che "ci illuminano e danno significato alla nostra vita. Le nostre esperienze interpersonali positive possono aiutarci a sviluppare atteggiamenti gentili nei confronti di noi stessi e degli altri. Tuttavia, le nostre esperienze negative formano una base per la nostra "voce interiore critica". Come un allenatore interno, criticandoci e attirandoci ulteriormente dai nostri sé autentici, questa voce interiore è il nostro vero nemico.

Più e più volte, per tutta la vita, questa "voce" è lì per definirci, dirci cosa possiamo e cosa non possiamo fare, come dobbiamo comportarci. È il bullo sgradito che pensa di conoscerci meglio di chiunque altro. È quel canto echeggiato nella parte posteriore delle nostre teste che sta dicendo: "Sei troppo bisognoso / egoista / brutto / stupido / testardo per avere ciò che vuoi". Ci istruisce a restare con le nostre difese. "Non chiedere nulla. Prenditi cura di te prima. Non lasciarlo mai troppo vicino. Assicurati che non ti rifiuti. Sii autosufficiente. Agisci come se non ti importasse. Non essere vulnerabile. Non mollare mai il controllo. Sei speciale; meriti di più."

È facile vedere come questa voce possa influenzare pesantemente il nostro comportamento e il modo in cui ci relazioniamo con le persone nella nostra vita. Le credenze distruttive e le istruzioni sbagliate che dirige a noi possono distorcere le nostre reazioni naturali. Potremmo iniziare ad agire in modi che riflettono o compensano queste idee distorte su noi stessi. Potremmo evitare di perseguire un partner romantico o indulgere in insicurezze che ci tengono tranquilli o rimossi. Possiamo proiettare le nostre "voci" sugli altri, percependoli come critici nei modi in cui la nostra voce interiore ci attacca. Quindi reagiamo in modo difensivo o sferziamo distruttivamente. In ognuno di questi casi, non siamo veramente noi stessi. Siamo schierati con il nostro anti-sé e accettando una prescrizione per la nostra identità che è stata scritta dal nostro passato – non dalla realtà del nostro presente.

Quindi, come possiamo separarci da questa identità? Insieme a mio padre, il dottor Robert Firestone, che ha sviluppato Voice Therapy, abbiamo collettivamente scritto e prodotto dozzine di libri, blog, film, articoli, webinar, workshop e studi, discutendo di ciò che funziona in relazione al superamento di questo critico interiore. Recentemente, parlando con mio padre della voce interiore critica e dell'identità, ha portato una componente importante per resistere continuamente all'influenza del nostro anti-sé, e cioè coltivare un compagno compassionevole dentro di noi.

Nel suo recente blog, "Come fare amicizia con te stesso", mio ​​padre ha scritto: "Le persone possono utilizzare il loro potere personale e contribuire attivamente alla propria crescita e allo sviluppo, diventando essenzialmente il loro alleato. A questo proposito è molto importante prendere coscienza del nemico interiore, dei pensieri e degli atteggiamenti negativi che giocano una parte significativamente distruttiva nella tua vita. "Come prendiamo decisioni fondamentali che migliorano e riflettono chi siamo quando siamo così contrari noi stessi? Come possiamo contrastare il processo di pensiero vizioso che si sente come una parte di ciò che siamo?

Un modo è immaginare di avere un vero amico in noi stessi: una presenza interiore che ci racconta storie vere di noi stessi in modo compassionevole. Questa presenza amichevole non è lì per offrire false costruzioni ma per contrastare il nostro critico interiore con il tono gentile e empatico di un amico fidato. Ci incoraggia ad essere socievoli, esteriori, in buona salute, a formulare i nostri obiettivi e ad adottare con delicatezza i passi che ci avvicinano al nostro vero io. A differenza della voce interiore critica, che disturba il nostro senso di pace, questo "compagno" ci aiuta a trovare più pace attraverso la pratica dell'auto-compassione.

La dottoressa Kristin Neff, una ricercatrice principale in questo campo, ha scritto tre elementi che costituiscono l'auto-compassione: auto-gentilezza, consapevolezza e comune umanità. L'auto-gentilezza ci aiuta a fermare tutta l'autovalutazione e la valutazione e invece, essere curiosi, aperti e amorevoli quando si tratta di come ci consideriamo. La consapevolezza ci permette di sederci con i nostri pensieri e sentimenti senza troppo identificarci o diventare inestricabilmente legati e impantanati dalle nostre voci interiori critiche. Infine, l'umanità comune ci insegna che la sofferenza e gli errori fanno parte dell'essere umani. Non siamo individuati come il più o il meno, il meglio o il peggio di qualcosa. Realizzare questo ci permette di essere più centrati e obiettivi su chi siamo nel mondo e su come scegliamo di essere.

Molti di noi hanno la fortuna di avere quell'amico che ci offre questo tipo di prospettiva. Conosciamo una persona che ci eleva, che è nella nostra squadra, che ci vede da una prospettiva compassionevole e realistica. Spesso offriamo anche questa prospettiva ai nostri amici, ma dobbiamo anche coltivare questo atteggiamento verso noi stessi. Come sarebbe camminare attraverso la vita con questa presenza dentro di noi? Quanto sarebbe diverso questo dalle continue chiacchiere della nostra voce interiore distorta e critica? Più scegliamo di impegnarci e attingiamo alla voce di questo amico interiore, più diventeremo forti nel sapere chi siamo veramente. Anche quando sono meschini, gli attacchi di auto si verificano, la nostra identità non sarà minacciata, poiché ricordiamo che possiamo affrontare i nostri limiti con la gentilezza e la pazienza che mostreremmo a qualcuno di cui ci prendiamo cura. Possiamo quindi affrontare il processo di cambiamento da una prospettiva completamente nuova, una meno colorata dal nostro passato e più positiva verso il nostro futuro.

Maggiori informazioni su Lisa Firestone su PsychAlive.org

Solutions Collecting From Web of "Creare un'identità più positiva"