Cosa succede se siamo tutti intelligenti?

Un certo numero di anni fa, quando iniziò quella che risultò essere una linea di ricerca molto importante, Ian Deary (U. di Edimburgo) osservò che avrebbe studiato "epidemiologia cognitiva". Il mio primo pensiero (scurrilloso) fu che Non mi ero reso conto che era probabile un'epidemia pericolosa.

La domanda è emersa di nuovo quando un giornalista di un blog di tipo "giornale", "I piccoli misteri della vita", mi ha chiesto che cosa pensavo sarebbe il mondo se la persona media avesse un QI di 200 invece di 100? Mi ha anche chiesto se pensavo che ci fossero persone così vivi oggi? Le ho scritto una nota piuttosto lunga, che ho deciso di modificare solo un po ', e mettere qui. Il giornalista ha anche parlato con Rich Haier (UC Irvine), uno dei pionieri nell'uso dell'imaging cerebrale per studiare l'intelligenza. Ha amalgamato i miei commenti e quelli di Haier. Se vuoi vederla, vai al sito web "I piccoli misteri della vita". Ecco i miei pensieri estesi. Sarò interessato a sapere cosa pensano gli altri.

Innanzitutto, per i tecnicamente inclinati … una persona con un QI di 200 non sarebbe letteralmente "due volte più intelligente" di una persona con un QI di 100, perché il concetto "due volte" non è significativo in termini di unità di QI. Stiamo parlando metaforicamente. Poiché la scala del QI è definita in relazione alla distribuzione delle capacità cognitive, una persona con un QI di 100 o più è nella metà più intelligente della popolazione presente. Se il test IQ è stato progettato per ottenere un punteggio alto come 200 (che non è), questo corrisponderebbe a circa uno su 10 miliardi! Sembra enorme. Tuttavia la popolazione del mondo, attualmente, è di circa 7 miliardi, e si stima che passi a 9 miliardi. Quindi, la domanda "E se la persona media avesse un QI di 200?" Dovrebbe essere interpretata come "E se, a un certo momento nel prossimo futuro, la persona media fosse intelligente come la persona più intelligente oggi?" Possiamo speculare su questo. È solo questo, la speculazione, ma è un po 'divertente.

L'effetto più ovvio sarebbe sull'educazione. Sono stati condotti numerosi studi sull'esecuzione degli studenti "dotati" … IQ arbitrariamente di 140 o superiore. Gli studenti dotati possono andare a scuola molto più velocemente di quanto oggi le persone progrediscano nella scuola. I diplomi di laurea a 14 anni e i dottorati (compresi MD, PHD e LLD) a 18 anni sarebbero comuni. Ora queste persone sarebbero ancora adolescenti, con i problemi di accompagnamento di impulsività e mancanza di esperienza. (Probabilmente sarebbero, in media, un po 'più maturi rispetto al tipico teen-ager di oggi, ma non molto più maturi.) Come cambierebbe la società con l'iniezione di un gruppo di adolescenti brillanti e istruiti in la forza lavoro? Si possono immaginare sia le buone che le cattive conseguenze.

Ci sono molti altri effetti nebulosi. Le mie previsioni sono guidate dal fatto che ci sono piccole ma affidabili correlazioni tra i punteggi dei test di intelligenza e una serie di importanti variabili sociali, come la salute e il reddito. La direzione della causalità non è chiara. Le persone anziane sane tendono ad avere punteggi cognitivi più alti rispetto agli anziani malati. Questo perché essere in buona salute protegge dai deterioramenti dovuti all'età nell'intelligenza, o perché essere intelligenti aiuta le persone a mantenere stili di vita sani, o perché entrambi sono fisicamente sani e con intelligenza più elevata che riflettono le variazioni di idoneità generale? Si possono verificare alcuni o tutti questi effetti.

Domande simili possono essere poste su un certo numero di altre variabili interessanti. Ecco alcuni degli effetti che potremmo essere certi sarebbero accaduti perché il piccolo effetto (la relazione tra l'intelligenza e l'altra variabile) sarebbe stato accompagnato da un GRANDE salto nell'intelligenza.

Le persone sarebbero generalmente più sane e vivrebbero un po 'più a lungo. Molte delle maggiori sfide alla salute nei paesi sviluppati sono dovute a problemi comportamentali; mangiamo troppo grasso, beviamo troppo alcol, ecc. ecc. La psicologa dell'Università del Delaware, Linda Gottfredson, ha sottolineato che il mantenimento di uno stile di vita sano, e ancora di più, la gestione di una malattia cronica come il diabete, può essere abbastanza cognitiva. Questo è il tipo di sfida che le persone intelligenti possono incontrare … per definizione.

La gente sarebbe anche più bella! Uno studio dell'Università di Harvard ha trovato una correlazione 0.1 tra i punteggi dei test cognitivi e le valutazioni (da parte di altre persone) dell'attrattiva fisica. Se facciamo la matematica, la correlazione .16, moltiplicata per le 7 unità di deviazione standard e un QI di 200 implica, risulterebbe nella "persona dall'aspetto medio" (cioè nella metà superiore dell'attuale attrattiva fisica) che si sposta fino a circa il 15% superiore in termini di aspetto. Prendendo una visione meno matematica, penso che succederebbe che ci sarebbero meno persone dall'aspetto familiare; specialmente le persone che sono poco attraenti perché sono sciatte. Le persone intelligenti sono consapevoli del fatto che guardare male è un handicap nell'ottenere posti di lavoro, essere invitati a feste, ecc. Non è necessario essere molto belli, ma non si vuole essere brutti.

Probabilmente ci sarebbe molto meno crimine violento a basso livello, come aggressioni o aggressioni. Le persone con alti punteggi dei test tendono, statisticamente, a essere meno coinvolte in questo tipo di violazione delle regole della società. D'altra parte (e questo, sottolineo, è pura speculazione), i crimini dei colletti bianchi come le truffe bancarie, potrebbero benissimo aumentare! Questa è una brutta notizia, perché tali crimini rappresentano perdite finanziarie molto più grandi di quanto non facciano le rapine a mano armata. E per quanto riguarda la perdita di vite umane o lesioni dovute al crimine … le decisioni di fare cose come lasciare sul mercato droghe o veicoli pericolosi senza (tecnicamente) infrangere una legge possono spiegare molto più sofferenza umana che crimine violento. Per coloro che hanno un senso della storia, ricorda (a) la Ford Pinto del 1971, che aveva una preoccupante tendenza a rompere un incendio durante una collisione, ma era comunque commercializzata al pubblico, (b) il farmaco antiinfiammatorio Vioxx, che è stato commercializzato dopo che il produttore ha ben saputo che era collegato allo scompenso cardiaco e (c) la storia di oltre 2000 anni dell'uso del piombo industriale perché è economico, nonostante i suoi noti benefici per la salute pubblica. Ognuna di queste decisioni ha fatto guadagnare a qualcuno o ad una società un sacco di soldi, in gran parte a causa di tecniche intelligenti (intelligenti?) Per evitare la rottura totale di una legge e un'esposizione totale. Aumentare l'intelligenza porterebbe a un'interessante corsa agli armamenti: i malvagi cattivi aziendali sarebbero più intelligenti che mai, ma lo sarebbero anche i funzionari governativi che stavano scrivendo e applicando le norme di sicurezza! Chi vincerebbe? Chissà?

Esistono correlazioni basse ma affidabili tra atteggiamenti politici e sociali e punteggi dei test cognitivi. C'è una piccola tendenza per le persone con punteggi alti ad essere più liberali nei loro atteggiamenti sociali e meno inclini ad accettare forti credenze religiose. Questo ha senso; possiamo sapere le cose ragionando o possiamo accettare qualcosa sulla fede. Se diventassimo tutti ottimi ragionatori, ci sarebbe probabilmente un piccolo cambiamento nel preferire spiegazioni ragionate basate sulla fede del fenomeno della vita. Il cambiamento certamente non sarebbe completo, poiché alcune persone molto intelligenti hanno accettato argomenti basati sulla fede. (Mi vengono in mente sant'Agostino, San Tommaso d'Aquino e Blaise Pascal). Tuttavia, penso che si verificherebbe un rapido tentativo di preferire la ragione alla fede.

Poi ci sono un sacco di effetti che sono difficili da prevedere perché l'intelligenza è un concetto di "può fare", e gran parte del nostro mondo dipende da un atteggiamento di "volontà". Se ci fossero molte persone molto intelligenti ci potrebbe essere un effetto di ingrandimento su una tendenza, ma è difficile prevedere in che modo si verificherà l'ingrandimento. Ecco due esempi molto diversi: guerra e letteratura

Warfare: una guerra moderna su larga scala, senza esclusione di colpi, sarebbe un suicidio per tutti. In retrospettiva, la Guerra Fredda del periodo 1950-2000 fu un esercizio di razionalità; le due parti hanno evitato con cura l'insulto definitivo che potrebbe portare a uno scambio nucleare. È possibile che persone molto intelligenti decidano che la guerra in generale non è un buon modo per andare; enormemente costoso e senza tanto profitto … una specie di versione internazionale di aggressione. Ciò potrebbe portare a una scena internazionale razionale e prospera. D'altra parte, persone estremamente intelligenti potrebbero trovare un modo per rendere la guerra offensiva un'opzione razionale, se non immorale. Supponiamo che qualche futuro, molto intelligente Dr. No (il cattivo preferito di James Bond) abbia sviluppato un'arma biologica altamente letale e altamente contagiosa e abbia anche sviluppato un antidoto a prova di pazzo. Improvvisamente la guerra biologica sembra molto più fattibile.

Se pensi che questa preoccupazione sia irrazionale, dai un'occhiata alla recente controversia sull'opportunità della ricerca su una versione contagiosa della micidiale "influenza aviaria".

Letteratura: autori altamente intelligenti e lettori molto intelligenti potrebbero portare a una letteratura e un dramma piacevoli e sottili. Immagina uno scrittore che fosse più divertente di Mark Twain e che potesse scrivere complotti come quelli di Tolstoj! Ma d'altra parte … un autore molto intelligente sarebbe in grado di scrivere un romanzo di sesso più bello di quello che abbiamo oggi, e un lettore molto intelligente sarebbe in grado di visualizzare ogni scena. Una descrizione dettagliata di Anna Karenina in perizoma sarebbe un'anticipazione della letteratura? Ho i miei dubbi. Ma il libro potrebbe essere venduto come un biscotto.

Quindi ho un messaggio da portare a casa per il mio giornalista e una domanda per tutti voi.

Il messaggio: un grande aumento dell'intelligenza aumenterebbe il modo in cui gli umani potrebbero rifare la nostra società. Il modo in cui è stato scelto potrebbe dipendere da atteggiamenti, credenze e valori che non sono, in senso stretto, parte delle capacità cognitive.

La domanda: supponiamo che in alcune parti della società futura una percentuale della popolazione, diciamo del 10%, diventasse estremamente intelligente, mentre il resto è rimasto dove siamo ora o addirittura ci siamo lasciati alle spalle. Cosa farebbe alla società? (Dal momento che l'ho scritto la prima volta, il commentatore sociale Charles Murray ha pubblicato un libro, "Breaking Apart", in cui descrive le tendenze sociali attuali che avrebbero esattamente questo effetto. Ne parlerò in un secondo momento.

Spero di sentirti.

Solutions Collecting From Web of "Cosa succede se siamo tutti intelligenti?"