Cosa è normale? Cosa non lo è?

Il più vivace dibattito in psichiatria oggi è dove tracciare il confine tra disturbo mentale e salute mentale.

Così tante corse sulla decisione – chi viene trattato e come; chi paga per questo; se un criminale è considerato pazzo o cattivo; se qualcuno subisce un danno in casi di tortura; che si qualifica per i pagamenti di invalidità e l'ammissibilità per servizi scolastici extra; se qualcuno può adottare un bambino – e c'è molto di più.

Ma ecco il grosso problema. Nessuna linea luminosa segna il confine tra malattia e salute. All'estremo è facile diagnosticare con precisione la malattia mentale e distinguerla dalla normalità. Al confine sfocato, è impossibile.

Questo è vero ora e rimarrà vero in un lontano futuro – finché non avremo finalmente dei test biologici in psichiatria. Tra qualche anno, ci saranno test di laboratorio per l'Alzheimer, ma la pipeline per gli altri disordini è secca.

Il problema con la definizione precisa della norma è stato riconosciuto quasi dall'inizio della psichiatria come professione separata nel diciannovesimo secolo. Peter Kinderman, lo psicologo britannico che è diventato uno dei leader in opposizione al DSM-5, ha portato alla luce due citazioni meravigliose risalenti a 150 anni fa che affermano la questione molto più eloquentemente di qualunque altra cosa sia stata scritta da allora.

Il primo proviene da un editoriale del London Times di sabato 22 luglio 1854.

"Nulla può essere definito più leggermente della linea di demarcazione tra sanità mentale e follia. Medici e avvocati si sono irritati con tentativi di definizioni in un caso in cui la definizione è impossibile. Non c'è mai stato dato al mondo qualcosa sotto forma di una formula su questo argomento che non possa essere ridotto a brandelli in cinque minuti da un normale logico. Rendi la definizione troppo stretta, diventa priva di significato; rendilo troppo ampio, tutta la razza umana è coinvolta nella rete. Nella severità, siamo tutti pazzi tutte le volte che cediamo alla passione, al pregiudizio, al vizio della vanità; ma se tutte le persone appassionate, prevenute, viziose e vane di questo mondo devono essere rinchiuse come pazzi, chi deve tenere le chiavi del manicomio? "

La seconda citazione ugualmente interessante è del romanzo "Billy Budd" del 1888 di Herman Melville:

"Chi nell'arcobaleno può tracciare la linea dove finisce la tinta viola e inizia la tinta arancione? Distintamente vediamo la differenza dei colori, ma dove esattamente l'uno entra per la prima volta nell'altro? Quindi con sanità mentale e follia. Nei casi pronunciati non ci sono domande su di loro. Ma in alcuni casi presunti, in vari gradi presumibilmente meno pronunciati, per tracciare la linea esatta di demarcazione, pochi si impegneranno per un compenso che faranno alcuni esperti professionisti. Non c'è nulla di identificabile, ma alcuni uomini si impegneranno a farlo per pagare ".

La scrittura vittoriana ha una sottigliezza e una grazia di espressione che si trovano raramente nei nostri modi di parlare moderni più utilitaristici. Ma il puzzle di definire il confine tra normale e malattia è altrettanto problematico oggi come lo era allora.

Le decisioni su dove tracciare la linea devono necessariamente riposare non su una definizione astratta che separa chiaramente le due, ma piuttosto sulle conseguenze pratiche. Includere un nuovo disturbo nel DSM o modificare la soglia per uno esistente può causare più danni o più benefici?

Questo è uno standard di ottone, ma dovrò farlo in assenza di uno d'oro. Chiaramente, attualmente abbiamo uno squilibrio. Definizioni sciolte e un'applicazione ancora più flessibile di queste sotto la pressione del marketing Pharma, hanno ampliato la psichiatria oltre le sue competenze e hanno reso normale una specie in via di estinzione.

È tempo di correggere un ragionevole equilibrio di Riccioli d'Oro. Per arrivarci, abbiamo bisogno di un sistema diagnostico più stretto e la fine del marketing Pharma.

Chiudiamo con un'ultima grande citazione, questa volta da Isaac Newton: "Posso calcolare i moti dei cieli, ma non la pazzia degli uomini." Non possiamo fare un lavoro molto preciso neanche di questo, ma possiamo certamente fare molto meglio di adesso.

Solutions Collecting From Web of "Cosa è normale? Cosa non lo è?"