Cosa possono dire e fare le ragazze per resistere al bullismo

Proprio quando ti aspetti che tua figlia scenda dal bus concentrandosi sui test del vocabolario e sulla lunga divisione, si scopre che ciò che domina veramente la sua mente dopo un'intera giornata di lezioni non è un accademico rigoroso, ma relazioni tra pari piuttosto rancorose. Nei primi anni di giochi e viaggi in parchi, hai avuto l'opportunità di osservare, monitorare e allenare tua figlia attraverso le delicate acque dell'interazione umana. Tuttavia, quando iniziano gli anni scolastici, la maggior parte delle ore di veglia è trascorsa oltre il tuo occhio vigile.

Cosa succede quando le innocue ghette per la condivisione di giocattoli vengono sostituite da crudeli voci informatiche su come piacciono i ragazzi? Farà sapere a tua figlia cosa fare quando spintoni di dimensioni ridotte si evolveranno in spasmi di dolore? Quando la semplicità di formare un'amicizia semplicemente salendo la stessa palestra della giungla è sostituita dalla complessità delle scale sociali di scala della scuola media, come puoi insegnare a tua figlia le abilità di cui ha bisogno per rimanere forte di fronte al dramma dell'amicizia e al bullismo?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il bullismo si verifica quando una persona o un gruppo cerca ripetutamente di danneggiare qualcuno che è più debole. I giovani che fanno il prepotente vittimizzano i loro coetanei per acquisire un senso di potere e controllo, scegliendo con cura gli obiettivi che sono improbabili (o incapaci) di reagire. Il comportamento sprezzante si manifesta in forme evidenti, come colpire, chiamare il nome e prendere in giro e attraverso l'aggressione relazionale, uno stile virulento di prepotenza tra le ragazze, in cui le relazioni vengono manipolate per risolvere rancori e l'amicizia è usata come arma. Questo più segreto stile di diffusione e di esclusione sociale è alimentato dalla disponibilità 24 ore su 24 di siti di social network popolari, come Instagram e Twitter. Anche quando suonano le ultime campane della scuola, le ragazze con smartphone e l'accesso a internet si occupano dell'aggressione relazionale 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Come puoi preparare tua figlia ad affrontare efficacemente il bullismo in tutte le sue forme, in qualsiasi momento della sua giornata? Quelle che seguono sono quattro semplici ma potenti strategie che puoi insegnare a tua figlia a mantenere il suo potere personale, anche in una difficile relazione tra pari:

Step 1: non farlo da solo!

Se la strategia di un bullo è quella di far sentire una vittima sola e impotente, la migliore contro-strategia per la vittima è di recuperare potere terminando l'isolamento. Incoraggia tua figlia a dire ad un adulto quando è vittima di bullismo e ad arruolare il sostegno di quell'adulto.

A volte i bambini si sentono come gli adulti non fanno mai niente, quindi perché preoccuparsi di dirglielo? Mentre ci sono casi in cui gli adulti non riescono a riconoscere la gravità di una situazione, è più spesso il caso che gli adulti non sono consapevoli di ciò che sta accadendo. I bambini che fanno il prepotente usano l'aggressione relazionale per infliggere la loro violenza in modi sottili e socialmente accettabili che tendono a non registrarsi sul radar di un adulto. Assicurati che tua figlia sappia che è il suo lavoro creare consapevolezza. Sii chiaro nell'insegnarla che dire ad un adulto del bullismo non è un segno di codardia, ma piuttosto una mossa audace e potente.

Se tua figlia teme che il bullismo peggiorerà se lei "spara", aiutala a capire che questo è esattamente ciò che il bullo vuole che lei pensi! L'isolamento è il metodo di intimidazione di un bullo. Infatti, è solo raccontando ad un adulto che tua figlia può iniziare a riequilibrare la dinamica del potere. Quando un bullo si rende conto che non sarà in grado di tenere isolata una vittima – che la vittima è davvero abbastanza forte da raggiungere e connettersi con gli altri – il bullo inizia a perdere il potere.

Passaggio 2: non aspettare!

Più un bullo ha potere su una vittima, più forte diventa la presa. Spesso, il bullismo inizia in una forma relativamente mite che chiama, prende in giro o un'aggressione fisica minore. Dopo che il bullo ha testato le acque e ha confermato che una vittima non ha intenzione di contrattaccare, l'aggressione peggiora. La chiamata del nome diventa umiliazione pubblica. Prendere in giro diventa un ostracismo di gruppo. Spingere e spingere si intensifica in pugni e assalti.

Insegna a tua figlia che quando lascia che il comportamento prepotente continui senza controllo, lascia che il suo potere scivoli via costantemente. Agire contro il bullo e prenderlo prima piuttosto che dopo è il modo migliore per ottenere e mantenere il potere.

Step 3: non battere in giro!

Più un bullo pensa di poter scegliere una vittima senza una risposta diretta, più lo farà. Ecco perché una risposta assertiva è così efficace nel contrastare il bullismo. L'assertività è la via di mezzo essenziale tra ritorni aggressivi che fanno da battistrada per il prossimo giro e risposte passive che rivelano un desiderio di approvazione. Nell'esempio seguente, considera quale risposta sarebbe più efficace nel neutralizzare il potere del bullo:

Abby: dove hai preso il tuo vestito, la rastrelliera?

Risposta 1: Sì, mia mamma me l'ha fatto indossare. Adoro quello che hai, però, Abby. Hai sempre un aspetto fantastico.

Risposta 2: l'ho tirato fuori dal tuo armadio, cagna.

Risposta 3: Buttalo fuori, Abby.

La prima risposta alimenta il prepotente proprio quello che vuole: potere! Facendo i complimenti ad Abby dopo un simile scontento, l'obiettivo si consegna, dicendo: "Rifiutami di nuovo, feriscimi ancora un po '. Qualunque cosa tu dica è OK, perché sono così disperato che mi piaccia. "

La seconda risposta sfida Abby ad aumentare la sua aggressività. Ritorte rapaci e umilianti invitano i bulli a far proseguire il conflitto e aumentano il caldo per il prossimo round.

La terza risposta è assertiva, lasciando che Abby sappia che la vittima non intende essere vittima. Non cerca perdono, ma non pone nemmeno una sfida. È semplice e senza emozioni.

Perché dovresti insegnare a tua figlia a usare risposte "non emozionali?" Le indicazioni che una persona può essere emotivamente influenzata segnalano a un bullo che sarà in grado di esercitare il potere facilmente. Incoraggiando tua figlia a rispondere senza rabbia o paura, le insegni a mostrare la fiducia. Il bullo, a sua volta, rileva meno potenziale per esercitare il controllo su di lei.

Passaggio 4: non mescolare i segnali!

Quando istruisci tua figlia nelle capacità di comunicazione assertiva, è utile esercitarsi a usare il linguaggio del corpo per rafforzare le parole. Usa il gioco di ruolo per insegnare queste semplici strategie non verbali che indicano a un bullo che tua figlia intende ciò che dice:

· Mantenere il contatto visivo

· Mantieni la tua voce calma e uniforme

· Stare ad una distanza appropriata dal bullo

· Usa il nome del bullo quando le parla

Insegna a tua figlia che i non-verbali emotivi, come distogliere lo sguardo, alzare la voce o ritrarsi sono tutti omaggi morti che il bullo le ha procurato.

Quando i genitori insegnano alle figlie le capacità di comunicazione assertiva per tutta la vita e assicurano che le richieste tempestive di sostegno da parte degli adulti sono un segno di forza, fortificano le loro figlie con quel tipo di potere personale che nessun prepotente vuole fare il prepotente.

Signe Whitson, LSW è un consulente scolastico, educatore nazionale sulla Prevenzione del bullismo e autore di 8 chiavi per porre fine al bullismo: strategie per genitori e scuole e amicizie e altre armi: attività di gruppo per aiutare le bambine 5-11 anni ad affrontare il bullismo. Per ulteriori informazioni su questo argomento o per programmare un workshop, visitare www.signewhitson.com

Solutions Collecting From Web of "Cosa possono dire e fare le ragazze per resistere al bullismo"