Cosa posso imparare dai miei studenti

Lo scorso maggio, quando avevo appena terminato un semestre di insegnamento, sono stato colpito da un pezzo di opinione nel New York Times di Mark Bauerlein, professore di inglese presso l'Emory University.

L'unica statistica che spicca per me è stata questa: secondo Bauerlein, un sondaggio nazionale ha rilevato che il 43% – quasi la metà di tutti gli studenti guadagna voti all'interno del range A rispetto al 15% nel 1960 quando ottenere un A significava essere eccezionale, come in realtà spiccano tra i tuoi coetanei.

Ero così affascinato dai suoi commenti sull'insegnamento – ha scritto sull'importanza degli incontri individuali con gli studenti per approfondire i loro compiti di scrittura e la necessità di fornire critiche costruttive – che ho comprato il suo ultimo libro, The State of the American Mente È una raccolta di saggi curata da Bauerlein e Adam Bellow, un editore esecutivo di HarperCollins.

Ho letto il libro (e ho persino chiamato Bauerlein per parlarne) ed ero pronto ad unirmi al coro di contributori che si lamentavano del cervello superficiale degli adolescenti in questi giorni. Sto parlando dei bambini che stanno assorbendo i fatti a bizzeffe sui loro telefoni intelligenti ma non pensano profondamente a nulla. Ero così eccitato, ho scritto un blog veloce.

E mentre stavo rileggendo, mi sono reso conto che se qualcuno dei miei vicini l'avesse letto, avrebbe detto questo: "Non sei tu quello che porta a spasso il suo cane, parla al telefono, invia email o invia messaggi o fa qualcosa con la tua testa? sepolto nel tuo smartphone tutto il tempo? "

È stato allora che mi sono reso conto che potevo incolpare i miei figli e i miei studenti e che avrei potuto imparare una cosa o due dai saggi di questo libro. La mia attenzione è precipitata?

Lo stato della mente americana contiene tutti i tipi di dati sui risultati del test IQ e sui punteggi SAT e sull'abuso di attenzione alla concentrazione. Uno dei saggi più avvincenti – e forse il capitolo più incoraggiante – fu scritto da Maggie Jackson, giornalista e autrice di Distracted: The Erosion of Attention e the Coming Dark Age . Jackson si lamenta del ritmo incalzante dell'età di iPhone in cui viviamo. Si preoccupa di persone come me.

Ma c'è un movimento per invertire la tendenza. Menziona il dottor Irvwin Braverman, un dermatologo di Yale, che ha iniziato un programma per portare i suoi residenti in una galleria d'arte per imparare a rallentare e guardare: due abilità cruciali per essere un diagnostico efficace. (Conoscevo il dottor Braverman dai miei giorni da studente di medicina e l'ho visto di recente mentre stava allestendo la mostra autunnale "illustrazioni storiche di malattie della pelle" nella biblioteca della scuola medica.Se ti trovi nelle vicinanze, controllerei fuori.)

Prendendo la guida del Dr. Braverman, ho organizzato un corso simile per i miei studenti universitari, la maggior parte dei quali vuole diventare dottori. Per una sessione del nostro seminario di scrittura medica, abbiamo visitato un museo nel campus e, guidati da alcuni dei docenti, abbiamo trascorso più di 7 minuti a fissare un dipinto. Poi abbiamo parlato di ciò che abbiamo visto.

Ho fatto la lezione due volte ed entrambe le volte ho avuto la stessa risposta. Alcuni studenti mi hanno ammesso che prima della lezione pensavano che sarebbe stata un'escursione divertente ma uno spreco di tempo in classe. Successivamente, mi hanno detto quanto apprezzassero davvero il processo e quanto avessero imparato. Si sentivano come se attingessero a una passione interiore, una contemplazione più profonda che, con tutta la roba che succedeva a scuola, raramente avevano il tempo di fare. Alcuni hanno detto che vogliono fare uno sforzo per continuare a tornare nei musei del campus, anche per 15 minuti qua o là. Alcuni sono rimasti scioccati da quanto hanno imparato osservando.

Jackson ha scritto che un altro professore che conduce lo stesso tipo di classe di galleria d'arte ha spiegato che la lentezza è la chiave per la conoscenza, per capire cosa c'è intorno a te. Lo so per me, è un promemoria che ho bisogno di prendermi il tempo per osservare, per contemplare, per andare sotto la superficie e oltre i 140 caratteri. I tweet popolari sono divertenti per chiacchiere, ma non soddisfano la nostra sete innata per una comprensione più profonda del mondo in cui viviamo.

Jackson conclude il suo saggio dicendo che i suoi sforzi per fissare un dipinto "non hanno rivelato tutte le verità sul dipinto", ma lei ha detto (e non potrei essere più d'accordo), "Nel guardare, avevo iniziato a vedere".

Solutions Collecting From Web of "Cosa posso imparare dai miei studenti"