Cosa rivelano le tue playlist segrete su di te?

Krystine I. Batcho
Fonte: Krystine I. Batcho

La musica arricchisce la nostra vita sociale e le relazioni in luoghi pubblici e privati. Accresce la gioia, l'orgoglio, la solennità e la memorabilità sono tutti valorizzati nelle celebrazioni formali e informali. Il gioco di "Pomp and Circumstance " assicura che amici e famiglie apprezzino l'importanza delle realizzazioni dei laureati. La musica allegra contribuisce al divertimento che le persone amano durante le feste. A livello più privato, gli amanti ricordano la loro "canzone speciale" e hanno sentimenti caldi e confusi quando sentono la musica che hanno goduto insieme mentre si innamoravano.

Mentre il valore della condivisione della musica è universalmente evidente, meno ovvia è la musica che gli individui sono riluttanti ad ammettere di apprezzare in privato. Le loro amate playlist nascondono colpevoli piccoli piaceri musicali. A prima vista, possiamo facilmente capire perché la gente non è disposta a rivelare che a loro piacciono certe canzoni. Molte canzoni pop sono considerate troppo semplici, ripetitive o addirittura fastidiose per essere rispettate da ascoltatori sofisticati. Ma è difficile ignorare un battito pulsante o testi felici e ripetitivi che portano gioia senza inibizioni. Come ha spiegato Michael Stipe sul successo internazionale dei REM "Shiny Happy People", "È un po 'imbarazzante che sia diventato un successo tanto grande quanto lo è stato!" Ma la canzone era esattamente quello che lui intendeva che fosse: "un vero fruttato , una specie di canzone di bubblegum. "Allo stesso modo canzoni semplici come" Do not Stop Believin "" di Journey e "Call Me Maybe" di Carly Rae Jepsen si classificano tra le canzoni di piacere più colpevoli del pop secondo un'analisi di oltre 120.000 playlist su Spotify .

Non volendo ammettere che il proprio gusto musicale include semplici canzoni bubblegum può riflettere la paura di altri considerandoti musicalmente ingenuo. La stessa dinamica potrebbe spiegare la necessità di mantenere privato qualsiasi godimento di canzoni infantili come "Puff the Magic Dragon" di Peter, Paul and Mary o "The Unicorn Song" degli Irish Rovers. La popolarità di queste canzoni suggerisce che il loro fascino deriva dal significato simbolico apprezzato dagli adulti che hanno sperimentato la perdita dell'innocenza dell'infanzia o che hanno sentito il doloroso dolore del rimpianto. Ma gli argomenti espliciti delle canzoni sono personaggi infantili e fantasiosi – un drago magico, unicorni giocosi – non contenuti per adulti. Ammettere che ti piacciono comporta il rischio che altri ti vedano come infantile, immaturo o almeno non sofisticato.

Alcuni possono percepire anche le canzoni con contenuti più maturi come meglio mantenute private. Sarebbe "uncool" o "dorky" amare la musica che è obsoleta, schmaltzy o banale. Una cultura progressiva aggrotta le sopracciglia dopo aver ascoltato ciò che era popolare in passato. Una cultura che favorisce la forza e valori potenti come il coraggio, la resilienza e l'invincibilità scoraggia qualsiasi ammissione di sentimentalismo o vulnerabilità. Non sorprende, quindi, che le playlist segrete includano canzoni come "Love Story", in origine un successo interpretato da Andy Williams, e "Honey" di Bobby Goldsboro. Entrambe le canzoni sono considerate espressioni sdolcinate e sdolcinate di amore romantico idealistico, ma entrambe erano hit popolari nel loro tempo.

Mentre alcune voci sulle playlist segrete riflettono la motivazione comprensibile per evitare di essere considerate immature o non raffinate, altre potrebbero rivelare preoccupazioni più importanti. La paura di rivelare bisogni, desideri o conflitti insoddisfatti potrebbe imporre un fardello di segretezza oltre che un ostacolo alla loro risoluzione. Alcune canzoni potrebbero rivelare emozioni dolorose durature da ferite del passato. Nella sua canzone potentemente onesta, "Piece By Piece", Kelly Clarkson esprime il dolore devastante che suo padre l'ha lasciata quando era giovane e il potere curativo dell'amore che ha scoperto con suo marito. Canzoni di abbandono, amore non corrisposto, tradimento o dolore insopportabile possono rivelare profondità dei nostri sé emotivi che preferiamo mantenere privati. Potremmo temere che mostrare il nostro dolore più profondo, il nostro tallone emotivo di Achille, possa renderci vulnerabili a ulteriori attacchi. Condividere una canzone del genere potrebbe rispecchiare un aspetto nascosto del nostro sé e ricordarci di problemi che preferiremmo dimenticare.

Mentre le nostre esperienze di vita ci trasformano, acquisiamo nuovi amici e colleghi insieme a un nuovo stile di vita. Potremmo arrivare a sentire che siamo cresciuti troppo oltre il nostro sé passato e siamo disposti a lasciarlo alle spalle. Ma il nostro sé passato rimane come il sé su cui costruiamo la nostra identità attuale. Per alcuni, godere segretamente canzoni che riflettono il fatto che il sé privato può essere una fonte di piacere introspettivo. Avere un'identità privata può essere come un tesoro psicologico nascosto. Per gli altri, potrebbe essere una fonte di potenziale imbarazzo o vergogna e tenerla soppressa può essere fonte di ansia o tristezza. La ricerca ha suggerito che in alcuni casi mantenere un segreto importante può imporre un carico cognitivo o emotivo e rivelarlo può portare sollievo al rilascio catartico. Condividere pezzi significativi dalla nostra playlist segreta potrebbe essere il primo passo per la guarigione.

Se la tua playlist segreta ti offre lo speciale piacere del divertimento nel tuo spazio privato, la soddisfazione di avere ricchi livelli di identità o la conoscenza potenziata di aver superato le sfide, indulgere. Ma se il tuo elenco di canzoni colpevoli riflette un carico di sofferenza emotiva irrisolta o desideri insoddisfatti, potresti considerare di esplorare i motivi alla base della tua playlist e iniziare la ricerca di guarigione e andare avanti.

Ulteriori letture

Batcho, KI, DaRin, ML, Nave, AM, e Yaworsky, RR (2008). Nostalgia e identità nei testi delle canzoni. Psicologia dell'estetica, della creatività e delle arti , 2 , 236-244.

Goncalo, JA, Vincent, LC, & Krause, V. (2015). Le conseguenze liberatorie del lavoro creativo: come uno sbocco creativo solleva il peso fisico della segretezza. Journal of Experimental Social Psychology , 59 , 32-39.

Mackelden, A. (2016, 3 marzo). I testi di "Piece By Piece" di Kelly Clarkson raccontano una storia straziante. Trambusto . http://www.bustle.com/articles/145780-kelly-clarksons-piece-by-piece-lyrics-tell-a-heartbreaking-story

Putnam, L. (2014, 30 luglio). Spotify rivela le migliori canzoni di "colpevole piacere". New York Post . http://nypost.com/2014/07/30/spotify-reveals-top-guilty-pleasure-songs/

Rogers, J. (2011, 12 novembre). L'ultima battuta di Michael Stipe – Un intervista di uscita REM. Il Quieto . http://thequietus.com/articles/07351-michael-stipe-s-last-stand-an-rem-exit-interview

Slepian, ML, Camp, NP e Masicampo, EJ (2015). Esplorare il peso della segretezza: segreti, preoccupazioni e giudizi percettivi. Journal of Experimental Psychology: General , 144 , e31-e42.

Slepian, ML, Masicampo, EJ, e Ambady, N. (2014). Alleviare i fardelli della segretezza: rivelare segreti influenza i giudizi di pendenza e distanza in salita. Scienze sociali psicologiche e di personalità , 5 , 293-300.

Slepian, ML, Masicampo, EJ, Toosi, NR, e Ambady, N. (2012). I fardelli fisici della segretezza. Journal of Experimental Psychology: General , 141 , 619-624.

Solutions Collecting From Web of "Cosa rivelano le tue playlist segrete su di te?"