Cosa possiamo imparare dal fuorilegge del genere musicale Mina Caputo

In questo mese (8 agosto), l'Alcatraz Hard Rock and Metal Festival in Belgio, Mina Caputo sarà la prima donna transgender a occuparsi di un importante gruppo heavy metal. Mina si unisce ad altre star come Laverne Cox ( Orange is the New Black ) e Laura Jane Grace (la band Against Me!) Nel contribuire al 2014 salutato da Time Magazine come un "anno di svolta" per la consapevolezza e i diritti dei transgender. Pur essendo una delle persone transgender più famose della musica è rivoluzionaria, forse ancor di più sono le intuizioni di Mina sul genere.

Molte persone hanno una visione binaria del genere: una persona è maschio o femmina. Spesso applichiamo la stessa visione binaria alle persone transgender pensando che siano nati in un sesso ma che si identificano come l'altro sesso. E ipotizziamo che la "biologia" e la "psicologia" delle persone alla fine si allineeranno; le persone transgender alla fine saranno tutte maschili o di sesso femminile a seguito di un intervento chirurgico e di un trattamento per il cambio di sesso. Ma nel nuovo album solista eclettico e coinvolgente di Mina, As Much Truth as One Can Bear , "Identity" si apre con "Guardami, tutto di me … / Io non sono un uomo / Non sono una donna." Questa affermazione afferma che non esiste il genere. Mina dice "Questo è ciò che trans significa … significa trasformare, andare oltre, uscire dai codici binari".

Questa è una dichiarazione molto audace considerando quanto della nostra cultura sia basata sulla dicotomia di genere, cioè gli uomini sono uomini e le donne sono donne. Oltre ad essere etichettato ragazzo o ragazza fin dalla nascita, tutto è etichettato in termini "ragazzo" o "ragazza" – vestiti, bagni e persino colori. Mina dice: "Penso che queste persone stiano disperatamente cercando di convincere il pubblico di massa che è così, è così che dovresti vivere." Ma ci sono molti che non rientrano perfettamente in una categoria. Circa l'uno per cento della popolazione è transgender e, per loro, il messaggio della società è che non si adattano e che c'è qualcosa di sbagliato in loro.

La professione di salute mentale ha storicamente adottato questo approccio binario parziale e ha persino creato una diagnosi nel 1980, "Disturbo dell'identità di genere", dichiarando al mondo che essere transgender è un disturbo mentale. Solo di recente il settore ha riconosciuto questo errore, sostituendo il "disturbo dell'identità di genere" con "disforia di genere". Ciò significa che essere transgender non è un disturbo, ma lo è l'angoscia dell'identità di genere. Si tratta di un miglioramento sostanziale, in quanto l'adozione di questo termine conferma la gravità del disagio spesso vissuto da persone che lottano con l'identità di genere e fornisce l'accesso alle cure, ma non contrassegna più automaticamente le persone transgender come malate di mente.

Il campo della salute mentale non è certo l'unico posto in cui le persone transgender sono stigmatizzate. I risultati della National Transgender Discrimination Survey del 2011 di 6.450 persone transgender e di genere non conformi segnalano tassi allarmanti di molestie, aggressioni fisiche e violenze sessuali contro le persone transgender. Coloro che hanno espresso un'identità transgender o una non conformità di genere mentre nei gradi K-12 hanno riportato alti tassi di molestie (78%), aggressione fisica (35%) e violenza sessuale (12%). Sorprendentemente, il 31% degli intervistati ha dichiarato che le molestie sono state commesse da insegnanti o personale scolastico. Le terribili conseguenze di questo abuso sono evidenziate dal fatto che il 51% degli intervistati che sono stati molestati, aggrediti o espulsi a causa della loro identità di genere hanno riferito di tentare il suicidio. Questo trattamento non è finito a scuola; Il 90 percento degli intervistati ha riferito di molestie, maltrattamenti o discriminazioni sul lavoro, e le persone transgender hanno il doppio della disoccupazione delle persone non transgender.

L'esperienza di pregiudizio di Mina trattava di un licenziamento delle sue aspirazioni. "Non ero supportato dalla mia musica perché dovevo essere un idraulico o un elettricista. Devi scendere sotto le macchine, devi sporcarti le mani, non essere una figa ". Al contrario, la comunità musicale l'ha abbracciata. Questo l'ha incoraggiata a continuare il suo impegno a connettersi con i suoi colleghi e fan. Dice "Mi piace l'intera faccenda del calcio di base in cui ho a che fare direttamente con i miei fan." Anche la comunità heavy metal, che Mina riferisce di averle dato un sacco di dolore quando è uscita, ha iniziato ad abbracciarla ed è entusiasta anticipando il primo spettacolo di Life Of Agony dal suo coming out come transgender. Come sostiene Alan Robert, bassista in Life of Agony, "Non importa se sei bianco, nero, blu, verde, gay, etero, trans o altro. I nostri fan sanno che provengono da un luogo reale e ci sono stati accanto. "

E col passare del tempo, il punto di vista di Mina non viene solo raggiunto con tolleranza ma anche accettazione. Altri sfidano pubblicamente anche nozioni binarie sull'identità di genere. Ad esempio, gli autori Ivan E. Coyote ("Gender Failure") e Shani Mootoo ("Moving Forward later Sideways Like a Crab") descrivono similmente l'identità di genere meno come binari e più su uno spettro, rilevando gli effetti dannosi di un binario rigido sistema. Annie Clark, il cui nome d'arte è St. Vincent, ha anche recentemente sostenuto il concetto di "fluidità di genere." E sfidando le nozioni convenzionali sull'identità di genere, Mina e altri continuano una lunga tradizione non solo di persone come Kate Bornstein che ha coniato il termine "fuorilegge di genere" per connotare le persone transgender non confinate dalle tradizionali etichette di genere, ma anche di coloro che hanno precedentemente sfidato modelli tradizionali di sessualità e ruoli di genere.

Mina dice: "Sono ancora parte noncurante di me stesso e ricicla parti di me stesso a causa di quelle esperienze da bambino. Penso che la mia più grande gioia sia quando sono in meditazione trascendentale perché sono libero. Sono persino libero dal corpo femminile in cui mi sono trasformato. Non sto necessariamente passando da un genere all'altro – per me sono entrambi, non sono né l'uno né l'altro, sono qualcos'altro … Sto cambiando per sempre, così come tutti gli altri. Non voglio essere messo in una scatola, nemmeno nella mia comunità ".

Così come Mina Caputo esce sul palco di Alcatraz, festeggiamo e impariamo da lei e rendiamo più sicuro per altri fuorilegge di genere trasformare e andare oltre.

Il dott. Mike Friedman è uno psicologo clinico a Manhattan e membro del comitato consultivo medico di EHE International. Segui Dr. Friedman su Twitter @DrMikeFriedman e EHE @ EHEINT

Solutions Collecting From Web of "Cosa possiamo imparare dal fuorilegge del genere musicale Mina Caputo"