Cosa può mettere un rischio di cancro maggiore rispetto al fumo?

Un recente studio pubblicato sul British Medical Journal (online) ha sollevato domande sui sonniferi. L'attento lavoro svolto su questo studio dimostra un forte legame tra sonniferi e mortalità (gergo medico per la morte), in particolare dal cancro. Lo studio è stato meticolosamente progettato (basandosi su due dozzine di studi precedenti e tenendo conto delle malattie preesistenti) e condotto da tre medici presso la Scripps Clinic, parte dell'Università della California a San Diego e uno dei principali centri di ricerca medica delle nazioni.

Sono necessarie ulteriori ricerche per capire le tendenze scoperte dai ricercatori di Scripps, ma ci sono sufficienti informazioni in questo studio retrospettivo di cinque anni (nel senso che i ricercatori stavano analizzando i dati esistenti) per garantire molta più cautela nell'uso dei sonniferi di quanto non si eserciti dalla maggior parte dei medici e dei pazienti. Attualmente il 10% della popolazione adulta – decine di milioni di persone – assume sonniferi che potrebbero esporli a rischi di cancro non necessari.

Lo studio ha esaminato un'ampia gamma di ausili per il sonno, in particolare ipnotici non benzodiazepinici, sedativi benzodiazepinici e antistaminici sedativi, che molte persone usano per avvertire sonnolenza. Tutte le pillole hanno aumentato il rischio di morire durante i cinque anni di studio.

Il rischio più prevalente di malattie associate ai sonniferi era il cancro: le persone che prendevano solo tre pillole ogni due mesi triplicavano il rischio di cancro. Coloro che hanno fatto scoppiare un sonnifero due volte a settimana hanno aumentato il rischio di cancro fino a sei volte. Il rischio di sviluppare tumori della prostata, del colon e del polmone e del linfoma per le persone che assumevano solo due sonniferi a settimana era superiore a quello dei fumatori di sigarette. L'altra causa di morte drammaticamente sollevata dall'uso di sonniferi era il suicidio.

Per le persone coinvolte in questo studio retrospettivo, più sonniferi hai preso il rischio peggiore di morire, iniziando con una media di una pillola e una mezza alla settimana. Il più alto livello di rischio è iniziato con due sole pillole alla settimana. Nella loro conclusione gli autori scrivono: "Guardando a tutte le cause la mortalità – compresa la depressione e il fumo – l'uso ipnotico era il più forte rischio [per la morte] tra gli uomini, più forte del fumo di sigaretta." Stimano che tra 320.000 e 507.000 morti in eccesso nel 2010 furono a causa dei sonniferi.

Questa non è la prima volta che queste domande sono state sollevate. Studi del lontano 1979 hanno messo in discussione il rischio di cancro nelle persone che usano sonniferi. In quell'anno, l'American Cancer Society Cancer Prevention Study, ho scoperto che il fumo di sigaretta e i sonniferi erano associati a morte eccessiva. Ma i risultati del sonnifero sono stati scontati dal momento che lo studio sulla prevenzione del cancro non è stato progettato principalmente per studiare questi farmaci, secondo i ricercatori di Scripps. Da allora 24 studi hanno esaminato sonniferi e mortalità e 18 hanno riferito associazioni significative. Gli autori di Scripps evidenziano da almeno uno studio che i sonniferi causano danni cromosomici

I ricercatori di Scripps sono riusciti a tener conto del fatto che le persone che prendono sonniferi sono spesso più malate. Per identificare gli effetti dei sonniferi indipendenti dalle condizioni preesistenti, i ricercatori hanno abbinato perfettamente due controlli a ciascun soggetto con le stesse malattie esistenti. Sono stati anche in grado di calcolare per oltre 116 condizioni preesistenti, tra cui l'insonnia, che predispone la gente ad altri problemi di salute ed è di per sé un fattore di rischio per la malattia, anche se non per la morte prematura. Se un uomo di 65 anni che prendeva sonniferi fumava per 25 anni, beveva alcol, aveva il diabete e l'insonnia, era in questo studio con due uomini con lo stesso profilo che non prendevano sonniferi. In termini di studi retrospettivi, questo ha avuto un grande potere nel disegno statistico.

L'aggiunta alla potenza di questo studio era la sua dimensione. Ha utilizzato le cartelle cliniche del Sistema Sanitario Geisinger, il più grande sistema sanitario integrato delle nazioni. I ricercatori hanno esaminato record elettronici di 220.000 persone in cinque anni (dal 2002 al 2007). E poi hanno cercato persone che combaciassero, riducendo il gruppo da studiare (la coorte) fino a 10.000 utenti di sonniferi e 20.000 non utilizzatori. Per un periodo di cinque anni le persone che hanno preso sonniferi sono morti di più, soprattutto con l'età. La durata media dello studio sull'uso del paziente è stata di 2,5 anni.

I sonniferi erano più pericolosi con l'età, con differenze drammatiche a partire dall'età di 65 anni. Tra i 65 e 75 anni, l'8% degli utenti di sonniferi era morto alla fine del periodo di 5 anni contro l'1% delle persone che non prendi le pillole Oltre i 75 anni, il 18% degli utenti di sonniferi era morto dopo 5 anni contro il 3% dei non utilizzatori. I giovani hanno fatto meglio: tra quelli che assumevano pillole dai 18 ai 55 anni, solo il 2% è morto durante lo studio rispetto a meno dell'1% dei non utilizzatori.

Due delle più grandi critiche saranno che lo studio è retrospettivo e che non ha esaminato tutte le cause di morte. Hanno esaminato tutte le cause della mortalità e poi hanno esaminato specificamente il cancro e il suicidio, entrambi significativamente più alti per le persone che assumono sonniferi. Il comitato etico che sovrintende lo studio non ha permesso ai ricercatori di esaminare la malattia psichiatrica. E l'uso di alcol non è stato visto in dettaglio, le persone sono state divise in bevitori e non bevitori, indipendentemente dalla quantità. Entrambi questi fattori dovrebbero essere oggetto di ricerche di follow-up; soprattutto perché molti utenti di sonniferi muoiono di notte, quando la combinazione di pillole e alcol può essere fatale.

È vero che lo studio è osservativo, e quindi non è a prova di proiettile come uno studio prospettico, controllato verso placebo che dà mezzo sonnifero al sonnifero e l'altro mezzo placebo in condizioni strettamente controllate. Ma il National Institute of Health non consentirà uno studio progettato per mostrare che qualcosa ti uccide più velocemente. Tutti gli studi sulle sigarette sono condotti con analisi retrospettive. O come gli autori sottolineano nella loro discussione, "il NIH non permetterà uno studio sul paracadutismo senza paracadute".

Il messaggio per i miei pazienti: più a lungo si diventa più rischiosi prendere dei sonniferi. In giovane età se li usi occasionalmente (una dozzina all'anno) il rischio è minimo. Ma più di questo o più vecchio, specialmente con le persone più a rischio di cancro o suicidio, i rischi diventano drammatici. Questo dimostra chiaramente che i sonniferi non sono pensati per l'uso quotidiano, ma per l'insonnia occasionale. I pazienti di età superiore ai 65 anni con rischio di cancro dovrebbero trovare altri modi per dormire.

I dati dei revisori non distorti mostrano comunque che ci sono magri benefici per i sonniferi. In un articolo sullo studio di Scripps, The New York Time s sottolinea che i dati di un ampio studio hanno mostrato che i soggetti dormivano 37 minuti più a lungo di un gruppo di controllo, ma avevano solo 6 ore e 22 minuti di sonno, e li impiegavano ancora 30 minuti addormentarsi; ci sono voluti i soggetti sul placebo per 15 minuti in più. Un altro studio ha avuto risultati simili e 1 su 20 ha dichiarato di sentirsi assonnato il giorno dopo mentre alcuni hanno riportato problemi di memoria. Il rischio / beneficio dell'utilizzo di sonniferi come un normale ausilio per dormire non è semplicemente dimostrato, specialmente alla luce di questa nuova analisi.

Chiaramente altre strategie devono essere considerate come fornire sollievo per il sonno. Gli autori affermano che la terapia comportamentale cognitiva è la strada da percorrere, è quella che si chiama igiene del sonno. Una chiave è alzarsi alla stessa ora ogni giorno fino a quando il tuo corpo non ti costringe ad andare a dormire prima. Altre strategie includono apportare modifiche al tuo ambiente di sonno, terapia della luce (ottenere la luce a pieno spettro nelle prime ore del mattino) e usare strategie di rilassamento prima di dormire o al risveglio nel cuore della notte. In termini di dimagrimento, gli utenti abituali dovranno probabilmente ridurre il dosaggio. E spesso incoraggio i miei pazienti a provare rimedi erboristici come la valeriana, gli aminoacidi L-triptofano / 5HTP e / o la melatonina.

Se prendi i sonniferi regolarmente è tempo di visitare il tuo medico per discutere dell'arresto. La maggior parte dei principali centri medici dispone ora di un centro per il sonno (compreso quello gestito dagli autori dello studio) che fornisce analisi del sonno delle tue notti particolari e raccomandazioni su come migliorarlo.

Leggi questo e altro ancora su iwellville.com

Solutions Collecting From Web of "Cosa può mettere un rischio di cancro maggiore rispetto al fumo?"