Cosa significano le uscite?

"Tutto il mondo è un palcoscenico, e tutti gli uomini e le donne sono solo giocatori. Hanno le loro uscite e i loro ingressi … ".

-William Shakespeare

La dott.ssa Sara Lawrence-Lightfoot, che è Emily Hargroves, professoressa di educazione all'università di Harvard, mi fa sempre pensare … a lungo e duramente. La ricerca dell'anima, si potrebbe dire, è una delle cose che ha un dono per fare fare alla gente.

Un altro dei suoi doni sta prendendo ciò che dovrebbe essere ovvio e potrebbe sembrare ovvio al primo accenno, quindi ti aiuta a capire che ci sono anni luce oltre l'ovvio dove puoi andare. Nel libro che ha scritto con Jessica Hoffman Davis, The Art and Science of Portraiture (http://www.amazon.com/The-Science-Portraiture-Sara-Lawrence-Lightfoot/dp…), lei e il suo co-autore hanno esortato coloro che studiano il comportamento umano per lavorare con le persone che studiano. Come artisti che dipingono ritratti in olio, ci hanno esortato a dipingere o scrivere su ciò che pensiamo di vedere, ma poi a consultarci con coloro che stiamo cercando di descrivere o rappresentare e ascoltare la loro presa sul fatto che lo abbiamo fatto in modo accurato e completo. Non posso rendere giustizia in un breve saggio alla ricchezza di ciò che Lawrence-Lightfoot e Davis hanno scritto, ma basti dire che è stato coraggioso da parte loro proporre ciò che hanno fatto nel campo delle scienze sociali, dove la presunta obiettività era apprezzata, significava che studiavamo le persone, scrivevamo quello che pensavamo di aver visto e credevamo che non includendo le prospettive di coloro che studiavamo, in qualche modo abbiamo raggiunto verità più profonde di quanto non avessimo potuto farle entrare.

Il libro più recente del Dr. Lawrence-Lightfoot, Il terzo capitolo: Passione, Rischio e Avventura nei venticinque anni dopo il 50 (http://www.amazon.com/The-Third-Chapter-Passion-Adventure/dp/ 0374275491) si basa su storie approfondite di un numero che ha incontrato e intervistato sul lavoro principale e su altri cambiamenti della vita che hanno fatto dopo la mezza età – come sono arrivati ​​a realizzarli, come li sentiva e, in una certa misura, come i cambiamenti si sono trasformati su.

Il suo ultimo libro, Exit: The Endings That Set Us Free (http ://www.amazon.com/Exit-The-Endings-That-Free/dp/0374151199/ref=sr_1_… ) rende affascinante il seguito di The Endings Terzo capitolo , perché ora attira la nostra attenzione sul modo in cui nel Nord America tendiamo ad essere eccitati e a fermarci e segnare gli inizi, ma non prestiamo molta attenzione alle uscite, a ciò che significano – sia positive che negative, esilaranti e terrificanti .

L' uscita di lettura mi riportò alla metà degli anni '90. Sono nato, cresciuto ed educato negli Stati Uniti, ma subito dopo aver finito la scuola di specializzazione, sono stato felice di trasferirmi a Toronto, in Canada. Sono rimasto lì e ho cresciuto i miei figli lì, rimanendo per quasi due decenni. Ho amato molte cose su Toronto e sul Canada. Una cosa che adoravo era il mio insegnamento. Non mi era mai passato per la mente che avrei voluto insegnare, ma quando il professor Ronnie deSousa concepì un corso universitario in Women's Studies presso l'Università di Toronto, mi disse che sarebbe stato definito "Prospettive scientifiche su sesso e genere", sarebbe stato multidisciplinare, aveva bisogno di qualcuno per tenere le lezioni di psicologia e coordinare l'intero corso, e si chiedeva se lo avrei fatto, ho accettato. Gli piaceva la mia decisione di organizzare l'intero corso attorno a un approccio critico.

Al primo incontro del corso, ero sbalordito nel rendermi conto di quanto ero felice di aver presentato l'introduzione e di interagire con gli studenti. Ho telefonato alla dottoressa Kathryn Morgan, una professoressa di filosofia e studi femminili che era una mia amica e le ho parlato della mia reazione. Quando ho detto, "Ma immagino che diventi vecchio dopo un po '." Kathryn, che è un'insegnante fenomenale, ha risposto, "Non se lo ami davvero." Si è scoperto che l'amavo davvero, e che non è mai diventato vecchio. Continuai ad insegnare a entrambi i dottorandi nel dipartimento di psicologia applicata e ai laureandi in quel nuovo corso, e l'insegnamento in sé era fonte di grande gioia (anche se la burocrazia e la politica meschina del mondo accademico non lo erano).

L'edificio in cui tenevo l'insegnamento universitario (che era la maggior parte di quello che facevo) si chiamava l'Ontario Institute for Studies in Education (OISE) e faceva parte dell'Università di Toronto. La struttura fu creata negli anni '70 con finestre che non potevano essere aperte e quasi tutti quelli che lavoravano o studiavano nell'edificio o che venivano lì per le conferenze si lamentavano di sentirsi esausti o di provare terribili mal di testa o problemi respiratori mentre erano lì. Avevo proprio mal di testa quando ero nell'edificio, ma si scopre che ci sono pericoli nello psicologo, perché ricordo di aver pensato: "Pensavo che mi piacesse insegnare, ma ovviamente, inconsciamente, non lo faccio, perché ogni volta che insegno, io ottenere un terribile mal di testa con dolore così forte che spesso mi sveglia nel mezzo della notte. E fa così male che so che non intendo fare nulla dopo le lezioni nei giorni in cui insegno. "Pianificare di non fare nulla non era un'impresa da poco, dato che ero un genitore single con due figli. Non per anni ho appreso che i proprietari dell'edificio hanno portato così poca aria fresca nella struttura che vicino al 95% delle persone che hanno dovuto trascorrere del tempo nell'edificio – quello che più tardi è stato definito un "edificio malato" o un edificio povero qualità dell'aria – ha sviluppato gli stessi tipi di sintomi. E un'enorme percentuale di quelli di noi che passavano molto tempo nell'edificio sono stati diagnosticati in fin dei conti con una o più famiglie di condizioni che ora sono chiamate Sindrome da Stanchezza Cronica, Fibromialgia e Sensibilità Chimica Multipla. Non era una strana, inconscia avversione per l'insegnamento, ma piuttosto un'aria piena di muffa, polvere e sostanze chimiche dannose che ci ha fatto ammalare.

All'inizio degli anni '90, c'era un mito diffuso secondo cui le persone che riferivano che la cattiva qualità dell'aria interna li aveva resi malati erano semplicemente ipocondriaci o malineri. E molte persone che lavoravano nell'edificio e che erano piuttosto malate a causa di ciò non riuscivano a pensare che il loro posto di lavoro stesse rovinando la loro salute. Quindi i meravigliosi studenti che hanno iniziato una campagna di petizioni e che hanno marciato attraverso l'edificio con me, cantando "Una casa non è una casa" e che sono venuti con me per tenere la lezione sui gradini d'ingresso per drammatizzare il fatto che non era sicuro entra nell'edificio per scopi di apprendimento e insegnamento … beh, niente di tutto ciò ci ha reso caro all'amministrazione OISE o a molti dei miei colleghi. E anche se un discreto numero di docenti e personale si sono rivolti a me individualmente per dire quanto erano contenti che stavamo cercando di portare l'amministrazione a portare più aria fresca, perché loro stessi avevano problemi di salute mentre si trovavano nell'edificio, quando li ringraziavo e chiedevo se mandassero all'amministrazione una nota sui loro sintomi, con una copia per me, sembravano invariabilmente spaventati e dissero che era troppo rischioso farlo.

Per accorciare una storia lunga e dolorosa, l'amministrazione non ha fatto nulla e, per cercare di recuperare la mia salute, ho dovuto lasciare un lavoro che amavo. Quindi eccoci al tema delle uscite di Sara Lawrence-Lightfoot. Ho finito per lasciare il lavoro, lasciando Toronto, lasciando il Canada che avevo amato per quasi 20 anni, lasciando amici cari e meravigliosi. OISE ha rifiutato di darmi il risarcimento per il lavoratore, per il fatto che avevo avuto la febbre da fieno e alcune allergie alimentari prima di andare a lavorare lì, quindi non potevo provare che l'edificio mi avesse causato problemi di salute. E naturalmente è quasi vero oggi come era a metà degli anni '90 che non ci sono prove per dimostrare la causalità di questo tipo di condizione, anche se un medico decente che prende una storia attenta noterà che i sintomi che non erano presenti prima il paziente è andato a lavorare in un particolare edificio e improvvisamente è apparso (e era presente) quando era nell'edificio e per un po 'dopo essere uscita è probabile che si sia ammalata da qualcosa nell'edificio. Ho fatto appello alla decisione fino al più alto livello, e ci sono voluti molti anni, come ho perso ad ogni livello. Gli appelli andarono avanti così a lungo che non mi sorprende e non mi sono comportato in maniera eccessiva quando ho perso al più alto livello. Non mi sembrava un momento in cui segnare un finale più rituale di estenuanti quasi-legali che stavo attraversando da anni.

Quando ho lasciato l'OISE e Toronto e il Canada a metà degli anni '90, mi rendo conto, a posteriori, che non mi sono mai occupato molto di come ci si sentiva di andare. Ciò era in parte dovuto al fatto che la mia salute e la mia energia erano così povere che la maggior parte della mia attenzione era concentrata sull'allontanarsi dalla fonte del problema, e non avevo il lusso di molto tempo o energia per pensare a cosa avrei fatto. Quando ho letto su Exit sull'importanza di eseguire rituali per segnare un'uscita, di notare completamente un leavetaking, mi ha colpito il fatto che non ci fosse stato nessun funzionario a conoscenza, non da me e quasi da nessun altro. Né l'OISE, il mio dipartimento di casa al suo interno, né nessuna delle sue tre entità che avevo diretto in varie occasioni mi mandarono una cartolina di arrivederci, e certamente non c'era un ricevimento in uscita con pugno e biscotti. La dottoressa Elaine Borins, una collega per la quale nutrivo grande ammirazione e affetto, ma con cui avevo trascorso poco tempo, organizzò una bella cena per molte persone, e June Larkin, allora uno dei miei studenti, riunì molti altri studenti e mi portò cenare. Sono rimasto profondamente commosso e grato per entrambi questi eventi. L'unica cosa come un rituale di uscita che ho organizzato era di far venire quegli studenti a casa mia dopo cena, dove avevo messo da parte pile di vestiti che non avevo intenzione di portare con me, ed è stato molto divertente provarli e scegli gli indumenti da tenere.

Guardando indietro, non sapendo quando me ne sarei andato dove sarei finito e certamente non avendo un piano a lungo termine, capisco che l'assenza del rituale di uscita ha servito a uno scopo immediato utile, ma alla fine mi ha lasciato con molti fini. Penso che lo scopo utile fosse che sarebbe stato troppo difficile dire addii con un senso pieno di tutto ciò che stavo lasciando. Mi sono concentrata su quale energia fisica ed emotiva ho avuto sul confezionare, vendere la casa, capire dove andrei per almeno il primo anno e fare domanda per molti lavori, senza ottenere una singola intervista.

Non ho avuto un lavoro fisso da quando ho lasciato il mio professore ordinario a Toronto. Alla fine ho recuperato abbastanza della mia salute che ho potuto insegnare a tempo parziale, e l'ho fatto per alcuni anni in vari luoghi. Ho iniziato a passare un po 'di tempo indietro nel mondo del teatro che avevo amato quando stavo crescendo, e di recente ho scritto due sceneggiature. Ho continuato a scrivere e fare alcune ricerche e a fare tutto il lavoro sociale possibile. Ho vissuto in tre città diverse per ragioni diverse. Continuo a pensare spesso a ciò che mi ha detto la mia amica e collega Dr. Nikki Gerrard per un po 'di tempo dopo che ho lasciato l'OISE, quando le ho detto che mi sentivo strano e tutto al mare. Lei disse: "Sei in transizione". "Ah, sì! Questo è tutto! Sono in transizione! "Dissi, felice di avere qualcuno che mi dicesse cosa mi stava succedendo. Ma era negli anni '90, e sento ancora di essere in transizione.

Penso al sostantivo "exit" e mi chiedo del verbo. Quanto può durare l'uscita? Cosa succede quando un'uscita non è finita e pulita come la realizzazione di un'incisione chirurgica, seguita dall'asportazione di un po 'del proprio corpo e dalla cucitura precisa di quell'incisione?

E mi preoccupo per le persone che lavorano ancora all'OISE, la cui salute viene danneggiata ma che, per qualsiasi ragione, non esce da lì.

Alcuni giorni, se lo chiedi, ti dirò che mi sento fortunato a fare una tale varietà di cose, e altri giorni, facendo ancora quella stessa varietà di cose, ti dirò che mi sento quasi esasperatamente frammentato. Non so nemmeno come pensare a quale tipo di rituale di uscita si possa rimandare al levare del tempo che tutti quegli anni fa potrebbero consistere o su come potrebbe influenzarmi. Ma dopo l' uscita di Sara Lawrence-Lightfoot , continuo a tornare a chiedermi se forse è il momento di provare. Capito quello che intendo? Questa donna ti fa pensare.

© Copyright 2012 di Paula J. Caplan Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Cosa significano le uscite?"