Cosa riduce veramente il suicidio?

"Non ci sono prove che il trattamento di un disturbo mentale riduce il suicidio. L'evidenza è che il trattamento del comportamento suicidario riduce il suicidio. "

Ecco Marsha Linehan, fondatrice di Dialectical Behavior Therapy e ricercatrice di psicologia all'Università di Washington. Ho dovuto leggere la citazione di Linehan, da questo articolo su Nature Medicine , un paio di volte prima che il suo significato fosse affondato. Era un po 'rivoluzionario.

La maggior parte delle persone che trascorrono molto tempo a pensare a come prevenire il suicidio trascorrono molto tempo a pensare alla malattia mentale. Anche per questo blog, sono altrettanto aperto a scrivere di malattie mentali quanto lo sono per scrivere sul suicidio e sulla prevenzione del suicidio. Tendo a vederlo tutto collegato, a volte in modo inestricabile.

Ma Linehan fa un punto importante, uno rafforzato da ciò che chiunque lavori nel campo della prevenzione del suicidio non può negare: non è una malattia mentale legata al suicidio. È un comportamento suicida.

La distinzione è sottile, forse. Per chiarire, ci sono molte persone che hanno una malattia mentale a cui non pensano, non pianificano o tentano il suicidio. Quindi, le strategie di prevenzione del suicidio che si concentrano sul trattamento della malattia mentale potrebbero perdere l'opportunità di concentrarsi su qualcosa che sappiamo può portare al suicidio: tentativi di suicidio.

Ciò che rende difficile capire come trattare i tentativi di suicidio in particolare è che è così difficile studiare i tentativi di suicidio. Naturalmente, non vogliamo mettere le persone vulnerabili in una situazione che potrebbe portare loro a tentare il suicidio. Quindi, studiare una popolazione a rischio per tentare il suicidio non è attraente, o anche spesso fattibile.

Secondo l'articolo di Nature Medicine , che racconta le sfide inerenti alla ricerca clinica sul rischio di suicidio, "la maggior parte degli studi sui farmaci psichiatrici oggi … esclude chiunque esprima pensieri suicidi". Per quei ricercatori che sono in grado di arruolare partecipanti in particolare a rischio di tentativi di suicidio, è stato difficile iscrivere un numero sufficientemente elevato per generare risultati statisticamente significativi. Oppure, i partecipanti allo studio reclutati abbandonano prima che lo studio sia completato.

Non posso fare a meno di pensare che la prospettiva di Linehan, forse involontariamente, promuove un approccio globale alla prevenzione del suicidio: uno che non guarda solo a fattori individuali che influenzano il rischio suicidario, ma anche a fattori familiari, di comunità e di sistema. Perché non si tratta solo del comportamento suicidario che riduce il rischio di suicidio.

Copyright 2012 Elana Premack Sandler, tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Cosa riduce veramente il suicidio?"