Cosa mancano alle donne intelligenti nella narrativa "femminile"?

Darkness and Light

Molto tempo fa, in un paese del terzo mondo, ho brevemente frequentato un giovane uomo. Riuscimmo a malapena a comunicare, ma ogni volta che sollevavo un braccio con il mio vestito senza maniche diceva: "Manca qualcosa". Mi ci è voluto un po ', ma alla fine ho capito: mi ero rasato.

Stranamente, mi viene in mente quell'episodio quando considero come gran parte della fiction venduta alle donne manchi qualcosa. Per me, sono le qualità oscure. Sì, a volte essere intrattenuti è abbastanza, ma per me, la miglior fiction rispecchia la vita reale e ci fa riflettere. E pensaci bene, non solo immedesimarti e identificarti.

Fortunatamente ho scoperto di recente i romanzi di Binnie Kirshenbaum. Il suo ultimo film è The Scenic Route , in cui una donna divorziata e un uomo sposato intraprendono un viaggio europeo e condividono storie. Il suo primo, On Mermaid Avenue , è una tariffa più leggera, ma con un sottotono di fredda realtà. in Un momento quasi perfetto Kirshenbaum ha danzato abilmente al confine tra risate e intensità.

I romanzi davvero buoni, per quanto oscuri o seri, possono essere edificanti. Quello di Kirshenbaum, infatti, mi ricorda la solitudine esistenziale che tutti condividiamo. Cos'altro si può chiedere a un libro se non permetterci di collegarci brevemente con un altro umano intelligente? E farci ridere mentre leggiamo?

Ho interrogato Kirshenbaum su queste domande.

COME FA VEDERE IL CHICK-LIT

D: Con le recenti tendenze nella narrativa femminile, anche con molte delle cose apparentemente più serie, gli editori mirano a raggiungere il più ampio gruppo di lettori possibile. Questo aspetto dell'editoria è cambiato da quando hai iniziato a scrivere? E che dire di quello che hai chiamato "leggere come auto-aiuto" piuttosto che conoscerti? Ti stringi i denti o hai comunque trovato una sorta di serenità? Dopotutto, sembra che tu sia pubblicato bene e regolarmente, nonostante i tuoi temi non così allegri.

Leggere come auto-aiuto mi disturba molto di più del pulcino; il pulcino è inteso per essere intrattenimento. La lettura leggera per il piacere facile non è né nuova né disturbante (per me).

Leggere la letteratura per l'auto-aiuto, o solo per il riconoscimento / riflesso positivo di sé, o per l'ispirazione, che mi addolora. Sconfigge l'intento della letteratura. Lo sciupa. È disonesto E sembra essere il modo predominante che le persone ora leggono. L'idea di "identificare con il personaggio principale" ha fatto un ottantesimo. Invece di cercare di capire il personaggio o come sarebbe essere lui / lei, il vasto pubblico sembra voler che il personaggio principale sia proprio come il lettore, per avere esperienze, convinzioni e valori condivisi. A tal fine, i personaggi dovrebbero essere simpatici e ammirevoli, un riflesso di sé, ma solo in una buona luce.

Supplico con i miei editori di dimenticare di andare per il vasto pubblico per me. Si ritorce contro. Ma lo fanno lo stesso. Quest'ultima volta, ho trovato l'intero approccio di ricorso popolare a essere terribilmente offensivo per il mio. . . Non so come chiamarlo. . . la mia anima, il mio spirito Mi ha fatto desiderare di essere il tipo di persona che scrive ma non si preoccupa di essere pubblicato. Ma io non sono un essere illuminato come tutto ciò.

Q: Il tuo tipico tema ebraico è quello che mi intriga. Sono totalmente correlato. Mi chiedo se "essere ebreo" significhi lo stesso una volta che gli intransigenti in Israele riescono nel loro attuale obiettivo di permettere a chiunque di rivendicare il vero status di ebreo. Puoi approfondire il tema esterno che ha un carattere semi-ebraico esemplificativo?

Per la cronaca, non credo che gli intransigenti in Israele, o qui, possano rivendicare lo status ebraico da soli. Per come la vedo io, non c'è nulla di ebraico in loro. Credo che le loro credenze e comportamenti siano antitetici alla vita ebraica. E l'ipocrisia. . . .

C'è quella frase: "Sono ebreo perché Hitler ha detto che ero ebreo". C'è qualcosa in questo. Non sono attento e sono stato allevato ancora meno attento. Ma io sono ebreo perché … lo sono. L'intera questione se sia una religione o una razza o una cultura è troppo complicata per me, ma so di sentire un legame con la tribù.

Tuttavia, non mi considero uno scrittore ebreo. La ghettizzazione della letteratura mi causa tanto la disperazione quanto la cosa di auto-aiuto. Mi iscrivo all'universalità dell'arte. Mi considero uno scrittore americano perché scrivo in America (al contrario dell'inglese del re) ma non uno scrittore ebreo, non una scrittrice donna, decisamente non una scrittrice ebrea. Ci sono alcuni costumi e rituali ebraici che mi piacciono perché vedo uno scopo per loro e una specie di antica bellezza.

PROCESSO DI SCRITTURA

Scenic Road bookcover

D:

Hai detto che la voce e il personaggio vengono da te prima della trama o della trama. Elaborato un po '?

Non sono tanto interessato, come scrittore e come lettore, a "cosa succede" come sono in "ciò che accade a queste persone". I personaggi vengono perché sto pensando a loro, o ascoltandoli. La trama (come ho le trame – la mia è piuttosto sottile) viene dal personaggio. Un'altra persona nella stessa situazione farebbe una storia completamente diversa. Voce: amo le parole, i suoni di loro, la musica che possono fare. The Voice è il personaggio che narra.

D: Le tue scene di sesso, hai detto, sono spesso fraintese e dovrebbero essere lette metaforicamente.

Una cosa delle mie scene di sesso: raramente sono scene di sesso, in quanto tali. Non sono davvero grande nel descrivere gli atti. O anche i corpi in qualsiasi tipo di dettaglio grafico. Ma scrivo di persone che fanno sesso. A volte fanno sesso molto. Perché scrivo di donne che fanno sesso in scene non romantiche o comiche, è letta come qualcosa di grezzo, sfacciato, osceno. Il sesso è comunicazione e anche qualcosa come il siero della verità. È probabile che le persone coinvolte sessualmente rivelino tanto, se non di più, su chi sono. E il sesso è una delle grandi forze motivazionali nella vita.

D: Non c'è niente come un buon libro oscuro e divertente con quasi nessuna redenzione. Hai mai cambiato un finale per aiutare a vendere un libro?

No. Mai. Non è che non voglio vendere i miei libri, ma non c'è modo di farlo a tal fine. Devo sentirmi bene su ciò che scrivo. O almeno sento di aver scritto il libro che volevo scrivere. Se avessi intenzione di scrivere con le vendite come l'impeto, scriverei di vampiri. Ma non è quello che voglio fare.

D: Hai opinioni particolari sull'adulterio. Penso che sia impossibile separare gli aspetti fisici da quelli emotivi. Cura di commentare?

I punti di vista dei miei personaggi non sono necessariamente le mie opinioni, ma non penso che l'adulterio sia la cosa peggiore di sempre. Di chi erano i crimini peggiori: Bill Clinton o George Bush? A quale preferiresti essere sposato? Abbiamo messo troppa pressione sui nostri matrimoni, aspettandoci che il nostro coniuge fosse tutto per noi. Nessuna persona può soddisfare tutti i nostri bisogni. Diciamo quindi che queste esigenze non sono importanti per noi? Cosa succede se sono? Come società, siamo terribilmente ipocriti e giudiziosi. Soprattutto sul sesso.

Sì, il tradimento provoca terribili gelosie e dolori. Non dovremmo mai voler ferire nessuno. In tutta la vita, dovremmo mirare a provocare il minor dolore possibile. Ma il dolore assume molte forme e non tutti i tradimenti sono uguali.

D. La depressione è un argomento comune tra gli scrittori. Suppongo che tu sia venuto in qualche alloggio con il tuo e hai trovato farmaci che ti permettono di essere creativo e di funzionare con una certa facilità?

Sì e no e sì e no. La mia depressione e io siamo in una lotta costante. I medici aiutano molto, ma non sempre. Ma per essere creativo e per funzionare con una certa facilità, no.

D: Quando scrivi, entri in uno stato di flusso in cui il tempo sembra cessare?

A volte perdo la cognizione del tempo, ma soprattutto succede quando sono assorbito da qualcosa come leggere il dizionario o trollare su eBay.

(c) 2010 di Susan K. Perry

Solutions Collecting From Web of "Cosa mancano alle donne intelligenti nella narrativa "femminile"?"