Cosa possono insegnarci i parrucchieri sulla saggezza pratica

Il termine saggezza pratica suona come un ossimoro per le orecchie moderne. Tendiamo a pensare alla "saggezza" come all'opposto del "pratico". La saggezza riguarda questioni astratte ed eteree come "la via" o "il bene" o "la verità" o "la via". E tendiamo a pensare che la saggezza è qualcosa per saggi, guru, rabbini e studiosi – per i maghi dalla barba bianca come il mentore di Harry Potter, Silente. L'insegnante di Aristotele, Platone, ha condiviso questa visione secondo cui la saggezza era teorica e astratta e il dono di pochi. Ma Aristotele non fu d'accordo. Pensava che le nostre pratiche sociali fondamentali richiedevano costantemente delle scelte – come quando essere fedeli a un amico, o come essere onesti, o come affrontare i rischi, o quando e come essere arrabbiati – e che fare le giuste scelte richiedesse saggezza. La natura assolutamente banale e concreta della saggezza pratica ci è stata riportata dalla discussione di Mike Rose sui parrucchieri nel suo penetranti libro The Mind At Work.

Vanessa sta dietro a Lynn mentre siede nella piccola poltrona da barbiere nel salone alla moda. Muove abilmente le sue dita tra i capelli di Lynn, gesticolando con le mani per indicare forma e movimento e chiacchierando. "Come ti è piaciuto l'ultimo taglio di capelli" chiede. Come ha gestito? È stato facile da gestire? Cosa ti tormenta ora? Ci si sente pesante davanti? Lynn risponde a queste domande, descrivendo ciò che vuole, facendo affidamento su aggettivi che hanno più a che fare con il sentimento che con la forma. Vuole che il taglio "si sia rinfrescato" lo vuole "impertinente".

Per tagliare bene i capelli di Lynn, Vanessa ha bisogno di un certo know how tecnico. Quanto sono densi i capelli, qual è la sua consistenza (grossolana, media, fine), il modello ondulatorio (dritto, ondulato, riccio), le sue caratteristiche di porosità ed elasticità che possono essere influenzate dalla storia dei trattamenti dei capelli del cliente: colorazione, perming relax , messa in piega.

Non ci sono regole semplici su come tagliare un particolare tipo di capelli. Un cliente non ha semplicemente capelli mossi; è più probabile che abbia i capelli mossi su alcune parti del cuoio capelluto e relativamente dritta sugli altri. Inoltre, dice Rose: le variabili interagiscono: "sia la consistenza che la porosità, ad esempio, influenzano il modo in cui un colorante assume i capelli, e il colore dei capelli si combinerà con la trama e la forma del taglio per influenzare l'aspetto finale di i capelli, il modo in cui la luce gioca, la lucentezza e il movimento. "
Essenziale come questo tipo di know-how pratico, c'è qualcosa in più per una buona acconciatura. Lynn vuole che il taglio sia "rinfrescato". Vuole apparire "sfacciata". Vanessa ha bisogno di capire cosa significa. E questo risulta richiedere una grande dose di saggezza pratica. Prendi il problema di capire chi decide il taglio e lo stile.
"Quando esci dalla scuola di bellezza", spiegò uno stilista a Rose, "ti senti un fanatico, guardi tutti con una specie di visione da vampiro e pensa a cosa vuoi fare a loro. Ma alla fine impari che non è [il tuo dovere] farli come pensi che dovrebbero essere. "L'alternativa ovvia è semplicemente dare al cliente ciò che vuole. Vanessa poteva mettere le sue considerevoli capacità tecniche e il suo know-how al servizio dei desideri del cliente. Poteva rispettare l'autonomia del cliente come l'etica medica dice ai medici di fare, agendo come "forbici a pagamento" del suo cliente. Se gli studiosi di etica accademica rivolgono la loro attenzione all'acconciatura, inizieranno a parlare dell'importanza dell'autonomia del cliente, della libertà di scelta. Chissà: potresti persino dover firmare un modulo di consenso prima che i tuoi capelli vengano tagliati, permessi o tinti. Ma dare al tuo cliente tale libertà è problematico.

"Non dare per scontato che tu sappia quello che vogliono, perché potrebbero anche non sapere quello che vogliono", ha spiegato uno stilista. Lynn vuole che il suo taglio sia "rinfrescato"; vuole sembrare "impertinente". Ma cosa significa questo per Lynn? Le parole e le istruzioni del cliente sono utili ma solo fino a un certo punto. I clienti possono dire: "Voglio un centimetro e mostrarti due pollici con le dita". Vanessa deve interpretare cosa significa tutto questo, e nello stesso tempo che sta interpretando, è anche consulente e consulente, aiuta Lynn a capire cosa vuole – o forse addirittura a riconsiderare ciò che vuole.

Potresti pensare che le immagini sarebbero la soluzione: "Ecco, guarda questo. Questo è quello che voglio. "Come può uno stilista sbagliare a soddisfare i desideri del cliente se fornisce al cliente esattamente ciò che è nella foto? Ma se fai accoppiare i capelli di un cliente con quelli del modello nella foto, è probabile che tu possa deludere il cliente, perché le caratteristiche e i capelli del cliente sono diversi da quelli del modello.

Ciò che il cliente sta realmente dicendo con l'immagine è che voglio "la sensazione" che vedo nella foto. Il bravo stilista ha bisogno non solo del know-how tecnico per tradurre questa sensazione in un taglio. Ha anche bisogno della saggezza pratica per aiutare il cliente a capire che cosa è questa sensazione. Ciò significa conoscere il cliente, non solo conoscere la tecnica. La conversazione in corso, dice Rose, favorisce una comprensione della vita del cliente, che contribuisce alla capacità dello stilista di interpretare e attuare la richiesta del cliente. Come dice uno stilista: "discernere ciò che il cliente mi chiede veramente di fare".

Quando Rose ha parlato con alcuni clienti dei loro stilisti, li ha elogiati perché lo stilista era un buon ascoltatore, "rispetta ciò che voglio", "lo taglia nel modo in cui mi piace", "vede cosa intendo". Una parola comunemente usata è "capire" – lo stilista "capisce i miei capelli".

Il buon stilista, quindi, ha bisogno della saggezza pratica per fare questo atto di bilanciamento continuo tra la propria estetica e le esigenze del cliente. Shandra, il proprietario di un salone di Los Angeles che si rivolge principalmente a una clientela afroamericana, riflette su questo atto di bilanciamento. "Hai due esseri umani, uno cerca di rendere un servizio, l'altro cerca di farti sapere cosa [vogliono]. Voi due state su fogli di musica separati per un minuto, e come li state riunendo. "

C'è qualcos'altro che gli hair stylist possono insegnarci sulla saggezza pratica: ci sono pressioni in ambienti aziendali che possono minarlo. Gli hairstylist si guadagnano da vivere offrendo un servizio e c'è il rischio che il servizio e l'azienda possano entrare in conflitto in modi che portano fuori la saggezza dalla pratica. "Ci sono un sacco di stilisti là fuori", dice Rose, "il cui lavoro è dominato dal motivo economico e dall'ideologia della bellezza mainstream, felice di spingere prodotti e servizi costosi." Se il salone sollecita uno stilista a sacrificare la qualità per la quantità, a vendere come molti servizi o per ottenere il massimo profitto sui prodotti per capelli, la pressione può spostare l'equilibrio dal servizio alla manipolazione.

Ma Rose dice di essere rimasto colpito dai momenti in cui gli stilisti, contrariamente al loro interesse personale, cercavano di parlare ai clienti di qualcosa che non era necessario, o malsano o poco attraente. Si rifiuterebbero di agitare, rilassare o colorare i capelli che hanno determinato di essere già stati trattati eccessivamente. Raccomanderebbero tagli basati sul loro giudizio estetico piuttosto che sulla quantità in dollari del servizio. Oppure raccomanderebbero un taglio particolare perché richiedeva meno manutenzione o sarebbe durato più a lungo. Essi contesterebbero gli ideali di bellezza tradizionali, educare i clienti sui buoni prodotti e non solo cercare di vendere quelli più redditizi.

Gli avvocati potrebbero imparare molto dai bravi hairstylist -come come consigliare i clienti e aiutarli a capire i loro migliori interessi invece di essere semplici arnesi o zelanti sostenitori. Anche i medici potrebbero imparare molto: come bilanciare il paternalismo dell'esperto che spesso conosce meglio nel rispetto dell'autonomia del paziente scegliere da sé. E non solo avvocati e dottori. Tutti noi.

Solutions Collecting From Web of "Cosa possono insegnarci i parrucchieri sulla saggezza pratica"