Cosa intendiamo per giustizia?

Venerdì scorso, dopo 19 anni in panchina, il Chief Justice David Souter ha annunciato il suo ritiro. Da allora, nella raffica di attenzione dei media, abbiamo imparato un bel po 'sui problemi che presto determineranno il destino del prossimo candidato.

Uguali diritti avranno un ruolo, poiché già sta aumentando la pressione per nominare una donna o una persona di colore o entrambi. La questione della tortura è destinata ad apparire. La base repubblicana sembra pronta a rendere nuovamente i diritti degli omosessuali e il diritto delle donne di scegliere il fulcro del loro programma. Forse qualche altra assurdità sulla clausola "sotto Dio" nel giuramento di fedeltà apparirà.

Il senatore Orrin Hatch (R-Utah) è preoccupato dal fatto che Obama abbia usato la parola "empatia" nel descrivere ciò che sta cercando in una nuova giustizia – pensando che questo sia un simbolo per l'elevazione di una cosiddetta "giustizia attivista".

Mentre il leader della maggioranza al Senato Harry Reid ha spinto per una scelta fuori dagli schemi, forse qualcuno che era un tempo governatore o senatore, qualcuno con "esperienza del mondo reale".

Ma dal momento che non puoi sederti in panchina dopo essere stato condannato per un crimine, c'è un livello di esperienza del mondo reale che sicuramente alla nuova giustizia mancheranno.

La nuova giustizia non sarà mai stata in prigione.

Forse dovremmo riconsiderare su questo.

Gli Stati Uniti attualmente incarcerano più persone di qualsiasi altro paese al mondo. Alla fine del 2007, detenevamo 2,3 milioni di persone dietro le sbarre. Uno su 100 americani è in prigione. La maggior parte di loro sono minoranze.

Con il 5% della popolazione mondiale, gli Stati Uniti ospitano il 25% dei prigionieri del globo.

Oltre 100.000 persone sono scese in strada non molto tempo fa – il Grande Tea Bag Party del 2009 – per protestare contro un aumento delle tasse del 4% per meno dell'uno per cento della popolazione, ma nessuno sembra protestare per un sistema legale che viene spesso confrontato a quello di Stalin e Hitler.

Siamo nel bel mezzo di una massiccia crisi economica, eppure tutta questa incarcerazione non è economica. Nel 2002, quello che è stato definito il "complesso industriale carcerario" è diventato il settore in più rapida crescita negli Stati Uniti. Oggi abbiamo speso oltre 60 miliardi di dollari l'anno chiudendo le persone.

Come risultato dell'outsourcing, il sette percento di quel denaro viene dato a società private che sono state assunte a causa della loro presunta efficienza nella prigione – sono così efficienti che, in uno studio condotto alcuni anni fa dal Dipartimento di Giustizia ci sono il 49 percento in più di assalti di personale e il 65 percento in più di assalti di prigionieri in queste strutture private.

Dopo 40 anni di un catastrofico fallimento di una guerra contro la droga e dei correlati a valle di tre scioperi e sei fuori il gruppo più grande di persone attualmente in prigione sono drogati di marijuana, alcol, crack e eroina.

7 detenuti su 10 sono presenti per reati non violenti.

La nostra costituzione pretende di proibire "punizioni crudeli e inusuali". Uh-huh, dite che i prigionieri in California che non erano da molto tempo costretti a "lotte dei gladiatori fino alla morte" per il divertimento delle guardie. Dillo a tutti i prigionieri che sono stati arrestati per taccheggio e ora hanno l'HIV grazie alla loro permanenza in un carcere statunitense.

Sembra che in tutta l'attenzione che abbiamo posto alla domanda riguardante la politica di un appuntamento alla Corte Suprema, abbiamo dimenticato il punto.

La Corte Suprema non è solo il più alto organo legale della terra, è un simbolo, forse il nostro ultimo simbolo, di libertà, giustizia e moralità, di ciò che significa veramente essere un americano.

E adesso, per uno su nove uomini di colore, essere americano significa essere in prigione.

Quindi forse non vogliamo nominare un condannato per il tribunale, ma sembra il momento di portare questa discussione ad un livello più alto, di concentrarsi su alcune domande più basilari di "se Obama potrà confermare il suo candidato".

Come cosa intendiamo veramente per libertà? Per chi, da chi, a quale costo? Qual è il nostro scopo qui? È retribuzione o riabilitazione? Come definiamo veramente la moralità in una società libera? E soprattutto, soprattutto per questo appuntamento, cosa intendiamo per giustizia.

Perché il sistema che abbiamo ora può essere molte cose, ma semplicemente non è tra queste.

Solutions Collecting From Web of "Cosa intendiamo per giustizia?"