Costruire la resilienza dopo il trauma: lezioni dal Cile

Immagina di vivere in un piccolo villaggio costiero in Cile. Forse peschi o vendi empanadas fatti in casa . Puoi appena dare da mangiare ai tuoi bambini e tenere un tetto sopra la testa, ma lo fai da un giorno all'altro. Poi un evento traumatico colpisce. Forse tuo marito torna a casa ubriaco un giorno e distrugge tutto in casa tua prima che scompaia per sempre, lasciandoti con i tuoi tre figli, i due nipoti che hai anche lui e le fatture da pagare. O forse è uno tsunami che spazza via la maggior parte della tua casa ed elimina la spiaggia che una volta forniva il tuo sostentamento. O un fuoco squarcia tutte le piccole case di legno allineate lungo la spiaggia. Quindi il tuo quartiere è sparito, solo con tutto ciò che un tempo possedevi; e non puoi capire dove o come ricominciare.

Fonte: EPES, con permesso
Fonte: EPES, con permesso

Questi eventi traumatici sono troppo comuni tra le persone che sono state arrestate da continue avversità attraverso le generazioni. Spesso mi chiedo come possano cavarsela. La loro capacità di recupero è un'ispirazione per quelli di noi che si sentono oppressi dalle disavventure che si verificano nelle nostre vite – vite benedette da un sacco di quasi tutto – cibo, riparo, opportunità, educazione, amici, ecc. Ho imparato lezioni che cambiano la vita affrontare il trauma durante i vent'anni che ho viaggiato in Cile per collaborare con l'EPES senza scopo di lucro ( Educación Popular en Salud o Popular Education in Health). Gli esempi dei promotori della salute della baraccopoli di EPES e dei loro vicini mi hanno fornito lezioni che migliorano il mio lavoro con le vittime di traumi nelle strutture di salute mentale negli Stati Uniti. Ecco alcune di quelle lezioni:

1) Non farlo da solo : diventiamo resilienti quando rompiamo il nostro isolamento e ci coinvolgiamo nelle nostre comunità. Durante la brutale dittatura di Pinochet, i cileni si unirono nelle loro baraccopoli e ognuno di loro portò il cibo che avevano in un grande calderone per fare uno stufato condiviso da tutti. Questo olla comun (piatto comune) aiutava a estendere il magro sostentamento. Ancora più importante, ha anche migliorato un senso di scopo comune. I pasti collettivi hanno creato uno spazio in cui le persone potevano discutere delle loro circostanze condivise e immaginare un futuro migliore. Nel suo lavoro urgente di assistenza alle comunità che hanno sofferto gli effetti dei recenti tsunami e terremoti più il suo lavoro quotidiano che affronta problemi di salute come il colera, l'abuso sessuale infantile e la gravidanza adolescenziale, EPES crea opportunità per riunire le persone (specialmente le donne) per diagnosticare i loro ostacoli comuni e creare soluzioni collettive. Possiamo imparare da questo. Le vittime del trauma si rafforzano l'una con l'altra.

2) Crea ordine dal caos: dopo il trauma, il mondo è sottosopra. Se la tua comunità è stata distrutta da uno tsunami che è seguito a un terremoto, come accaduto nel 2015 nella cittadina balneare di Tongoy, in Cile, allora il caos è visibile sotto forma di barche che si estendono nell'entroterra e vuoti distese di spiaggia dove case una volta si alzò. Ma se il trauma è relazionale e i suoi effetti principali sono interni – come la sofferenza causata dall'abuso interpersonale – il caos può essere invisibile agli altri. Sebbene nascosti, gli effetti del trauma interpersonale sono ancora acutamente sentiti sotto forma di sonno perduto, cambiamenti nel mangiare e una nuova sensazione di vulnerabilità. Un programma, compreso il pasto regolare e l'ora di andare a letto, fornisce sicurezza per la vittima del trauma. Anche ordinare il proprio spazio aiuta. Il trauma spesso blocca il ritorno a casa di una persona, sia che si tratti di un trauma o di una violenza domestica. Un programma e uno spazio fisico ordinato forniscono sicurezza alle vittime di traumi per selezionare la loro gamma di sentimenti, ricordi e paure. Dopo il terremoto del 2010 nel Cile meridionale, EPES ha collaborato con Mercy Corps per fornire ai bambini "kit comfort" – zaini con animali imbalsamati, torce elettriche, spazzolini da denti e dentifrici, penne, matite e cartelle di lavoro. Hanno anche fornito gruppi di pari con attività organizzate in cui i bambini potevano elaborare le loro esperienze e sentimenti.

EPES, with permission
Fonte: EPES, con permesso

3) Alimenta la speranza: nell'immediato dopo un trauma, le vittime hanno una prospettiva scorciata del futuro. In genere provano un vortice di emozioni (o intorpidimento) e hanno difficoltà a credere che si sentiranno mai di nuovo normali. Si trovano incapaci di fare piani. Parlare con altri che sono sopravvissuti a eventi simili ispira le vittime a immaginare un futuro più luminoso anche per se stesse.

EPES, with permission
Fonte: EPES, con permesso

4) Impegno per il lungo periodo : a differenza di molte organizzazioni di sviluppo o di soccorso in caso di catastrofi che paracadutano nelle crisi e partono ugualmente all'improvviso quando le ferite immediate vengono fasciate, EPES opera all'interno delle comunità a lungo termine. Oltre trent'anni, ora, e stanno ancora andando forte. EPES ha scoperto che ci vuole così tanto per aiutare le comunità e gli individui a valutare la propria situazione, a escogitare soluzioni, a unirsi con altri e a imparare come lavorare in modo efficace per chiedere un cambiamento. Il recupero personale e della comunità richiede tempo.

EPES, with permission
Fonte: EPES, con permesso

5) Recupera la dignità attraverso l'assistenza agli altri: in genere, gli eventi traumatici sono umilianti. Se quei traumi infliggono danni ai nostri corpi o alla nostra psiche, le vittime di trauma di solito si sentono meno degne di prima. Mentre recuperano la loro compostezza e le loro vite, le vittime diventano sopravvissute e alcune, a loro volta, raggiungono l'aiuto degli altri. Fornire una mano agli altri in condizioni simili può aiutare i sopravvissuti a pensare a se stessi come risorse con conoscenze e abilità. In altre parole, acquisiscono un senso più profondo del proprio valore. EPES costruisce leader di base per il futuro dai sopravvissuti di oggi ai traumi.

EPES, mural says The Larger the Struggle the Greater the Triumph
Fonte: EPES, murale dice "La più grande è la lotta più grande è il trionfo"

6) Art Heals: i membri della comunità cilena lavorano insieme sui murali che dichiarano il rifiuto della violenza da parte della comunità o la celebrazione dei loro successi. Creano anche opere teatrali che illustrano i dilemmi della salute e cuciono arpiller che raccontano le storie delle loro comunità. I trauma sopravvissuti in tutto il mondo traggono beneficio dalla creazione di progetti legati alle loro esperienze, sia attraverso la pittura, la scrittura, la recitazione, il canto, la danza o qualcos'altro. Queste attività non devono essere chiamate "arteterapia" per essere terapeutiche.

La mia vita è stata arricchita incommensurabilmente attraverso il mio lavoro in Cile, dove ho visto EPES costruire la capacità di recupero in individui e comunità in frantumi. Prendo queste lezioni con me e ne faccio uso, sia che io collabori con sopravvissuti alla violenza interpersonale o sessuale, sia che sopravvivi ad altri traumi. Non farlo da solo. Crea ordine fuori dal caos. Nutri la speranza. Impegnarsi per il lungo termine perché il recupero richiede tempo. E rivendica la tua dignità aiutando gli altri. Saggio consiglio qualunque sia il trauma, ovunque si viva.

Se vuoi saperne di più sul lavoro di EPES o fare una donazione a un'organizzazione che trasforma veramente la vita delle persone, unisciti a me per sostenere EPES attraverso la loro controparte statunitense, Action for Health nelle Americhe (AHA): http: // www .actionforhealth.org /

  • Una recensione di "Big Little Lies" della HBO
  • La moralità in evoluzione di Obama sfida gli assolutisti religiosi
  • Da vergognarsi di essere potenziato
  • Non saranno mai uguali
  • Abuso relazionale: da sottile a violento
  • Bere sul posto di lavoro: Cool Perk o Pendenza scivolosa?
  • I terroristi nostrani sono attivi in ​​America
  • Perché colpisce: la psicologia di un violentatore
  • Insegnare per il test o l'insegnamento per la vita reale?
  • Gli autori sono anche persone
  • Trauma e PTSD: più comune di quanto pensi
  • Divorzio e recessione
  • Perché le parole possono far male almeno quanto bastoni e pietre
  • L'abuso emotivo viola i diritti civili
  • La crisi nazionale della divulgazione della violenza sessuale
  • Il peso della ferita morale collettiva
  • Quando una relazione ti fa male
  • Le 5 idee sbagliate più comuni sulla malattia mentale
  • Sei irrequieto? Sleep Loss, Irritability e Violence
  • Pensa a Pink for Girls
  • Laurie Reid sulla violenza da figlio a genitore
  • Wired to Connect: il nostro sistema nervoso avvisa prima Harm
  • Cari Padri: Parliamo ai nostri figli della mascolinità tossica
  • Dipendenza da oppiacei: un racconto prudente e un caso di discussione
  • C'è una differenza tra privacy e segretezza
  • Crimine dopo il crimine
  • Governare per abusi domestici: dal romanzo all'isolamento
  • Quindi sei in una relazione con un narcisista, e adesso?
  • Perché la leadership "macho" prospera ancora
  • La tempesta perfetta: come contribuiamo inavvertitamente all'abuso familiare
  • Fare il voto: prendersi cura dei nostri bambini nelle scuole
  • Non dare via al tuo potere
  • Dinamica segreta di abuso emotivo, sessuale e fisico
  • Qual è il tuo cancro?
  • La rabbia eccessiva è un disturbo emotivo..Shh! Non dirlo!
  • Crimini di odio respinti dall'odio di gruppo