Coscienza rivelata

From Wikimedia Commons,  This work is free and may be used by anyone for any purpose.
Fonte: da Wikimedia Commons, questo lavoro è gratuito e può essere utilizzato da chiunque per qualsiasi scopo.

Il signor Jones, di notte, stava pescando qualcosa in una fogna sotto una luce stradale. Un passante gli ha chiesto: "Hai lasciato cadere le tue chiavi in ​​questa tempesta?"

"No, non li ho lasciati qui. Li ho lasciati per strada, ma qui è dove c'è la luce. "

Parte I

Quando consideriamo l'evoluzione della specie umana, ciò che ci rende umani non è definito dalle nostre uniche funzioni umane, come i pollici opponibili, il pensiero astratto, il ragionamento o le capacità computazionali: quelle sono buone. La caratteristica che definisce la nostra specie è il "gioco della coscienza". La coscienza è organizzata come gioco, un dramma vivente, nel teatro del cervello. Questa non è una metafora, è letterale. Il cervello crea un mondo rappresentazionale che consiste in un cast di personaggi che si relazionano tra sentimento, scenari, trame, scenografie e paesaggi. Una volta formato, percepiamo il mondo come filtrato attraverso un prisma già esistente della sua narrativa, e il film interiore sovrapposto alla realtà.

I miliardi di dollari di ricerca sulle malattie fittizie del cervello, che tracciano geni apparentemente difettosi, o neurotrasmettitori, sono un'impresa infruttuosa che cerca in tutti i posti sbagliati. Un sacco di ricerche sul cervello ai migliori successi su una moda e metastasi. Nel peggiore dei casi, segue i grandi guadagni delle compagnie farmaceutiche o cerca di adeguarsi all'agenda politica autonoma dell'APA nella sua agenda attuale, la ricerca di indicatori biologici. La maggior parte dei ricercatori del cervello studiano le "parti" del cervello, ma mancano il "tutto". Gli scienziati balzano verso conclusioni speculative dalle parti, proprio come i ciechi e l'elefante. Queste false promesse non equivalgono mai a nulla. Il cervello opera globalmente come un "intero" ed è maggiore della somma delle "parti".

Come psichiatra ho avuto l'insolita situazione di vedere tante persone diverse, che nel corso degli anni hanno avuto tutta la gamma della sofferenza umana. Sono così indebitato con i miei pazienti a cui sono state affidate le loro più profonde vulnerabilità nella speciale intimità della terapia. È stato durante le molte terapie che ho imparato a conoscere il gioco della coscienza stessa. Non mi sento del tutto degno di aver trovato questa comprensione. È rassicurante mostrare alcune ricerche che riguardano il cervello nel suo complesso e supporta questa comprensione della coscienza.

Il cervello distilla la nostra esperienza attraverso l'elaborazione corticale top-down del gioco, per creare il significato e la coerenza della nostra vita da momento a momento. Determina le nostre immagini dei nostri sé individuali e la nostra vita relazionale emotiva.

L'elaborazione top-down è la funzione cerebrale corticale che semplifica e rende possibile la nostra capacità di eseguire le complessità della vita.

Sarebbe troppo ingombrante per il cervello analizzare di nuovo l'intera schiera di informazioni dai sensi e dai nervi del corpo e collegarlo alle nostre capacità motorie, insieme alle nostre intenzioni, in ogni momento. Non saresti in grado di sollevare un cucchiaio alla tua bocca, non preoccuparti di bilanciare una fragola su di essa, o racchiudere la tua intenzione, o avere un senso coerente di "te". La corteccia stabilisce un modo per fare tutto questo, con un piccolo dispendio di tempo, sforzi e attenzione il più possibile. L'elaborazione top-down crea una forma simbolica da enormi quantità di informazioni e impone le sue immagini sulla realtà. (Vedi parte II)

La creazione di immagini di personaggi, la loro relazione emotiva e le trame di vita – l'intera gamma di tragedia e commedia – è il dramma.

Descrive il più alto livello di ordine nell'organizzazione del cervello. Camminiamo tutto il giorno, ognuno di noi, in questa bolla sintetica di coscienza cervello-corpo, la nostra dotazione genetica.

L'aspetto specifico e unico del genoma umano che genera il gioco è la nostra amigdala finemente sviluppata, il sistema limbico e l'ippocampo. È attraverso le loro funzioni che viene creata la nostra coscienza. Sottolineerò qui le implicazioni per la psichiatria, sebbene la vasta ricchezza del dramma racchiuda sogni, miti, religione e arte. Affinché la consapevolezza della coscienza sia valida, deve conformarsi all'effettivo cervello-corpo nel suo sviluppo e organizzazione. Non può essere un pastiche di idee che si adatta alla teoria di qualcuno, ma non corrisponde alle realtà del genoma umano, poiché orchestra la morfogenesi nel corpo del cervello. Allo stesso modo, affinché la comprensione delle operazioni della coscienza sia significativa, deve essere in consonanza con le realtà della vita umana.

Il gioco della coscienza si cristallizza quando un bambino ha circa sei settimane. La funzione dell'amigdala fetale e del sistema limbico era quella di mappare le nostre interazioni di sopravvivenza con il nostro ambiente materno nel grembo materno. Questo circuito cerebrale collega il corpo, gli ormoni, il cervello sottocorticale e la corteccia – l'amigdala per gli impulsi di paura e piacere; l'ippocampo per incollare ricordi; il giro cingolato per l'attenzione e le funzioni autonome, come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna; l'ipotalamo per la regolazione del sistema nervoso autonomo; e il talamo, la stazione di rilancio dalla subcorteccia.

Lo sviluppo del nostro sistema limbico è progressivo e in corso in tutta la nostra vita fetale / neonatale. Nel momento in cui nasciamo, questi circuiti limbici sono sufficientemente sviluppati per essere organizzati per i nostri appetiti fondamentali e le emozioni rudimentali di paura, rabbia, allarme, tristezza, soddisfazione, piacere, fame e sete. Mappiamo il nostro attaccamento materno, la reattività e la fornitura di esperienza attraverso il nostro sistema limbico. Questo è tutto attraverso il sentimento.

A sei settimane di vita, queste mappature creano una forma simbolica abbastanza elevata da generare due personaggi, l '"Essere autentico" e l'Altro "Altro responsabile" nel teatro del cervello. Si relazionano insieme attraverso il sentimento dell'amore materno. Questo è l'inizio del gioco.

Questi personaggi sono ancora senza forma. Il cervello è ancora troppo immaturo per creare forme rappresentative. L'Essere Autentico è un "sentimento" di un essere senza forma. In realtà, la cartina di tornasole su quando inizia la coscienza, è quando la madre si sente un agitarsi nel suo petto risuonando con il suo bambino. E il suo bambino risponde al suo sentimento. Prima di questo, la madre è predisposta ad amare il suo bambino. A sei settimane, si sente e si innamora di lui. Prima di quel momento, il bambino ha mappato la realtà fisica, i movimenti e la presa fisica. Ma ora mappa le emozioni. Questi personaggi non matureranno in una forma rappresentativa completamente tridimensionale fino a circa tre anni. Nondimeno, questi rudimentali personaggi sono l'inizio del gioco. D'ora in poi elaboreremo la nostra esperienza, non più direttamente, ma filtrata attraverso il gioco in corso. Quando il cervello crea una forma rappresentativa, mettiamo insieme immagini di persone e cose. Da quel momento viviamo in un mondo tridimensionale e ci identifichiamo con quelle immagini rappresentative.

Le precedenti mappature cerebrali rimangono tuttavia in atto e attivate. Di conseguenza c'è una discrepanza costruita in ognuno di noi. C'è una disgiunzione tra il ruolo del sé adulto, la figura della maschera suonata sul palcoscenico e la persona dietro la maschera, l'Essere Autentico. ("Per sona" in latino si riferisce al teatro greco in cui gli attori indossavano maschere: Persona indica il suono proveniente dal foro della bocca, la persona dietro la maschera). Tutti noi abbiamo una risonanza che il nostro io più profondo non è compreso dal nostro senso comune di sé. Ogni persona sente la presenza del suo Essere-autentico nascosto, in un modo o nell'altro. È generato da circuiti consolidati di mappe limbiche corticali, un artefatto della morfogenesi della coscienza. Questi circuiti rimangono per tutta la vita come l'agenzia che genera la sensazione del nostro essere. È l'ancora del nostro amore. È la voce silenziosa dentro di noi. È la nostra innocenza. È la fonte della nostra creatività. È la fonte della nostra coscienza. È la fonte della nostra vitalità. Niente di tutto questo è magico. È solo il modo in cui la coscienza è organizzata nel cervello.

Questo è così importante per la psichiatria perché quando siamo soggetti a trauma, scriviamo commedie traumatiche. Tali giochi diventano la nostra struttura di riferimento. Filtriamo l'esperienza in corso attraverso i nostri drammi traumatici.

Aggiungerei qui che i nostri drammi profondamente radicati sono intrecciati con i nostri temperamenti. (Vedi – "La domanda di natura-nuraghe – Natura").

Quando l'Essere Autentico è soggetto a privazioni e abusi, siamo danneggiati al centro. Questo può predisporci alla possibilità di una psicosi futura. Privazione e abuso nei primi anni scrive drammi sadomasochistici di violazione e oscurità. Questo influenza fortemente le nostre personalità. Mentre il ramoscello è piegato, cresce l'albero. Invecchiando e abusando (fisico, sessuale, emotivo, di guerra, perdita, morte, divorzio, povertà, malattia, ecc.) Nell'infanzia, nell'adolescenza e nell'età adulta, abbiamo il potere di riscrivere le nostre commedie e generare nuovi drammi traumatici coniate .

Nel teatro della coscienza, "tutto il mondo è un palcoscenico", dove recitiamo i nostri spettacoli invisibili. I nostri spettacoli determinano le nostre figure maschere e influenzano il nostro destino. Viviamo e realizziamo il nostro invisibile gioco interiore, tutti noi.

Ora, ecco la domanda importante: il destino del gioco interno e la maschera del "sé adulto" sono immutabili? Siamo destinati a giocare il suo destino? Oppure possiamo intervenire e contrastare gli dei?

Questo ci porta al teatro vivente della psicoterapia. La psicoterapia opera attraverso la presa emotiva con il terapeuta entro i confini della psicoterapia. Questo permette al paziente di piangere e riprendersi dal dolore e dal trauma che hanno plasmato il suo personaggio, come risultato dei nostri drammi traumatici. Il paziente disattiva quindi il suo vecchio gioco problematico e ne scrive uno nuovo nel cervello nello stesso modo in cui la storia del personaggio è stata scritta in primo luogo. La psicoterapia è il processo specifico che riguarda il gioco della coscienza, i dolori e le lotte delle nostre personalità e delle nostre vite. In definitiva la psicoterapia riguarda il recupero del nostro Essere Autentico. Stranamente, questo sembra solo psicologico, ma in realtà è biologico. In realtà tutto è biologico. Soprattutto, funziona e non viola il nostro cervello come le droghe psicoattive o ECT. (Vedi "Smashing the Neurotransmitter Myth").

Ci sono due studi insoliti e belli dal laboratorio di Gallant all'UC Berkeley. Entrambi questi studi rivelano il modo in cui la memoria opera al livello molto alto dell'ordine simbolico riguardante il linguaggio e la visualizzazione dei film nel cervello. In effetti, ogni carta riflette in realtà come il gioco della coscienza si manifesta nel cervello.

In "Gli scienziati usano l'imaging cerebrale per rivelare i film nella nostra mente" di Yasmin Anwar, Media Relations, 22 settembre 2011, "Fino ad ora la tecnologia è in grado di ricostruire solo i filmati che le persone hanno già visto. Tuttavia, la svolta apre la strada alla riproduzione dei film nelle nostre teste che nessun altro vede, come i sogni e le memorie, secondo i ricercatori ".

Il secondo è "Il linguaggio naturale svela le mappe semantiche che tessono la corteccia cerebrale umana" di Alexander G. Huth et.al. Mentre i volontari ascoltavano ore di storie narrative in laboratorio, la loro attività cerebrale veniva monitorata usando l'fMRI. Queste scansioni hanno registrato un aumento del flusso sanguigno in diverse regioni del cervello, suddivise in piccoli cubi chiamati voxel. "Queste mappe semantiche ci forniscono, per la prima volta, una mappa dettagliata di come il significato è rappresentato attraverso la corteccia umana. Piuttosto che limitarsi a poche aree cerebrali, scopriamo che il linguaggio coinvolge regioni molto ampie del cervello. " Sono quindi stati in grado di localizzare come le parole sono state distribuite in modo significativo in tutta la corteccia. Associazioni significative adiacenti a un'area del cervello per moglie / madre sono state trovate attivate da parole correlate, incluse quelle relative all'ubicazione, come "casa" e "appartamento". Il seguente video mostra i risultati. Le posizioni delle mappature per le diverse aree del cervello mostrano che le parole visive si trovano nelle aree visive, le parole emotive nelle aree limbiche. ecc. Il cervello è mappato in modo tale che le narrazioni e i film siano il più alto ordine di significato.

Se poi riconosciamo che la coscienza stessa è un'illusione cerebrale, generata dall'ippocampo. È una simulazione della realtà. La nostra consapevolezza momento per momento in questa continua simulazione, attraverso il tempo, viene vissuta come reale. Questo è vero nella nostra vita di veglia e spiega perché i sogni e l'esperienza allucinogena sembrano del tutto reali. Vedi il video di "Consapevolezza è memoria" di Matt Faw. Viviamo in film di realtà che sono creazioni sintetiche dal nostro cervello, in particolare dall'ippocampo.

La nostra narrativa interna viene elaborata sempre attraverso i sentimenti del nostro sistema amigdala e limbico. Sono distribuiti in memoria in tutto il cervello come mostrato dal laboratorio di Gallant. La morfologia, le strutture organizzate e le vie di reti neuronali complesse attraverso l'architettura del cervello creano modelli di schemi di modelli che consentono il dramma caratterologico.

L'ippocampo prende la nostra narrativa di gioco interno e genera il film interno della nostra coscienza.

Seconda parte

Tratterò qui come il cervello incorpora le informazioni e costruisce verso la creazione del gioco. La corteccia dà ordine e coerenza alle informazioni unificando enormi quantità di bit di informazione in forme più avvolgenti. Questo segue dal modo ordinato in cui i suoi canali neuronali si collegano elettrochimicamente, l'uno all'altro. Due neuroni vengono permanentemente collegati da processi chimici che si stabiliscono nelle sinapsi (spazi) tra loro. Ciò consente a una corrente elettrochimica attivata di viaggiare lungo un percorso stabilito di neuroni collegati come un filo elettrico. Questi circuiti elettrochimici permanenti e intatti creano memoria neuronale. Le singole unità di informazioni vengono collegate in schemi. Una rete di circuiti neuronali (incollati con memoria) costituisce un modello di informazione. Questi siti web si collegano con altri siti Web per creare reti più grandi. Queste reti di reti di web creano reti più grandi che mappano tutto attraverso l'architettura della corteccia.

La moltiplicazione di questi circuiti crea una piramide di ordine. Le informazioni sensoriali dai cinque sensi e i loro impulsi neuronali sono nella parte inferiore della piramide. Quelle sono semplici unità di informazione. Questi modelli si collegano ad altri modelli e diventano unità di informazioni di livello superiore. Poiché questi modelli si connettono a modelli più grandi e più elaborati, creano unità di informazioni di livello ancora più elevato. Gli strati superiori della piramide, derivanti dalle mappe corticali di fascia alta, creano le forme simboliche utilizzate nell'elaborazione top-down.

Il cervello ha altri modi per collegare mappe di informazioni a livelli di ordine molto più alti, al di là delle piramidi di ordine. Poiché molti neuroni possono connettersi in un'unica sinapsi, più circuiti neuronali si agganciano l'un l'altro, non solo due. Quindi circuiti multipli di neuroni vengono collegati. Questo moltiplica ancora di più i modelli di circuiti che si collegano ai circuiti. E infine, ci sono gangli di neuroni chiamati nuclei cerebrali, che agiscono da hub per aumentare in modo massiccio la connettività dei circuiti neuronali, creando ulteriori reti di connessioni, che si irradiano verso l'esterno. Questo crea un livello superiore di ordine e unifica pattern aggiuntivi in ​​costellazioni di pattern, creando pattern più grandi. Queste enormi reti di circuiti neuronali si uniscono per creare l'architettura delle mappature che stabilisce mappe corticali di fascia alta. Per renderlo ancora più complicato, i vari neurotrasmettitori di connessione colorano qualitativamente le forme simboliche risultanti.

Quando prendono forma i livelli superiori di ordine, sono sempre più astratti dalle informazioni originali e assumono una forma simbolica. Prendiamo il linguaggio come esempio. La lingua è un alto livello di ordine in cui un bambino si sviluppa ovunque da uno a tre anni. Considera la parola "nuotare". Rappresenta e rappresenta l'attività complessa e l'esperienza del nuoto. Tuttavia, dalla parola "nuota", non mi bagna, non mi prendo a calci, non riesco a schizzare e non ho bisogno di un asciugamano. Riduce il tutto a una parola di quattro lettere. I circuiti dei circuiti che mappano "nuotare" sono l'unità operativa che crea la parola. "Swim" è un'astrazione per un enorme complesso di informazioni che mi consente di comunicare, in stenografia, a te.

La parola "nuotare" è un simbolo astratto, non la cosa. Una volta stabilita una rappresentazione simbolica, diventa il prisma attraverso il quale vediamo. È in una notevole rimozione dall'esperienza reale del nuoto. Una volta stabilita la mappatura corticale per "nuotare", i livelli di ordine inferiori che comprendono l'ospite delle cose che nuotano sono automaticamente aggirate. La lingua funziona in modo simile alle immagini visive. Se guardo sott'acqua in riva al lago, vedo rocce sott'acqua. Questa immagine proiettata dall'alto verso il basso di "rocce sott'acqua" supera di corsa i livelli inferiori di ordine che vedono linee spezzate letteralmente ondulate, luci scintillanti e colori mutevoli. Invece, vedo delle rocce.

Questa piramide di ordine consente alla corteccia di organizzare e assimilare incredibilmente grandi quantità di informazioni in modo molto rapido ed efficiente. La lingua ci consente di parlare. Tuttavia, tieni presente che il linguaggio può essere abbastanza fuorviante. C'è un prezzo da pagare per questa stenografia corticale rappresentazionale. Le forme simboliche, prese come realtà, sono in contrasto con l'attualità che rappresentano.

Il processo corticale di creare forma e ordine funzionale da un'incredibile quantità di informazioni è straordinariamente efficiente. La piramide dell'ordine, creata riducendo le informazioni in schemi, opera esponenzialmente. Ecco un semplice esempio di espansione esponenziale. Diciamo che hai strappato una pagina da un libro. Se dovessi piegarlo in mezzo cinquantanove volte, il suo spessore raggiungerebbe il sole. Non preoccuparti; non puoi fisicamente farlo, ma puoi fare i conti. Inizia con lo spessore di una pagina – 1/300 di pollice – e raddoppialo cinquantanove volte. Ciò si traduce in 1.767.744.000.000.000 di carta spessa in una pila che si estenderà per novantatré milioni di miglia.

Il cervello funziona esponenzialmente al contrario. Dà forma e ordine a grandi quantità di informazioni riducendole in modo esponenziale. Diciamo che il cervello è sommerso da 1.767.744.000.000.000 di informazioni di cui avere un senso. Funziona collegando i bit insieme. Le unità di due bit collegati insieme creano 883.872.000.000.000 di modelli di due unità. Ripetendo questo processo e collegando insieme i pattern a due bit con altri pattern a due bit, ora abbiamo 441,936 milioni di modelli di quattro bit. Se questo processo fosse ripetuto solo cinquantanove volte, creerebbe una forma simbolica coerente tra tutte quelle unità di informazione.

Il cervello crea l'ordine includendo, associando e riducendo incredibili quantità di informazioni complesse e diversificate in pezzi di dimensioni ridotte. Lo fa integrando le mappe associate di livelli inferiori di forma simbolica, che a loro volta sono stati creati integrando mappe associate di livelli inferiori di forma simbolica. Queste reti di neuroni connessi creano mappe cerebrali di associazioni di costellazioni che creano la stenografia di forme simboliche funzionali, coerenti. Le informazioni nella parte superiore della piramide assumono la forma delle immagini e degli stati emotivi utilizzati per l'elaborazione top-down.

In cima alla piramide c'è il gioco invisibile di coscienza.

Robert A. Berezin, MD è l'autore di "Psicoterapia del personaggio, il gioco della coscienza nel teatro del cervello"

www.robertberezin.com

Solutions Collecting From Web of "Coscienza rivelata"