Cosa ti fa dire che sei solo?

Infrogmation Wikimedia Commons
Scansionato da Infrogmation, dal 1926 "Art and Beauty Magazine".
Fonte: infrogazione Wikimedia Commons

Circa dieci mesi dopo la morte di mia madre per demenza vascolare, mio ​​padre di 80 anni mi ha detto "I'm lonely". Lo disse nonostante vivesse nel mezzo di una famiglia indaffarata. Un uomo paziente, stoico e socievole, fece questa dichiarazione a tavola. Ha vissuto con noi.

Mi sembrava allora che mio padre non avrebbe potuto essere solo, non in una casa con due altri adulti, due bambini piccoli, un cane chiassoso, tre gatti, e il suo occupando un ruolo attivo nell'aiutare a prendersi cura dei bambini. E non credo che fosse.

Erano ventiquattro anni fa. Mi sono chiesto spesso perché ha detto quello che ha fatto. Non per un solo istante credo che abbia letteralmente significato che era solo. Pensa a cosa significa la solitudine. L' Oxford English Dictionary riconosce la solitudine come "tristezza perché non si hanno amici o compagnia" o "essere senza compagni". La sua situazione non corrispondeva a nessuno di questi.

Sono abbastanza sicuro che quello che mio padre stava cercando di dire era che stava ancora soffrendo per mia madre. Era addolorato e non era sicuro di ciò che sentiva, a parte il fatto che si sentiva male, che provasse un po 'di dolore e che non si fosse ancora abituato a non esserci. Forse intendeva dire "Sono solo per tua madre". Non è proprio la solitudine. Significa che l'ha mancata. Lo ha fatto.

C'erano altri fattori. Probabilmente mio padre si sentì sollevato dal dramma inaspettato che reclamava la solitudine implicita e dalla simpatia che lo afferrava. Forse era anche un po 'depresso clinicamente dopo la morte di sua moglie. Lutto e depressione sembrano imitarsi a vicenda. È persino possibile che fosse, a quella tavola da pranzo, cercando di esprimere una leggera nostalgia per un tempo felice passato irrevocabilmente. Non sto suggerendo che la solitudine debba essere intesa come un sintomo di ciò che mio padre stava realmente provando. Sto suggerendo che sentisse qualcos'altro completamente. E non sapremo mai cosa fosse. Le parole lo hanno deluso. È un problema comune

La lingua è un meccanismo terribile per l'espressione di qualsiasi emozione forte. Stai soffrendo e stai cercando disperatamente un descrittore drammatico. Stai cercando qualcosa che ti possa attirare l'attenzione di cui hai bisogno e che dirà come ti senti. Addolorato, lutto, triste, miserabile, depresso, malinconico, infelice – o solitario. Qual è la differenza? L'emozione precede il linguaggio. Non hai bisogno di parole per sentirti solo. La lingua è lo strumento senza speranza che usiamo per catturare l'esperienza confusa. Raramente è una guida accurata alla natura dello stato emotivo di un individuo. Faresti meglio a seguire il tono della voce e guardare il cast della faccia. Idealmente le circostanze definirebbero l'emozione.

Mio padre non era solo con la sua disglossia. L'ho visto di nuovo l'anno scorso, ma questa volta si riferiva ai sondaggi. Nel luglio 2014 è stato riferito dal Regno Unito che l'Office for National Statistics aveva designato la Gran Bretagna come "capitale della solitudine dell'Europa". Le persone nel Regno Unito erano "meno propense ad avere amicizie forti o a conoscere [i loro] vicini di casa in qualsiasi altro posto nell'UE", ha spiegato The Telegraph. E un'alta percentuale di persone, ha affermato il rapporto, "non ha nessuno su cui contare in caso di crisi".

Le cose possono cambiare drasticamente in un anno è tutto ciò che posso pensare. Nel 2013, nei suoi indici di benessere, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha posto il 3 ° UK in termini di soddisfazione relativi alle "connessioni sociali" dei 34 paesi presi in esame. O il resto dell'OCSE è un posto particolarmente miserabile (il che non è il caso, dato che un buon numero di membri dell'OCSE sono anche stati membri dell'UE) e la classifica del Regno Unito significa poco, o c'è una disconnessione piuttosto drastica tra come le persone reagiranno quando verranno poste domande sulle "connessioni sociali" e su come reagiranno quando gli verrà chiesto di sentirsi "soli".

Temo che la mia conclusione qui sarebbe quella di dire che la maggior parte delle persone non ha idea di come si sentano. Non va bene chiedere loro se sono soli. Né il loro valore nel chiedere a nessuno degli altri sinonimi della solitudine, per esempio, nella UCLA Loneliness Scale (se ci sono persone che possono "rivolgersi a", "parlare con", che "capiscono" ] ", Sia che si sentano" isolati "," soli "," esclusi "…). La risposta dipenderà da chi chiede, e quando e perché. La "percezione dell'isolamento sociale" può oscillare con il vento o con il sondaggio.

Come fai a sapere se una persona è sola? Una delle discussioni più stimolanti di questo argomento che ho incontrato è comparsa alla fine del 2014. L'articolo magistrale e pungente era "Verso una neurologia della solitudine" e gli autori sono Stephanie Cacioppo, John P. Capitanio e John T. Cacioppo. John Cacioppo (Professore di Tiffany e Margaret Blake, Professore di Psicologia e di Psichiatria e Neuroscienze comportamentali e Direttore del Centro per le neuroscienze cognitive e sociali, Università di Chicago) in compagnia di William Patrick, è l'autore di uno dei migliori libri lì è sulla natura delle emozioni, Loneliness: Human Nature e Need for Social Connection (2008).

La parte più eccitante di questo meta-studio è stata la rilevazione degli effetti della solitudine sugli animali. Qui siamo su un terreno sicuro, perché l'analisi è basata, non sulla lingua, ma semplicemente su come puoi vedere. Gli animali erano soggetti ad un "isolamento obiettivo", come l'emarginazione sociale o l'esclusione dal loro gruppo. Cacioppo e il suo team dimostrano che "studi sugli animali sull'isolamento sociale indicano bassa neurogenesi, fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) e fattore di crescita nervoso (NGF) nell'ippocampo; bassa espressione del recettore glucocorticoide (GR) e 5alpha RI mRNS, e alti livelli di corticosterone nella corteccia prefrontale; proteina di legame dell'elemento di risposta cAMP bassa (CREB) nello striato ventrale; grandi dimensioni della corteccia visiva primaria, basso NGF e peso della corteccia visiva; e proliferazione di cellule basse nell'amigdala. "Il cervello di queste nostre sfortunate creature fu deleteramente influenzato dall'isolamento sociale" oggettivo ".

Cosa ci dice tutto di questo sugli esseri umani? Cacioppo e il suo team sono cauti: "Il nostro obiettivo qui non è tanto fornire una risposta definitiva alla domanda su come l'isolamento sociale (percepito) influenza la morbilità e la mortalità negli esseri umani, ma determinare se la letteratura animale possa avere qualcosa da contribuire alla "E così ovviamente devono essere cauti per il modello della solitudine negli umani (basato sull'isolamento sociale percepito è una solitudine che può essere espressa a parole) utilizza una definizione diversa da quella degli animali (la cui solitudine è l'isolamento sociale oggettivo e può essere registrato usando gli occhi). Siamo tornati al problema dell'autodiagnosi difettosa di mio padre. Ma chi non spererebbe che Stephanie Cacioppo, John P. Capitanio e John T. Cacioppo siano vicini alla verità?

Autodiagnosi (anche se camuffata da domande innocue ma importanti come "Quante volte ti senti in sintonia" con le persone intorno a te? "[La UCLA Loneliness Scale Q.1]) è uno strumento fragile. È qui che la storia delle emozioni entra in questo post. Gli antichi greci e romani parlano molto poco della solitudine. Ma devono averlo sperimentato – i vantaggi avversivi darwiniani dell'emozione sono tali che deve essere presente – e in effetti essere qualcosa da evitare – in ogni società animale o umana. Perché allora l'Odisseo di Omero in Ortigia o Sofocle Filottete su Lemnos lamenta l'isolamento oggettivo e ciò che percepiamo essere la loro solitudine, il loro isolamento sociale percepito? Sono sicuro che l'hanno vissuto. Ma la loro lingua e la loro cultura mancano di termini chiari per l'emozione. E comunque queste persone erano più interessate a illustrazioni somatiche visibili di condizioni psicologiche che a quelle interne. Gli antichi greci e romani volevano essere in grado di vedere stati emotivi, non sentirne parlare. Per la parola "solitudine" David Konstan, professore di medicina della NYU e della Brown University, sottolinea che "non esiste un termine corrispondente nel greco classico". Questo è nel suo The Emotions of the Ancient Greci (2007).

Solutions Collecting From Web of "Cosa ti fa dire che sei solo?"