Cose da fare oggi: Cosa c'è nella tua lista?

Qualche tempo fa, il sito web Open Culture ha pubblicato una lista di cose da fare scritta ad un certo punto della sua vita dalla leggenda della musica country Johnny Cash, uno dei musicisti più influenti del ventesimo secolo. Non sappiamo quanti anni avesse in quel momento, ed è l'unica lista di questo tipo che abbiamo. Quando Johnny Cash si sedette e fece una lista di "Cose da fare oggi", mise dieci cose sulla lista. Eccoli:

1. Non fumare

2. Kiss June [sua moglie]

3. Non baciare nessun altro

4. Tosse

5. Pipì

6. Mangia

7. Non mangiare troppo

8. Preoccupati

9. Vai a vedere mamma

10. Pratica il piano

Questa lista, nota la redazione di Open Culture, "sembra quasi come qualcosa che tu ed io avremmo potuto scrivere, la roba dei mortali. In un dato giorno, tutti noi "tossiamo", "mangiamo" e "facciamo pipì". Noi lottiamo con il potere della volontà (non mangiare troppo, forse non fumare, e forse non scherzare con nessuno se non il nostro coniuge). E speriamo di essere buoni con i nostri cari. Quindi cosa distingue Johnny Cash dal resto di noi? Solo giugno e il pianoforte. "

La lista delle cose da fare di Johnny Cash mescola due tipi di eventi: quelli che devi mettere su una lista di cose da fare e quelli che non hai. La maggior parte di noi tossisce, fa pipì, mangia e si preoccupa ogni giorno, indipendentemente dal fatto che queste attività si inseriscano o meno nelle nostre liste di cose da fare. Abitualmente facciamo queste cose, e quindi non abbiamo realmente bisogno di prendere decisioni sul fatto che le faremo o no.

Le altre cose sulla lista sono una questione diversa. Visiteremo le persone a cui teniamo? Praticheremo le abilità che ci sostengono? Se queste attività non sono abitudini incorporate, allora dobbiamo decidere se le faremo o no. La presenza di non fumare sulla lista di Johnny Cash suggerisce che il fumo era davvero un'abitudine, e che in assenza di una decisione consapevole del contrario, probabilmente finirà per fumare.

Le cose che facciamo ogni giorno finiscono per adattarsi in tre categorie: le cose che facciamo istintivamente, le cose che facciamo abitualmente, e le cose che dobbiamo prendere decisioni sul fare. Blaise Pascal, un matematico e filosofo francese del XVII secolo, una volta descriveva l'abitudine come la nostra seconda natura. La nostra prima natura è la natura stessa, osserva Pascal, e l'abitudine è una seconda natura. In altre parole, la nostra prima natura è costituita da cose che facciamo istintivamente, e la nostra seconda natura è costituita da cose che abitiamo abitualmente. Tutto il resto su cui dobbiamo prendere decisioni. La vita è fatta di istinti, abitudini e decisioni.

Data questa situazione, il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di prendere il minor numero possibile di decisioni sulle cose che contano di più. Le cose che contano devono essere incorporate nelle nostre vite come abitudini in corso, piuttosto che languire sulle nostre liste di cose da fare. Se è importante, rendilo un'abitudine; renderlo una seconda natura. Allora accadrà senza che nemmeno noi ci pensiamo.

Se le tue liste di cose da fare sono come le mie, tuttavia, sono più lunghe di quanto vorresti e meno cose vengono tagliate ogni giorno di quanto desideri. Perché? Perché abbiamo preso la decisione che dovrebbero essere fatti, ma non abbiamo preso la decisione di farli, almeno non ancora. Il nostro obiettivo, ironia della sorte, dovrebbe essere quello di smettere di prendere decisioni sulle cose che contano di più. In altre parole, dobbiamo ridurre le decisioni facendo ciò che conta di più nelle abitudini.

Ad esempio, alcune persone diventano vegetariane perché è più semplice che cercare di capire se una particolare mucca o pollo o agnello avesse il tipo di vita che avrebbero approvato moralmente. Alcune persone smettono di bere alcolici perché è più semplice che navigare tra il giusto e il troppo. Alcune persone mangiano pesce il venerdì, o vanno sempre a casa della nonna per il Ringraziamento, o vanno sempre in palestra alle 6 del mattino. In ognuna di queste situazioni, se devi prendere una decisione, allora non è una seconda natura, almeno non ancora.

Per assicurarti che le cose più importanti vengano fatte, indipendentemente da dove ti trovi o da che altro sta andando, lavora per renderle una seconda natura. Riduci le decisioni. In tal modo, diventerai la persona che desideri diventare e dovrai prendere meno decisioni lungo il percorso.

Solutions Collecting From Web of "Cose da fare oggi: Cosa c'è nella tua lista?"