Cosa ne pensi? È la vostra scelta.

Recentemente, ho avuto l'opportunità di sedere in una classe di studenti di terza media durante un incontro con il commissario per l'educazione dello stato. Era il solito "soggiorno a scuola, fai del tuo meglio" una sorta di conversazione fino a quando il commissario ha sollevato l'attuazione di alcune politiche. Ha chiesto in particolare di testare e come i bambini pensavano che i risultati dei test dovessero essere usati – per prendere decisioni sul collocamento scolastico, ecc.?

Una ragazza ha alzato la mano e ha detto: "Non penso sia corretto usare i risultati dei test in questo modo. Mi innervosisco e faccio sempre male nei test ".

Mi aspettavo che il commissario si lanciasse in una discussione sul valore dei test; invece, la sua espressione si fece seria mentre lei disse allo studente quanto fosse importante che smettesse di dire a se stessa che era cattiva nell'assumere dei test.

Adesso ha avuto la mia attenzione!

Se sei un lettore abituale di questo blog, ormai sai benissimo che sono un grande sostenitore del fatto che ciò che raccontiamo di noi stessi ha un profondo impatto su chi e cosa alla fine diventeremo. Se pensi di essere la "ragazza grassa" a cui nessuno è interessato, le probabilità sono buone non alzerai mai la mano per unirti alla discussione di classe. Se sei il ragazzo che è costantemente preoccupato se gli altri ragazzi pensano che tu sia abbastanza bravo, probabilmente non sei concentrato sul compito da svolgere. Quello che i bambini si raccontano – tutti i modi in cui si preoccupano di non essere abbastanza bravi – plasma l'esperienza educativa che hanno quotidianamente.

È stato davvero gratificante e interessante vedere il commissario aiutare i bambini a fare quella connessione. Ha detto allo studente: "Se ti dici che sei cattivo a fare esami, non farai bene. Ti sfido a dirti che sei un grande appassionato di test. "

Ha capito che i bambini si raccontano le cose a un livello profondo. I bambini hanno bisogno degli adulti – modelli di ruolo – che lo riconoscano e insegnino loro il valore di parlare a se stessi e di se stessi in modo positivo. Aiutare i bambini a imparare a sfidare i pensieri negativi – "Sono cattivo nell'assumere i test", "Sono così stupido", "Sono così brutto." – che usano così tanto potere del cervello di una scuola media dovrebbe essere più di una parte di ogni programma di salute. Dovrebbe essere un comportamento modellato dagli adulti che li circondano ogni giorno.

Come genitori, giochiamo un ruolo importante nell'aiutare i nostri bambini a sfidare pensieri negativi. Ogni volta che i miei figli mi vedono affrontare una paura o scegliere di vedermi in un modo diverso, stanno imparando qualcosa di potente: che i pensieri su cui scelgo di focalizzarmi sono proprio questo – la mia scelta.

Proprio come i loro pensieri sono la loro scelta … ora questa è una lezione potente.

Solutions Collecting From Web of "Cosa ne pensi? È la vostra scelta."