"Costretto" a ucciderti per primo

C'è un modo speciale per suicidarsi, e cioè: prendi qualcun altro con te. È l'ultimo asso nella manica per coloro che sostengono che il suicidio è un atto egoistico – e ho continuato a discutere su questo punto da quando un caro amico si è suicidato poche ore dopo la nostra ultima telefonata anno fa. Rimuoversi per sempre dal mondo, perché i problemi della vita sembrano altrimenti insolubili, è abbastanza grande. Maneggia tornado che non si placano mai. Ma uccidere gli altri, poi uccidersi, è uno spettacolo di mostruosi contrasti: è un'esibizione di potere terrificante (sulla vita stessa, e non solo mia ma anche la tua) ma anche di patetica impotenza (non riusciva a gestire la vita ma non poteva gestire la morte, quindi bisogno di compagnia). È feroce ma codardo. Autoossesso ma iper-sociale. È al tempo stesso un grido di aiuto e un comando da condannare.

Presumibilmente pietoso ma consumabilmente crudele.

Il mese scorso, un uomo della California meridionale apparentemente sconvolto per la perdita del lavoro ha ucciso sua moglie e cinque bambini piccoli prima di uccidersi. Armato di pistola, Ervin Lupoe "evidentemente vagabondava da una stanza all'altra" nella casa di famiglia "sparando fatalmente alla moglie e ai cinque figli piccoli – tra cui due serie di gemelli", abbiamo letto sul Los Angeles Times. Lupoe aveva mandato via fax una lettera a una stazione televisiva locale sostenendo che "mia moglie sentiva che sarebbe stato meglio porre fine alle nostre vite", sebbene investigatori e parenti credessero che il bagno di sangue fosse interamente suo. "Sapendo che non abbiamo lavoro e cinque bambini sotto gli 8 anni senza un posto dove andare", Lupoe scrisse in quella lettera, nessuna altra scelta sembrava praticabile: "Perché lasciare i nostri figli nelle mani di qualcun altro?"

Ottima domanda, mio ​​amico assassino di massa. Perché lasciarli nelle mani di qualcun altro? Risposta: Perché, lì, sarebbero vivi oggi. Qui vediamo l'egoismo ad alta velocità del pensiero suicida: "Le mani di qualcun altro," quelle di qualcun altro, sono inaccettabili per l'uomo che sente che poiché ha perso il lavoro non riesce più a tenere quei bambini comodamente nella sua.

"Un marito dal cuore spezzato ha ucciso sua moglie prima di uccidersi con un trapano elettrico dopo aver concluso il loro matrimonio su Facebook", ha scritto una storia la scorsa settimana sul Daily Mail. "L'ingegnere elettrico Gary Grinhaff ha picchiato a morte la moglie Tracey dopo aver cambiato il suo status di Facebook in" separazione con il marito ". Poi ha guidato verso i boschi vicini dove ha cercato di uccidersi in un certo numero di modi diversi prima di riuscire finalmente ".

Tracey aveva una relazione, un fatto che Grinhaff aveva confermato infastidendo la sua auto e seguendola. Dopo aver picchiato Tracey a morte nella camera da letto della coppia a notte fonda, mentre le loro figlie, tredici e tredici anni, dormivano nelle stanze vicine, si diresse verso la foresta, dove "si uccise trapanandogli una gamba e armando con la sega per il suo trapano elettrico cordless. "La polizia ha trovato le note di suicidio nella sua auto. In uno, Grinhaff ha scritto: "Questo non può andare avanti, questa è la mia unica via d'uscita". Un'altra nota, indirizzata alla figlia tredicenne, "esprimeva dispiacere per l'affare combinato con la rabbia di essere stato" costretto "a seguire sua moglie per confermare i suoi sospetti. "

Ah, "forzato". Quelli di noi che hanno perso i propri cari al suicidio conoscono fin troppo bene questa parola, insieme a "Non ho altra scelta" e "Senza di lui, non ho niente." Il mondo diventa nero -e-bianco per la persona suicida, e il futuro diventa il più nero di tutti: un vuoto totale. Credendo di essere "costretto" a uccidere la moglie infedele e poi se stesso, Grinhaff fu anche "costretto" a rendere le sue giovani figlie non solo orfane ma i figli di un assassino.

La voce passiva: sono forzato. Vale a dire: qualcuno o qualcos'altro oltre a me è la colpa.

E nelle notizie di oggi: "Un direttore della compagnia ha ucciso a morte sua moglie prima di camminare tranquillamente verso una stazione ferroviaria a 100 metri dalla sua porta e gettarsi sotto un treno. Il corpo decapitato di Mark Findlay è stato scoperto sui binari della stazione Marston Green di Birmingham ieri. "Secondo il rapporto, la polizia ha trovato la 36enne Helen Findlay morta nella casa delle 300.000 sterline della coppia, dove i Findlay avevano corso un business di successo che vende Yu-Gi-Oh! e materiali Pokémon. I loro figli, di tredici e sei anni, alloggiavano con parenti in quel momento. Secondo i vicini, "la coppia aveva avuto difficoltà matrimoniali".

Bene, i problemi di quell'uomo sono stati risolti. Aspetta, o sono loro?

Ogni suicidio porta con sé altre vite, indipendentemente dal numero di cuori umani che tecnicamente smettono di battere. Rendere letterali e irrevocabili quei takedown è un crimine che mi piacerebbe punire, ma non posso.

Solutions Collecting From Web of ""Costretto" a ucciderti per primo"