Cosa pensano realmente le persone dei cani sul posto di lavoro?

Kevin Hall photo - Creative Commons license
Fonte: foto di Kevin Hall – Licenza Creative Commons

Ero seduto in un cubicolo dall'altra parte della scrivania da un agente assicurativo che stava rinnovando la mia assicurazione automobilistica quando un vecchio Goldman Retriever si alzò dalla sua coperta nell'angolo e si avvicinò per strofinarmi la mano.

"Il suo nome è Sunshine, e le piace fare amicizia", ​​disse l'agente.

Ho disorientato la testa del cane e poi ho detto: "Sei davvero fortunato ad essere in grado di portare il tuo cane a lavorare con te."

L'agente ha risposto, "Sunshine è venuto in ufficio con me per circa sei anni. Questa è una piccola filiale, e il precedente manager ha detto che andava bene con lui se avessimo portato i nostri cani a lavorare finché si fossero comportati bene, in silenzio e in modo non invadente.

"Avere lei con me è stato un grande sollievo dallo stress. In questo business a volte le cose possono diventare piuttosto tese, in particolare quando si tratta di richieste di risarcimento assicurativo e persone arrabbiate. Petting Sunshine mi fa sempre sentire un po 'meglio, e portarla fuori per una breve passeggiata durante le pause, o il pranzo, può davvero ridurre la mia sensazione di essere sotto pressione ".

Ha quindi emesso un sospiro notevole e ha aggiunto: "Purtroppo il nostro vecchio manager è stato promosso e trasferito alla sede principale di Toronto. Il suo sostituto è molto più scettico riguardo al fatto di avere animali domestici sul posto di lavoro, e afferma che non ci sono prove che forniscano alcun beneficio a nessuno di noi che lavora qui. Inoltre, ritiene che ci possano essere alcuni aspetti negativi in ​​termini di percezione del cliente da parte dell'azienda o di collocamento della società in una situazione in cui potrebbero essere potenzialmente responsabili se qualcosa va storto tra un cane e un cliente. Dovremmo incontrarci per un appuntamento della settimana prossima e temo che metterà al bando i nostri cani in ufficio, a meno che non possiamo fornirgli qualche prova che fanno del bene essendo qui ".

Gli ho assicurato che c'erano effettivamente alcuni dati scientifici che potrebbero aiutare a sostenere il suo caso, e quando sono tornato nel mio ufficio ho scovato il primo articolo che ricordavo di aver incontrato su questo argomento. Era uno studio condotto da Meredith Wells e Rose Perrine del Dipartimento di Psicologia della Eastern Kentucky University. E 'stato pubblicato sul Journal of Occupational Health Psychology * e lo studio ha coinvolto 193 dipendenti di 31 aziende che hanno permesso animali domestici sul posto di lavoro. Ogni partecipante ha compilato un questionario anonimo che esaminava le possibili funzioni e gli effetti psicologici e organizzativi degli animali domestici sul posto di lavoro.

Come spesso accade negli studi di questionari scientifici, le analisi statistiche erano piuttosto dense, ma i risultati emersi erano molto chiari. Proprio come i commenti dell'agente assicurativo con cui ho parlato, i risultati hanno indicato che la funzione più importante che gli animali domestici dovevano servire era quella di ridurre lo stress da parte dei dipendenti. La seconda funzione che gli animali domestici soddisfacevano era quella di facilitare le interazioni sociali sia tra i dipendenti che tra dipendenti e clienti. Inoltre, c'era la sensazione che avere animali domestici presenti sul posto di lavoro servisse in fin dei conti come una sorta di simbolo, aiutando a identificare l'azienda come calda, socievole e accogliente. L'effetto maggiore riguardava i dipendenti che stavano effettivamente portando i loro animali domestici a lavorare con loro, anche se gli effetti positivi erano stati riscontrati anche su quei dipendenti che non lo facevano.

Oltre al questionario strutturato, diverse domande aperte hanno permesso ai partecipanti di speculare sulla loro percezione dei benefici e degli svantaggi di avere animali domestici sul posto di lavoro. I benefici più comunemente citati per i dipendenti erano (a partire dal più frequentemente citato) che: (1) gli animali domestici alleviavano lo stress; (2) gli animali domestici hanno reso l'ambiente più amichevole; (3) forniscono un piacevole diversivo dal lavoro; e (4) forniscono compagnia. Alla domanda sugli svantaggi di avere gli animali domestici la risposta più comune è stata che non ce n'erano, molto più in basso nella frequenza erano menzioni di problemi fastidiosi, come l'abbaiare, problemi di pulizia (ad esempio pelo di cane o capelli), e la menzione occasionale di distrazione.

Quando è stato chiesto agli effetti benefici sui clienti, il consenso era che gli animali domestici fossero buoni per gli affari e creavano un'impressione positiva dell'azienda. Alla domanda sugli svantaggi per i clienti, la risposta più comune è stata che non ce ne sono stati, e molto meno frequentemente è stata la possibilità di potenziali paure o antipatie dell'animale domestico o allergie.

I ricercatori riassumono le loro scoperte dicendo: "I partecipanti hanno riferito che gli animali domestici rendono l'ambiente di lavoro più confortevole, forniscono un piacevole diversivo dal lavoro e forniscono compagnia. I partecipanti hanno anche riferito benefici ai clienti affermando che gli animali domestici intrattengono e rilassano i clienti. "

Ho allegato una copia del rapporto di ricerca ad una e-mail che ho spedito all'assicuratore in modo che potesse portarla alla riunione. Inoltre, gli ho detto che speravo che l'anno prossimo, quando sarò in ufficio per rinnovare la mia politica, spero di avere l'opportunità di salutare di nuovo il suo amichevole Golden Retriever.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Wisdom of Dogs; Do Dogs Dream? Nato per Bark; The Modern Dog; Perché i cani hanno i nasi bagnati? The Pawprints of History; Come pensano i cani; How To Speak Dog; Perché amiamo i cani che facciamo; Cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani; Perché il mio cane agisce in questo modo? Capire i cani per i manichini; Ladri del sonno; La sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione

Dati da: Meredith Wells e Rose Perrine (2001). Creatori nella fattoria cubica: effetti psicologici e organizzativi percepiti degli animali domestici sul posto di lavoro. Journal of Occupational Health Psychology, 6 (1), 81-87

Solutions Collecting From Web of "Cosa pensano realmente le persone dei cani sul posto di lavoro?"