Cosa mangiare per prevenire la dissolvenza del cervello?

Era il pomeriggio di una settimana, 8 ore al giorno di corso su ben noti (ma difficili da interpretare) autori europei. L'istruttore, con gli occhi un po 'annebbiati, ha chiesto agli studenti del seminario di commentare il contesto filosofico di una storia appena letta, e il silenzio che l'ha accolta ha motivato una pausa. "Mi sento cerebralmente morto", è stato ascoltato durante l'esodo alla caffetteria per la caffeina e gli snack.

Le prestazioni cognitive sbiadite, definite dall'incapacità di concentrarsi, pensare chiaramente, richiamare informazioni o generare nuove idee possono accadere in qualsiasi momento ma, secondo molte ricerche psicologiche, è più probabile che si verifichino nel pomeriggio come esemplificato dalla mia classe. Due ore prima, i commenti e le analisi stavano arrivando rapidamente e generando discussioni attive. Ora c'era solo silenzio.

La stanchezza che ha superato la lezione è stata in un certo senso come la fatica muscolare che si verifica dopo un duro allenamento aerobico o una maratona. C'era pochissima energia mentale di riserva.

Essendo un'aula, non un'aula di tribunale, né una sala operatoria, né una cabina di pilotaggio di un aereo; il deterioramento della potenza cerebrale non avrebbe influenzato vite o risultati legali. Ma anche in un'aula, l'incapacità del cervello di mantenere una maggiore produttività da prima parte della giornata è stato notato tra gli studenti che hanno sostenuto esami standard per diverse ore. In un recente studio danese, Sievertsen ei suoi colleghi hanno riscontrato un calo misurabile nei punteggi dei test per ogni ora trascorsa nel corso della giornata. I punteggi peggiorarono significativamente nel tardo pomeriggio. (AndC C

Questa non è una nuova lamentela. Molto prima studio che forniva compiti di volontari che misuravano la cognizione, trovava anche un declino nelle prestazioni cognitive e nell'attenzione con l'ora del giorno. Nessuno ha ancora suggerito di volare solo al mattino con un pilota ancora mentalmente fresco, o programmare una procedura chirurgica prima delle 15:00. Ma un amico che ha dovuto rimuovere le sue cataratte ha insistito sulla procedura da eseguire prima di mezzogiorno.

C'è un modo per invertire questa nebbia mentale a metà pomeriggio? Un'aula di studenti era dedicata a cercare una risposta. L'attenzione e il pensiero creativo, o almeno la capacità di capire i significati nascosti nelle storie, sono stati ripristinati dalla maggior parte della classe in circa venti minuti. Gli studenti consumavano bevande contenenti caffeina, snack a base di carboidrati (per lo più cracker a basso contenuto di grassi e alcune metà del bagel rimanenti a pranzo), e la maggior parte aveva fatto una passeggiata fuori, o si sedeva al sole. Curiosamente, nessuno li aveva consigliati su come smettere di far svanire il loro cervello, ma alla fine hanno finito per fare praticamente la stessa cosa e ha funzionato.

La caffeina è stata individuata come probabilmente il più potente restauratore della funzione cognitiva e della concentrazione. Il suo effetto si avverte facilmente dopo molte ore di assunzione di caffeina quando si consuma la prima tazza di caffè al mattino. Ma la caffeina aggiuntiva consumata dopo diverse tazze di caffè o l'equivalente in una soluzione di test può ancora migliorare le prestazioni nei test cognitivi. La caffeina blocca l'azione di una particolare sostanza chimica nel cervello e consente invece alla dopamina e ad altre sostanze chimiche del cervello di vigilanza di diventare più attive. L'effetto è di percepire se stessi diventando più vigili con meno svanire del cervello. Certamente, l'assunzione di caffeina nel pomeriggio comporta anche dei rischi, principalmente questa di insonnia, molte ore dopo.

Quindi, se questo è un problema, devono essere utilizzate altre correzioni del cervello.

Mangiare un carboidrato amidaceo, basso o non grasso funziona per invertire l'affaticamento cerebrale, ma non come stimolante. Piuttosto, il carboidrato sembra mantenere e / o ripristinare l'attenzione. Sono stati condotti studi con i militari per verificare se il consumo di carboidrati mantenesse la vigilanza e l'attenzione su difficili test cognitivi anche dopo che i soldati erano esausti a causa di un prolungato esercizio fisico. I volontari hanno ricevuto carboidrati o placebo in forma liquida dopo ore di marcia forzata, quindi gli scienziati hanno misurato le loro prestazioni cognitive. La situazione del test doveva determinare in che modo i saldatori potevano mantenere un alto livello di lavoro cerebrale anche quando venivano spesi fisicamente. Quelli che ricevevano il placebo hanno fatto il peggio nei test; quelli che consumano il carboidrato hanno fatto molto meglio.

L'effetto positivo del consumo di carboidrati era dovuto al fatto che il cervello riceveva il suo apporto energetico cruciale di glucosio e anche perché i livelli di serotonina aumentavano. Questo neurotrasmettitore, che viene prodotto solo dopo aver assunto carboidrati, era stato dimostrato decenni prima per filtrare la distrazione e migliorare la concentrazione.

Ma alcuni dei miei compagni di classe nel mio corso di letteratura optarono per un trattamento con carboidrati invece di "trattamento" e tornarono da una visita a un distributore automatico con barrette o patatine. Mentre mangiavano carboidrati, il grasso in questi snack rallentava notevolmente la digestione, e forse non avevano avvertito gli effetti positivi dei carboidrati per più di un'ora. Fortunatamente, nessuno era in una dieta priva di carboidrati o estremamente povera di carboidrati. Se lo fossero, non avrebbero modo di combattere la loro stanchezza mentale. Ironia della sorte, il crollo del pomeriggio è stato a lungo visto come una risposta a un pranzo ricco di grassi, indipendentemente dal lavoro del cervello. Ci si chiede come il cervello si riprenda da questo crollo, e un ulteriore lavoro estenuante del cervello se gli viene negato il carboidrato. Mentre è vero che dopo diverse settimane di una dieta totalmente priva di carboidrati il ​​cervello si adatta e utilizza il grasso per l'energia piuttosto che per il glucosio, durante il periodo di adattamento, si verifica un fenomeno noto come nebbia del cervello.

Questo è qualcos'altro da considerare al momento della prenotazione dell'intervento.

Solutions Collecting From Web of "Cosa mangiare per prevenire la dissolvenza del cervello?"