Cosa succede se il bullo è un insegnante?

Comportamento di leadership abusivo nell’educazione.

Quando Anna (nome reso anonimo) aveva circa 7 anni, la sua insegnante di scuola elementare decise di farne un esempio. Arrabbiata ad Anna per non aver completato i suoi compiti, l’insegnante ha rovesciato la cartella di Anna di fronte alla classe e ha guardato il bambino che piangeva raccoglieva le sue cose sparse, mentre diceva alla classe in così tante parole che questo è quello che ti succede se non mantieni le tue cose in ordine e i tuoi compiti completati. Un’altra volta, la stessa insegnante ha fatto vergognare Anna di fronte alla classe dicendo agli studenti che ridevano a crepapelle tutti i dettagli sugli errori che Anna aveva fatto in un recente test di ortografia. Anche gli altri studenti non erano al sicuro, soprattutto quando i genitori erano irraggiungibili durante una gita scolastica (prima dei tempi dei telefoni cellulari): a uno studente che non mangiava spinaci fu detto che non le sarebbe stato permesso di alzarsi fino a quando non avesse finito il pasto. Dal momento che ha rifiutato di mangiare, è stata costretta a sedersi, piangendo, davanti agli spinaci freddi per ore. La lotta per il potere si è conclusa con lo studente che si è arreso dopo circa 3 ore, a quel punto ha preso alcuni morsi e ha vomitato. Ci sono innumerevoli altri esempi di abuso di potere di questo insegnante. Oggi, circa 30 anni dopo, questo insegnante è il preside di un’intera scuola elementare.

 photo by Jaclyn Moy (unsplash)

Fonte: foto di Jaclyn Moy (unsplash)

Mentre sono stati fatti molti sforzi per sviluppare programmi educativi contro il bullismo nelle scuole, la maggior parte di questi programmi riguarda solo il bullismo tra gli studenti. Recentemente, politici di diversi paesi, tra cui Stati Uniti e Germania, hanno anche discusso su come prevenire e affrontare la violenza degli studenti contro gli insegnanti. Al contrario, pochissima attenzione viene data alla possibilità che il bullismo o altre forme di abuso di potere possano essere commesse dall’alto verso il basso da un insegnante contro gli studenti.

Sto lavorando come ricercatore nella formazione degli insegnanti, tra gli altri campi, e ho imparato a conoscere i programmi di formazione degli insegnanti in Germania, Finlandia e Stati Uniti. In nessuno di questi contesti ho visto alcun contenuto educativo che indirizzi soluzioni al comportamento di un insegnante violento come il comportamento descritto nell’esempio sopra. Ciò che ho visto, tuttavia, in due su tre programmi di formazione degli insegnanti, sono stati gli insegnanti universitari prepotenti, narcisisti, manipolatori e abusivi, ovvero i modelli di ruolo, i programmi di formazione degli insegnanti e le organizzazioni di ricerca per l’istruzione di grandi dimensioni.

Da allora, mi sono chiesto, possiamo aspettarci che le scuole siano libere da prepotenze o insegnanti violenti, dato che anche alcuni programmi di formazione degli insegnanti utilizzano “modelli di comportamento” abusivi, e dato che pochissimi programmi affrontano il problema e le soluzioni al potere abuso da parte dei leader educativi?

Perché ritenere che la leadership abusiva sia una cosa dell’educazione?

Diversi indicatori suggeriscono che il bullismo e il comportamento abusivo da parte degli insegnanti si verificano in alcune scuole e in alcuni dipartimenti universitari. Un esempio sono gli scandali di allenatori e medici violenti che dimostrano che gli adulti che abusano abitualmente del potere che la loro professione esercita su bambini e giovani adulti, che è difficile per i giovani studenti e gli atleti interessati farsi avanti, e che le istituzioni spesso non riescono a proteggere gli studenti interessati una volta che si fanno avanti. Molti esempi, come l’abuso del medico sportivo Nassar alla Michigan State University, o l’ex allenatore di football Penn State Jerry Sandusky, illustrano una costellazione particolarmente dannosa di molteplici problemi:

  1. l’esistenza di leader disposti ad abusare del loro potere, in una posizione che dà loro potere su persone vulnerabili, gerarchicamente subordinate (studenti),
  2. le strategie manipolative, spesso sottili e talvolta coercitive utilizzate dai leader abusivi che impediscono a molti studenti di farsi avanti verso altri che potrebbero proteggerli,
  3. l’incapacità, e talvolta la riluttanza, delle istituzioni educative di identificare e affrontare i comportamenti abusivi commessi dagli insegnanti, e la tendenza occasionale di dubitare o addirittura incolpare le vittime nei casi in cui hanno trovato la forza di farsi avanti, così come
  4. la pressione esercitata sulle vittime da altri studenti, genitori o insegnanti non coinvolti, che a volte percepiscono gli studenti che parlano, invece dell’insegnante abusivo, come i responsabili del disturbo.

Al di là delle prove aneddotiche, si sa poco sulla prevalenza generale dei comportamenti di leadership abusivi tra gli insegnanti. Tuttavia, la ricerca in ambiti diversi da quelli educativi suggerisce che le posizioni di leadership sono in genere in grado di attrarre individui che godono del potere sugli altri, che le persone narcisistiche sono particolarmente suscettibili di essere accettate in posizioni di leadership e che le persone che finiscono in posizioni di leadership hanno più probabilità di altri per mostrare tratti di personalità legati a comportamenti abusivi, egoistici e manipolativi, compresi i tratti di personalità narcisistica.

Inoltre, la ricerca su psicopatici, o sociopatici, suggerisce che individui con tratti oscuri della personalità siano attratti da posizioni di potere come falene alla luce, e alcuni dei sociopatici più organizzati possono finire in posizioni di comando. Anche se questo è stato investigato principalmente per quanto riguarda le posizioni di leadership nella gestione e nelle grandi imprese, ci sono ragioni per ritenere che il comportamento di leadership abusivo si verifica anche nelle posizioni di leadership educativa, e ci sono prove di docenti universitari sociopatici. La già citata dinamica di potere di studenti vulnerabili, gerarchie di potere e punti ciechi nella gestione delle scuole e dei dipartimenti universitari può rendere le posizioni di insegnamento e di leadership educativa particolarmente attraenti per gli individui abusivi e narcisisti. Se i subordinati delle grandi aziende sono vulnerabili a tali abusi, come spiegato nel libro di Babiak e Hare “Serpenti in abito”, i bambini, gli adolescenti e i giovani sono ancora più a rischio: mentre gli adulti di solito possono cambiare il loro lavoro, anche se ciò può essere reso difficile, gli studenti nelle scuole e nelle università in genere dipendono dai loro insegnanti per i loro certificati e gradi, il che significa che i loro insegnanti hanno il potere di trattenere le basi stesse per le opportunità degli studenti nell’ulteriore istruzione, lavoro e vita. Gli individui più giovani sono anche più suggestionabili e quindi vulnerabili alla manipolazione, inoltre mancano delle strategie a cui gli adulti possono accedere per trovare alleati e protezione, e sono più propensi a essere messi in dubbio e contestati da altri se lamentano conflitti con un insegnante. Pertanto, per alcuni di coloro che aspirano al potere, l’accesso ai bambini può sembrare una posizione di leadership definitiva, e le scuole e le università devono prepararsi per imparare come identificare questi individui fin da subito e come proteggere i loro studenti contro di loro .

I recenti scandali sul bullismo degli scienziati senior hanno sollevato l’attenzione per la vulnerabilità dei ricercatori all’inizio della carriera, che sono, allo stesso modo degli studenti nelle scuole, interamente dipendenti dai loro supervisori, mentre le loro istituzioni spesso mancano del supporto tempestivo che sarebbe necessario per proteggere i dipendenti in anticipo ricercatori di carriera dall’abuso che molti di loro segnalano. Inoltre, anche se i dipartimenti erano consapevoli e pronti ad affrontare il problema in modo tempestivo, l’identificazione di comportamenti abusivi è spesso resa difficile dal fatto che molti abusatori sono abbastanza strategici da far subire l’abuso ai subordinati e agli individui gerarchicamente più deboli, pur mostrando un’immagine spesso affascinante per quelli in posizioni più alte (“sopra di loro si inchinano, si calcia sotto”).

Cosa si può fare contro comportamenti di leadership abusivi nell’educazione?

Un suggerimento utile per una possibile soluzione è stato fatto nella recente dichiarazione della rivista Nature sul recente scandalo del bullismo negli istituti di ricerca tedeschi: ” Non sapremo mai quante promettenti carriere scientifiche in tutto il mondo sono state portate a una fine prematura perché i giovani ricercatori ritenevano di non poter continuare a lavorare sotto una figura di alto livello prepotente. Ma dovrebbe fermarsi. Adesso. Coloro che ne sono affetti devono dimostrare che il sistema li proteggerà se scelgono di parlare. Le istituzioni dovrebbero assicurarsi di avere politiche esplicite per affrontare il bullismo e, come parte di ciò, definire ciò che costituisce il bullismo. E gli scienziati senior che vedono i colleghi comportarsi in modo inappropriato dovrebbero parlare apertamente. “Non si può affermare a sufficienza che i dipartimenti debbano avviare un dialogo con i ricercatori della carriera in anticipo sulle forme di abuso di potere sperimentate e sulle forme di protezione necessarie. Dal momento che diciamo agli studenti dei nostri insegnanti nelle nostre lezioni anti-bullismo come dovrebbero insegnare ai loro studenti a non essere spettatori, dobbiamo vivere secondo gli stessi standard ed evitare di essere noi stessi spettatori.

Al fine di raggiungere una consapevolezza a livello di organizzazione e la cultura di resistere a comportamenti scorretti, i corsi di molestie digitali o personali forniti da alcune università statunitensi potrebbero essere strumenti utili. Ad esempio, presso l’Università di Yale, ogni persona che entra in una posizione di leadership è obbligata a seguire tale corso, inclusi quelli che supervisionano gli assistenti di ricerca. Questi corsi di formazione coprono molti argomenti con un’enfasi sulle molestie sessuali, ma sono trattati anche altri argomenti, come ad esempio: Come faccio a chiedere scusa se qualcuno viene offeso dal mio scherzo, indipendentemente dal fatto che lo abbia inteso nel modo in cui è stato percepito? Come possono i colleghi, i supervisori e i dipartimenti assicurarsi che le persone si sentano sicure di farsi avanti con le loro preoccupazioni e lamentele sul bullismo o altrimenti molestando il comportamento sociale, e che cosa deve essere fatto per proteggere le persone dalle rappresaglie? Sebbene tali corsi standardizzati abbiano i loro limiti, forniscono una consapevolezza comune e un buon senso per una condotta equa che spesso mancano istituzioni senza un addestramento standardizzato. Molti dipartimenti e programmi di formazione degli insegnanti sono del tutto impreparati a considerare anche la minaccia di rappresaglie (svantaggi per coloro che si vendicano per la loro denuncia), per non parlare della protezione contro le ritorsioni. Per evitare ritorsioni, è necessario che più dipartimenti universitari adottino tali corsi, insieme alle relative politiche e sanzioni antibullismo, e li rendano obbligatori in particolare per i dirigenti senior, così come per tutti gli altri. È logicamente il passo successivo prendere in considerazione corsi simili per scuole e insegnanti.

Inoltre, alcune università e la maggior parte delle scuole mancano ancora di sistemi di ombudsman che offrono supporto da parte di individui esterni e / o indipendenti che ascoltano i reclami e forniscono protezione nonché consigli sulle possibili soluzioni per le persone colpite da cattiva condotta e molestie. Deve diventare uno standard per offrire tale sostegno a una persona di fiducia a ricercatori e studenti della carriera in tutte le istituzioni educative.

Le scuole come le università dovrebbero discutere su come identificare il comportamento di bullismo, come assicurarsi che gli insegnanti che sono noti per esercitare tale comportamento non finiscano in posizioni di leadership anche alte, e in particolare, quegli insegnanti che sono consapevoli e disposti a resistere comportamenti di leadership abusivi devono avere accesso a strategie e risorse che mantengono loro e gli studenti interessati al sicuro e che sono interventi efficaci contro il bullismo da parte di colleghi e supervisori. Un semplice passo in avanti potrebbe essere quello di affrontare la possibilità di comportamenti abusivi degli insegnanti e soluzioni corrispondenti nei programmi e regolamenti anti-bullismo già esistenti nelle scuole. Ad esempio, la pagina web stopbullying.gov richiede già che ” tutto il personale scolastico debba essere addestrato su cosa sia il bullismo, quali siano le politiche e le regole della scuola e come applicare le regole “. Questo suona molto simile al suggerimento che la natura ha fatto per combattere il bullismo nella scienza, tranne che le politiche scolastiche esistenti spesso affrontano solo il bullismo tra gli studenti e talvolta il bullismo da parte degli studenti contro gli insegnanti, ma raramente l’abuso dall’alto verso il basso da parte degli insegnanti contro gli studenti. Aggiungendo quest’ultimo sarebbe un piccolo passo con effetti potenzialmente grandi.

Mentre l’educazione e le regole contro il bullismo commessi da qualcuno sono importanti, possono avere i loro limiti, in quanto potrebbero non scoraggiare i bulli abituali. Le istituzioni educative necessitano quindi di processi di screening per valutare se i candidati degli insegnanti – e i leader stabiliti – mostrano tendenze abituali di abuso di coloro che occupano posizioni inferiori. Gli individui che mostrano tratti eccessivamente narcisistici, manipolativi e una bussola morale discutibile devono essere identificati e tenuti lontani dalle posizioni di potere, un modello potrebbe essere processi di screening utilizzati per tenere gli individui non idonei fuori posizione come psicoterapeuti. Dove gli insegnanti che abitualmente esercitano comportamenti abusivi sono già impiegati (molte scuole e università non possono licenziare i loro insegnanti, una volta assunti a vita), le loro interazioni con studenti e colleghi vulnerabili devono essere strettamente sorvegliati e quelli in posizioni di potere inferiore devono avere accesso a sistemi di protezione efficienti. Un articolo di Forbes sugli psicopatici nelle posizioni di comando raccomanda: ” Spigolare qualsiasi cosa sul carattere morale ed etico di un candidato – Questo non è sempre facile in un processo di intervista formale, ma qualsiasi sottile intuizione che si può ottenere sulla bussola morale di un individuo e il sistema di valori può essere critico. Tenete a mente le capacità di uno psicopatico di manipolare una situazione e di dire agli intervistatori cosa crede che vogliono sentire . ”

Infine, le scuole e le università hanno bisogno di modi per ritenere docenti e docenti responsabili di comportarsi in modo elogiativo, equo e rispettoso nei confronti degli studenti, impostare incentivi per l’apprezzamento e le sanzioni per comportamenti abusivi. La protezione deve andare in entrambe le direzioni; sostenere l’assunzione di innocenza di un insegnante fino a prova contraria deve andare di pari passo con la protezione e il sostegno per gli studenti che avanzano con le loro denunce.

La recente campagna contro il bullismo nella scienza è un’opportunità per il tono e la pratica nell’affrontare le molestie al cambiamento nelle università. Dovremmo fare del nostro meglio affinché questa discussione raggiunga anche le scuole. Nonostante questo cauto ottimismo, c’è ancora molto da fare. In dieci anni come ricercatore, ho incontrato diversi programmi di formazione per insegnanti, organizzazioni di ricerca educativa e scuole, con leader di bullismo in posizioni chiave e dipartimenti altamente consapevoli, genitori e colleghi che non hanno trovato il modo di tenere al sicuro studenti e dipendenti dipendenti. Ogni volta che condivido queste esperienze con altri ricercatori, ottengo una risposta: ” Sì, quello è successo anche a me [seguito dai propri aneddoti, tipicamente seguito da una spiegazione del perché non c’è niente che si possa fare al riguardo] “. Dare voce a queste esperienze è un primo passo, ma dobbiamo anche insegnare e imparare le strategie per abbandonare l’impotenza appresa e impegnarci congiuntamente in sforzi proattivi per rendere scuole e università luoghi più sicuri e più equi per l’apprendimento e il lavoro. Un piccolo assaggio di speranza appare nei certificati consegnati agli studenti che hanno ricevuto un punteggio perfetto nei loro esami di ammissione all’università nello Stato federale tedesco del Brandeburgo. I loro certificati altamente ufficiali leggono una citazione di un gruppo punk rock tedesco (“Die Ärzte)”: ” Non è colpa tua se il mondo è così com’è. Sarebbe solo colpa tua se fosse rimasto così “.

Disclaimer: È importante sottolineare che questo saggio intende contribuire a rendere scuole e dipartimenti universitari luoghi più sicuri e più equi per studenti e dipendenti, compresi gli insegnanti. Inutile dire che la maggior parte degli insegnanti insegna con le migliori intenzioni, oltre che con molta cura e molta imparzialità nei confronti dei propri studenti. Gli insegnanti spesso esprimono preoccupazione per l’elevata quantità di critiche che affrontano ogni giorno e le enormi richieste poste a loro. Questo saggio non intende aggiungere a queste critiche e richieste, piuttosto che questo, l’intento di contribuire ad aumentare le risorse disponibili per gli studenti e gli altri insegnanti interessati. Un comportamento di leadership abusivo ci riguarda tutti, e solo insieme possiamo trovare il modo di superarlo nelle istituzioni educative.

Riferimenti

Per ulteriori blog sull’argomento, vedi anche:

Cosa succede quando l’insegnante è il bullo?

https://www.verywellfamily.com/ways-to-respond-to-teacher-who-bullies-460778

https://www.greatschools.org/gk/articles/when-the-teacher-is-the-bully/

Solutions Collecting From Web of "Cosa succede se il bullo è un insegnante?"