Cosa trattiene le persone dall’abbandono delle abitudini basate sull’ansia?

Ci sono più ostacoli a rinunciare al comportamento disordinato di quanto si possa pensare.

Unsplash

Fonte: Unsplash

Sono un grande fan di indossare gli stessi tipi di vestiti più giorni per ridurre l’affaticamento decisionale. Indosso pantaloncini, canottiere e infradito praticamente ogni giorno (aggiungendo una felpa con cappuccio e passando alle scarpe da ginnastica in inverno). Tuttavia, avevo preso l’abitudine di indossare sempre versioni nere di questi. Non c’era una ragione per questo. Non era che volevo particolarmente indossare sempre il nero. Mi ero appena abituato a questa abitudine, nella misura in cui mi sentivo inibito nel fare un’altra scelta. Un giorno sono andato a comprare canottiere nere e ho scelto spontaneamente di comprare anche tutti gli altri colori. Penso di aver comprato tre di ogni colore che avevano.

Questo è un esempio molto, molto piccolo (e non disordinato), ma un processo simile può accadere quando le persone vogliono “abbandonare” un altro, più significativo modello di comportamento, compresi i comportamenti che fanno parte dei disturbi d’ansia clinica. Ad esempio, quando:

  • Qualcuno con l’agorafobia decide che vogliono provare a camminare alla loro casella di posta.
  • Qualcuno con un disturbo alimentare decide di concedersi un cibo che è nella loro lista proibita.
  • Qualcuno con una fobia volante decide di provare a prenotare un volo piuttosto che sopportare un disco di 10 ore.
  • Qualcuno che è sempre ubriaco e gioviale alle feste vuole prendersi una pausa dal bere senza perdere i propri amici.

Ogni volta che qualcuno vuole rinunciare a un modello di comportamento, ci sono barriere psicologiche per farlo, oltre a superare la paura legata al comportamento stesso. Capiamo alcuni di questi.

Nota importante: non intendo minimizzare la lotta e l’angoscia di chi soffre di problemi clinici, sto semplicemente evidenziando le barriere spesso trascurate di cambiamento che non sono specifiche del particolare disturbo della persona.

1. La paura di altre persone che fanno commenti snarky.

Nella mia mente, indossare colori diversi dal nero era destinato a suscitare commenti snervanti da parte dei miei amici e della mia famiglia. In realtà, non penso lo sia stato. Tuttavia, se apporti una modifica, potrebbe essere necessario tollerare i commenti degli altri. Probabilmente sopravvaluti su ciò che saranno, e sottovaluti la tua capacità di far fronte con successo a questi. Anche i commenti positivi possono spingere la tua ansia, per ragioni che entreremo in seguito. Credi nella tua capacità di far fronte a qualsiasi cosa la gente dica!

2. Paura di perdere i tuoi supporti.

Le persone con problemi spesso hanno dei supporti per aiutarli con quelle difficoltà. Ad esempio, se soffri di disturbo di panico, un coniuge o un genitore potrebbero guidarti. È comune per le persone temere che, se si diramano, i loro supporti decideranno che non sono necessari. Potresti temere che i tuoi sostegni ti vedano progredire e assumere che sei capace di essere un cambiamento permanente o di superare tutte le tue aree di ansia.

Le persone che stanno vedendo un terapeuta spesso temono di perdere il sostegno di quel terapeuta quando le loro condizioni migliorano. Se ti senti così, riconosci che nella maggior parte dei casi sarai in grado di tornare dal terapeuta, se necessario. Di solito è la tua decisione in merito alla necessità di tenere le sessioni in sospeso, e il terapeuta non tipicamente “scarica” ​​i propri clienti prima che il loro cliente si senta pronto. Se sei preoccupato di far fronte senza il tuo terapeuta, stampa questo articolo e portalo avanti per mostrarti terapeuta per iniziare una discussione.

3. nervosismo di identità.

Formiamo le nostre identità in base al nostro comportamento e ai nostri modelli di pensiero. Potresti identificarti con forza come qualcuno che indossa il nero, chi è vegetariano o chi ha un disturbo particolare. Il pensiero di questo spostamento dell’identità può provocare ansia, spesso senza altra ragione se non il fatto che il cambiamento è inquietante e il cambiamento legato all’identità è particolarmente vero. Gli umani sono generalmente bravi ad acclimatarsi alle nuove identità e lo facciamo regolarmente durante le transizioni della vita, come quando si diventa genitori o quando si inizia un college.

I nervosismi di identità possono riguardare la perdita di alcune reti di supporto, per esempio qualcuno che si riprende da un disturbo d’ansia potrebbe essere coinvolto in comunità online collegate a tale disturbo. Oppure, qualcuno che beve molto potrebbe far parte di un gruppo sociale per il quale questa è la norma.

4. Paura di non poter tornare ai tuoi vecchi modi.

Le persone che vogliono provare a uscire dalla loro zona di comfort a volte temono di non essere in grado di tornare ai loro vecchi modi se dovessero scegliere di farlo. Logicamente, non c’è niente per fermarti. Se vuoi provare a rinunciare ad alcuni aspetti del comportamento disordinato, puoi sempre tornare ai tuoi vecchi modi se cambi idea. Ad esempio, se hai OCD e hai una regola sul lavarsi le mani eccessivamente, puoi provare a non farlo e vedere come va. Riprendere i tuoi vecchi modi è sempre un’opzione. Il modo in cui sto inquadrando questo potrebbe sembrare irriverente, ma alla fine della giornata, quando le persone si riprendono da disturbi d’ansia, disturbi alimentari o dipendenze, c’è sempre un elemento di scelta per cambiare. Se hai intenzione di recuperare, ad un certo punto farai la scelta di correre quel rischio emotivo e psicologico. È incredibilmente spaventoso farlo, ma fa parte del processo. Potresti sentirti più desideroso di provare a cambiare se pensi a te stesso come a sperimentare un comportamento diverso piuttosto che vederlo come un impegno per un cambiamento permanente direttamente fuori dal portale.

5. Paura di non avere una “scusa” per mancanza di risultati.

Diciamo che eri abituato ad avere As, ma da quando hai avuto il tuo disturbo, hai ottenuto Bs. Sei in grado di razionalizzare che sei intrinsecamente uno studente, ma i tuoi problemi hanno un impatto sul tuo successo. Cosa succede se stai ancora ottenendo Bs una volta migliorato il disturbo? Probabilmente sarebbe più minaccioso per la tua identità come studente A. Qualcuno che sta già lavorando potrebbe avere le stesse paure di salire la scala della carriera. Potresti essere venuto a patti con il fatto che i tuoi problemi hanno un impatto sul tuo successo, ma ti senti spaventato a testare se avresti avuto più successo se non sei così distratto e consumato da questi problemi. Per cominciare, non sai cosa succederà. In secondo luogo, rimanere fermi nei tuoi problemi non è ancora una buona soluzione.

È logico supporre che otterrai di più quando sei psicologicamente più sano. Tuttavia, tutti facciamo cose auto-sabotanti, se abbiamo problemi di salute mentale o meno. E questi avranno bisogno dell’attenzione continua. Tutti noi arriviamo a modo nostro per certi aspetti, e non farai eccezione, anche quando ti sarai ripreso dai problemi clinici che hai attualmente.

Avvolgendo

Nulla di ciò che ho detto qui è inteso a suggerire che le persone possono semplicemente scegliere di abbandonare i problemi psicologici. Il recupero spontaneo avviene occasionalmente, ma non è la norma. Sono ben consapevole di quanto spesso le persone fuori controllo si sentano quando soffrono di un problema di salute mentale. Ci sono molti ostacoli al cambiamento e quelli su cui ho scritto qui sono preoccupazioni valide che non sono normalmente discusse. Sono barriere che devono essere superate, oltre a quelle relative al problema stesso. Se i punti che ho menzionato ti trattengono, non c’è motivo di sentirsi in imbarazzo. Se hai un terapeuta, questi sono argomenti validi da discutere con loro.

Per le persone che non soffrono di un disturbo ma che si sentono bloccati in alcuni dei loro schemi, ho sottolineato che c’è anche un po ‘di sovrapposizione (2-3 dei miei 5 punti) tra queste lotte e ciò che le persone affrontano quando vogliono fare qualsiasi cambiamento che abbia implicazioni sull’identità, come dire, decidere di mangiare carne dopo un lungo periodo di vita vegetariana, o decidere di indossare colori vivaci dopo una lunga storia di indossare solo il nero!

Vuoi un aggiornamento quando pubblico un nuovo articolo? Iscriviti al mio blog e scarica gratuitamente il primo capitolo del mio libro, The Healthy Mind Toolkit.

Solutions Collecting From Web of "Cosa trattiene le persone dall’abbandono delle abitudini basate sull’ansia?"