Cosa rende triste la musica … Triste?

Image courtesy of Tuelekza at FreeDigitalPhotos dot net
Fonte: Immagine gentilmente concessa da Tuelekza presso FreeDigitalPhotos dot net

Ho avuto una relazione intermittente con i podcast. Negli ultimi anni ho cercato di ascoltare storie di audiolibri epici su Audible. Libri come il Trono di Spade , la serie di detective di Harry Hole – cose che avrebbero potuto consumare tutto il tempo libero di ascolto dell'audio che avevo a disposizione.

Ma mi sto lentamente reintroducendo ai podcast. È iniziato con alcuni dei podcast seriali NPR, oltre alla classe Stuff You Missed in History . E con questo rinnovato interesse arrivano nuove raccomandazioni, come il podcast di Revisionist History di Malcolm Gladwell. Più in particolare, il suo episodio del 20 luglio 2017 intitolato "The King of Tears".

In questo episodio, Gladwell esplora ciò che rende le canzoni tristi … beh, triste. Si concentra in particolare sui testi e sulle immagini e memorie stimolate da tali testi, con un breve tocco sul genere musicale come riflesso delle comunità culturali. Anche se come terapeuta musicale mi interessano gli aspetti culturali del genere musicale, quello che più sorprende dell'esplorazione di Gladwell è che …

… beh, non è andata bene. Sorprendentemente breve.

La mia ragione principale per questa affermazione è che Gladwell si è concentrato solo su una caratteristica dei testi musicali e il suo ruolo nella percezione della musica triste. Forse, però, questo era parte delle sue intenzioni. Dopotutto, la musica stessa è uno stimolo estremamente complesso e gli umani hanno reazioni complesse e individualizzate alla musica. Quindi non sarebbe possibile fornire un esame approfondito di tutte le caratteristiche associate alla musica triste.

Eppure i testi non sono abbastanza. Quindi colgo l'occasione per presentare altre ragioni per cui la triste musica è triste. Come per l'episodio podcast, questa non è un'esplorazione esaustiva e c'è ancora molto che noi ricercatori e medici dobbiamo ancora capire. Ma è un inizio …

Uno: modi

Le modalità implicano la disposizione e l'ordinamento di note musicali in un particolare tasto. È questa disposizione di note che crea gli accordi che ascoltiamo, che si prestano alla nostra percezione della tonalità di un pezzo. (La tonalità descrive il colore di un brano musicale e si basa su accordi e armonie che sono più importanti di altri in un determinato lavoro musicale.) Le modalità comuni includono la modalità principale e la modalità minore, e queste due modalità, in particolare, sono utilizzate per ritragga musica felice (modalità principale) e triste (modalità minore). La ricerca offre supporto, poiché le modalità musicali sono potenti stimoli per le emozioni musicali (Gabrielsson e Lindström, 2010), anche nei bambini in età scolare (Dalla Bella et al., 2001).

Due: Tempo

Tempo si riferisce alla velocità, o ritmo, di un brano musicale. Come per le modalità, il tempo viene anche usato come un modo per esprimere le emozioni. In realtà, è generalmente considerata una delle caratteristiche musicali più importanti (Gabrielsson e Lindström, 2010), con una musica veloce che ritrae la felicità e la musica lenta che ritraggono la tristezza. Ora, si dovrebbe notare che i tempi veloci e lenti possono essere usati per indicare altre emozioni (ad esempio, il tempo veloce per la rabbia e il tempo lento per la calma). In questi casi, altre caratteristiche musicali interagiscono con il tempo per ritrarre l'emozione desiderata. Ad esempio, la musica veloce in una modalità principale risulterà più probabilmente felice, mentre la musica veloce in una modalità minore risulterà più probabilmente arrabbiata.

Tre: interazioni tra caratteristiche musicali

Infine, il ruolo di altre caratteristiche musicali nell'espressione delle emozioni – melodia, timbro, dinamica, armonia, ecc. – è stato anche esplorato dai ricercatori. E sebbene la ricerca indichi che ognuno contribuisce in qualche modo a rendere felice la musica triste e felice, in pratica l'espressione emotiva è molto più legata alle interazioni tra come sono strutturate le diverse caratteristiche musicali (Gabrielsson e Lindström, 2010). Un esempio di questo è stato condiviso già la musica veloce in una modalità principale è considerata felice, mentre la musica veloce in una modalità minore è considerata rabbia. Ci sono anche altri esempi, come loudness (dinamica) e altezza del passo. La musica ad alta frequenza suonata tranquillamente suonerà probabilmente paurosa, mentre la musica acuta suonata ad alta voce suonerà probabilmente felice (o arrabbiata, a seconda di altri fattori come il timbro, il tempo, la modalità …).

Come capisco, il punto principale di Gladwell è che le lacrime musicali si verificano quando "la malinconia si scontra con la specificità". In altre parole, quando le caratteristiche della musica stessa (nella sua argomentazione, i testi) si combinano con dettagli, ricordi e immagini correlate alla propria vita o ad altri trigger emotivi, questo è ciò che contribuisce all'esperienza della musica triste. E anche se non sono in disaccordo con questo sentimento, il fenomeno in sé è molto più complesso di quello, o anche (abbastanza francamente) di quanto è stato condiviso in questo post. La percezione della musica triste include altre caratteristiche oltre ai testi, in particolare il tempo e la modalità, così come le interazioni tra elementi musicali.

Un ultimo punto: mi sono concentrato principalmente sulla musica stessa in questo post. Tuttavia, anche il contesto è importante. La stessa canzone può essere cantata da diversi artisti e ottenere risultati emotivi diversi. Le emozioni musicali percepite dipendono anche dall'ascoltatore. Un ascoltatore può essere toccato da una canzone particolare (e, sì, potrebbe essere dovuto in parte ai testi che contribuiscono alla formula malinconica + dettagli proposta da Gladwell), mentre un altro potrebbe non esserlo, anche se ascoltando la stessa esibizione.

In definitiva, sebbene questo argomento sia interessante per me sia come studioso che come clinico, penso che al centro di tutto ciò sono solo la musica riconoscente che ci fa sentire .

Seguimi su Twitter @KimberlySMoore per aggiornamenti regolari sulle ultime ricerche e articoli relativi alla musica, alla musicoterapia, alla musica e al cervello. Vi invito anche a visitare il mio sito web, www.MusicTherapyMaven.com, per ulteriori informazioni, risorse e strategie.

Solutions Collecting From Web of "Cosa rende triste la musica … Triste?"