Cosa può essere fatto da Schadenfreude?

Mi sento teso a guardare le finali dell'evento relay in atletica. Lo scambio di bacchette è così facilmente gestibile e le conseguenze umilianti dell'errore sono così complete per gli atleti. Anche così, se mi sento piena empatia se si verifica uno scambio brutto ha qualificatori. Se si tratta di un evento olimpico, quando un paese rivale diverso dagli Stati Uniti subisce questo errore, il mio spirito olimpico si spegne. Il piacere si mescola alla pietà.

Cosa dovrei fare del mio piacere, mio ​​schadenfreude?

Chiaramente, prendere piacere nella sofferenza di un altro porta in un territorio moralmente incerto. Gli elogi non iniziano mai con "Sì, era un uomo buono, pronto a trovare piacere nella disgrazia degli altri. Ci mancherà profondamente "

Le persone che confessano il loro schadenfreude possono essere escoriate. Basta chiedere a "Jane Fenton", che in un pezzo pseudonimo di Chronicle of Higher Education alcuni anni fa, ha ammesso occasionalmente di sentirsi felice quando uno dei suoi studenti ha fallito. Ha ricevuto una frantumazione di vetriolo da circa la metà di quelli che commentavano il suo pezzo, spingendola a scrivere una confutazione in sua difesa.

Tuttavia, il repertorio emotivo della signora Fenton è in realtà abbastanza normale. Schadenfreude, nonostante i suoi sensi di colpa, è un'emozione naturale, quasi inevitabile che permea la vita sociale in forme sfumate e audaci. Perchè è questo? Una ragione è il fatto bruto che le disgrazie che accadono agli altri, nell'arena competitiva del lavoro e dell'amore, possono portare al nostro guadagno. La logica evolutiva porta a casa la semplice conclusione che ogni evento dal quale trarremo vantaggio ci farà piacere a questo livello. Altrimenti, non sopravviveremo come specie. Sì, voglio questo lavoro caro, ma perché non tu, mio ​​rivale, vai avanti e prendilo. Mi farò da parte. No, non è così che funziona il mondo. E così, se i miei rivali subiscono una battuta d'arresto, una parte di me, dentro il mio cervello di rettile, dice sì.

Immagina di essere innamorato di qualcuno. Questa persona è attraente e ha una grande personalità, che spiega ampiamente i tuoi sentimenti. Ma, proprio a causa di queste caratteristiche, un rivale si nasconde dietro le quinte, provocando attacchi di gelosia. Questa persona viene sorpresa a rubare dalla compagnia. Come ti senti? Peccato non adulterato? Gioia segreta che questa persona potrebbe non essere più un rivale credibile? Certamente un mix di questi sentimenti. Nel gioco di accoppiamento, il campo di battaglia del fitness adattivo, tutto può sembrare giusto.

Allo stesso tempo, abbiamo anche una passione per la giustizia. Vogliamo che le persone buone facciano bene e le persone cattive soffrano. Nonostante gli eventi apparentemente casuali e stravaganti che spesso evolvono, vogliamo credere che il destino si evolva verso uno schema di esiti giusti – qualcosa che si avvicini al karma. Quando qualcuno merita la loro sofferenza, c'è qualcosa di profondamente soddisfacente – e piacevole in questo (che, a proposito, è stato quando la signora Fenton si è sentita schadenfreude, quando il comportamento dello studente lo rendeva meramente rotondo e meritevole di fallimento). Ciò è particolarmente vero se la disgrazia viene a qualcuno che ci ha maltrattato ingiustamente. La loro punizione, venendo nella forma di una disgrazia, è personale, una specie di vendetta consumata dal destino. In questi casi, il piacere è dolce all'estremo e probabilmente privo di allarme morale.

Considera l'esperienza della fanciullezza dello storico di Yale, Peter Gay. Ha subito le umiliazioni della persecuzione come ebreo nella Germania nazista, prima di fuggire in America nel 1939, attraverso l'ingegnosità preveggente di suo padre. Sia lui che suo padre erano appassionati di sport intensi. In effetti, lo sport divenne una distrazione necessaria dai sempre più abominevoli maltrattamenti dei nazisti. Con i giochi olimpici del 1938, lui e suo padre si identificavano con l'America piuttosto che con la Germania, disprezzando come facevano le nozioni razziste di superiorità ariana che il nazista sperava potesse essere messo in mostra durante i giochi. Gay e suo padre hanno partecipato a molti eventi e hanno esultato con passione per gli atleti americani e si sono sentiti delusi quando gli atleti tedeschi hanno vinto.

Un evento occupava un posto speciale nel ricordo di Gay di quel tempo, che descriveva con nuovo entusiasmo in un libro di memorie, scritto sette decenni dopo. Questa era la staffetta 4 X 100 delle donne, che avrebbe dovuto essere facilmente conquistata dai tedeschi, un fatto che deprimeva Gay e suo padre. La corsa procedeva al previsto, con i tedeschi che partivano forti e allargavano il loro vantaggio a ogni scambio di baton, l'americano era un lontano secondo. Ma, poiché il testimone è stato passato all'ancora della squadra tedesca, si è verificato un contrattempo. Gay ricorda che suo padre balzò in piedi e gridò "Die Madchen haben den Stab verloren!" ("Le ragazze hanno lasciato cadere il bastone!"), Come la runner americana, Helen Stevens ha continuato a finire prima e ". . . gli imbattibili modelli di femminilità nazista si abbracciavano e piangevano i loro cuori tedeschi ".

Per Gay, questo evento è rimasto "uno dei momenti migliori" della sua vita. "Schadenfreude", ha concluso, "può essere una delle più grandi gioie della vita. Schegge come queste in un momento che mi ha dato un piccolo piacere hanno fornito esempi di pura felicità. "

Puoi guardare la gara su YouTube. Il trascorrere di ottanta anni porta via poco dall'esperienza. Vuoi un tocco in più di schadenfreude senza sensi di colpa? Bevi nelle reazioni di Hitler e Goebbels alla perdita.

https: //www.youtube.com/watch? v = xKqD_h34V30 \

  • L'intonazione che ha bisogno di ogni studente universitario del primo anno
  • A Culture of Schadenfreude: Delighting in the Deaths of Fat People
  • Sii lucido, fai meno, ottieni di più
  • Attenzione congiunta e cooperazione conversazionale
  • Once More the Double Life
  • Vivere una vita sociale dei media
  • Sei compatibile con quello estroverso?
  • Come possiamo (o dovremmo) stabilire delle priorità su aspetti chiave della vita?
  • Faccia di polemica
  • Come gestisci gli Huggers?
  • Come uno psicoterapeuta ha affrontato il suo grasso pregiudizio
  • La figlia borderline
  • Felicità nazionale lorda: dovremmo iniziare a fare i conti con il nostro GNH?
  • Sei timido, introverso, o entrambi (e perché è importante)?
  • Matrimonio malinconico: siamo in un'era post-romantica?
  • Come possiamo (o dovremmo) stabilire delle priorità su aspetti chiave della vita?
  • Vivere una vita sociale dei media
  • Sentendosi colpevole?
  • Giudizio sotto incertezza: statistiche e pregiudizi
  • Trattare la persona non la parte
  • The Blame Game: Rape and Bullying in Teen America
  • 5 motivi per cui i disturbi alimentari possono divampare nei mesi estivi
  • Imparare ad essere assertivo - Parte I
  • Nessun partner, nessuna preoccupazione: nuovo studio sulla salute psicologica
  • Regole di stupidità per i professionisti creativi
  • Consigli: social media e ricerca di lavoro
  • Quando la solitudine diventa isolamento
  • I benefici per la salute della socializzazione
  • Ingannato dalle trappole dell'autorità?
  • Quanto è buono il tuo consiglio, davvero?
  • Una goccia kafkiana nel secchio
  • Il legame inquietante tra narcisismo e sadismo
  • La strategia mentale per aiutarti a mantenere i tuoi obiettivi 2018
  • Storie di isolamento: un episodio di reclusione
  • Perché i genitori influenzano i bambini meno di molte persone
  • Perché le persone dipendono dal texting?