Cosa significa essere un perdente

Una nuova serie di documentari Netflix mostra il potere delle narrative che costruiamo.

“Nel deserto, se ti lasci prendere dal panico, sarai morto in tre giorni. Eppure, il deserto non è la morte. Se sai come viverlo e interpretarlo, non significa affatto morte “. Inizia così l’episodio cinque dell’ultima serie di documentari di Netflix, Losers . Il nostro narratore è Mauro Prosperi, un ultramaratoneta che vaga fuori rotta mentre gareggia nel Marathon des Sables del 1994, una gara di cinque giorni, 150 miglia attraverso il Sahara marocchino. Le parole di Prosperi riecheggiano per l’intera serie, in cui vengono trattate storie di aspiranti perdenti che reinterpretano le loro esperienze per se stesse e per lo spettatore, provando simultaneamente che c’è vita dopo perdita e che la perdita non equivale al fallimento.

Lavorando con i pazienti (e provando a prendere una dose della mia stessa medicina), ho imparato più volte che le storie che raccontiamo sulle nostre sconfitte – le nostre narrazioni sulla perdita – sono profondamente importanti. Se di fronte alle avversità possiamo trasformarci negli eroi e nelle eroine delle nostre storie, allora il coraggio, la perseveranza e la crescita sono risultati più probabili della devastazione, della passività o della ritirata.

Per arrivarci è necessario etichettare credenze inaccurate o inutili in quanto tali. Esige di lasciare spazio a sensazioni sgradevoli che sorgono, sfidando i messaggi ascoltati dal mondo esterno e cercando prove contrarie a supposizioni di lunga data. Richiede una spolverata, una raccolta e il proseguimento.

Skitterphoto/Pixabay

La vittoria all’interno della perdita è negli occhi di chi guarda.

Fonte: Skitterphoto / Pixabay

Il perdente fornisce potenti illustrazioni su come rimodellare le sconfitte in trionfi. Prendi, ad esempio, Michael Bentt. Ci insegna che la perdita può essere davvero un sollievo e una possibilità di riorientare verso ciò che conta di più. La carriera di Bentt nel pugilato non fu mai il suo sogno. Era di suo padre. Da piccolo, la volontà di andare per la sua strada fu letteralmente sconfitto da lui quando si avvicinò a suo padre sul suo desiderio di abbandonare lo sport. Avanzamento rapido attraverso decenni di abusi (e il suo pedaggio psicologico) e un titolo di campione dei pesi massimi WBO, e arriviamo al momento in cui Bentt descrive di sentirsi liberato da una perdita in cui incorre in un trauma cranico a fine carriera.

La fine della carriera pugilistica di Bentt segna l’inizio di un nuovo viaggio. Capisce di cosa vuole la sua vita e trova rifugio in una serie di attività creative, scrivendo su come si sente a essere messo fuori combattimento e partecipando all’industria dell’intrattenimento come consulente, attore e drammaturgo. La storia di Bentt ci ricorda che non possiamo davvero vincere finché non stiamo facendo delle scelte al servizio dei nostri valori e che a volte, perdere è solo l’opportunità di cui abbiamo bisogno per darci il permesso di farlo.

Surya Bonaly in azione.

Fonte: “Surya Bonaly” di Darren Barefoot / CC BY-NC 2.0

Nel caso del pattinatore francese di classe mondiale Surya Bonaly, apprendiamo che non essere all’altezza dei suoi sogni olimpici d’oro è un campanello d’allarme. Nonostante abbia dominato lo sport con il suo atletismo, Bonaly non riesce mai a conquistare completamente i giudici olimpici che non accettano l’atleta nero come un legittimo concorrente di pattinaggio artistico. Piuttosto che cercare di adattarsi, sceglie di ridefinire vincendo risaltando.

Rifiutandosi di rimandare alla convention dopo anni di risultati deludenti, nelle Olimpiadi invernali del 1998, Bonaly opta per compiacere se stessa e la folla, invece dei giudici, facendo atterrare un salto mortale su una lama (una mossa illegale in competizione). Passa a una carriera di pattinaggio professionale di grande successo, capitalizzando i suoi talenti precedentemente sottovalutati e incoraggiando altri giovani atleti a non sacrificare i loro punti di forza per il loro sport. La narrativa di Bonaly sottolinea che se possiamo ampliare la nostra definizione di vittoria, potremmo scoprire un modo per uscire avanti.

Wikimedia Commons

Aliy Zurkle e il suo compagno di squadra.

Fonte: Wikimedia Commons

Dopo tutto, la vittoria all’interno della perdita è negli occhi di chi guarda. Quando la squadra di calcio della Torquay United piazza il penultimo posto in campionato, è una vittoria importante per la squadra e la comunità locale. (L’ultimo posto avrebbe significato l’eliminazione dalla lega del tutto.) Quando Aliy Zurkle torna a giocare nell’Iditarod per la diciassettesima volta, senza averla mai vinta, la sua vittoria non è in definitiva piazzata per prima (She does not.), Ma in affrontando le sue paure e partecipando alla gara a tutti dopo essere sopravvissuto a un attacco da un motoslitta l’anno precedente. Quando Jack Ryan atterra in un punto sui Maghi di Harlem dopo essere stato ripetutamente espulso dalle squadre di basket organizzate, trova la sua vera vocazione in un’arena che attribuisce valore all’animo in campo. Cosa significherebbe amare ogni singola vittoria conquistata da noi stessi, indipendentemente da come sia stata paragonata o vista ad altre persone?

La mancata soddisfazione delle aspettative, nostre o altrui, è una delle poche certezze della vita. Siamo stati o saremo tutti perdenti. Ma se possiamo imparare, come ci ricorda Mauro Prosperi, “come viverlo e interpretarlo”, allora ciò che significa essere un perdente può cambiare. Il ritmo andrà avanti e anche noi.

  • Arte dietro le sbarre
  • Crescita personale: Rhonda Byrne dimostra che c'è un succhiatore nato ogni minuto
  • Capire la mente di un narcisista
  • Amicizia dal libro: trovare "angeli inaspettati" sul posto di lavoro
  • Per rendere il matrimonio migliore, dovremmo aspettarci di meno?
  • Il linguaggio universale di gestione
  • Figlie non amate, 5 desideri e 5 strategie per concederle
  • La Redenzione Spirituale di Scrooge: come guarisce l'inconscio
  • Stai ricevendo un divorzio e stai pensando di nidificare?
  • Poliziotti che si uccidono
  • Riprese Annapolis: come proteggere la tua salute mentale
  • Come organizzare una vita: la prospettiva delle tre pentole
  • Il tuo cane ti ruba il sonno?
  • Perché i leader positivi credono che sia virtuoso?
  • Perché dovresti lasciare il tuo lavoro e viaggiare in tutto il mondo
  • Non farti prendere sonnolenza durante questa stagione natalizia
  • Assoluta apertura o chiusura mentale: oltre l'ombra di un punto
  • Perché i film di e sulle donne sono cruciali per la nostra coscienza
  • Trovato "Interruttore del sonno" del cervello
  • Perché le donne vogliono matrimoni da fiaba?
  • La vita non autentica: una minaccia alla tua salute fisica e finanziaria?
  • Imparare ad incontrarsi nella "Aha Middle" dei tuoi disaccordi
  • Come le risoluzioni del nuovo anno riescono o falliscono
  • "Christmas Carol" di Dickens
  • Chi vuol essere normale?
  • Il tuo giorno di laurea
  • Ciò di cui i giovani atleti hanno davvero bisogno
  • Rites of Passage (Willa-2)
  • Lavorando molto, non dormendo abbastanza
  • Le complessità dell'aborto
  • La vera storia dei prezzi della benzina
  • Spostarsi conduce all'ansia per gli introversi
  • Cerchiamo di essere chiari su ciò che è la realtà virtuale
  • Ottenere le tue finanze per diventare virali
  • 7 modi positivi per aiutare i bambini a gestire la delusione
  • Come la recessione può ispirarti a inseguire i tuoi sogni