Cosa ha fatto DeVos?

Potresti aver letto che il Segretario all'Istruzione, Betsy DeVos, ha recentemente pubblicato una nuova guida del Titolo IX che ha annullato i documenti del Titolo IX dell'era di Obama. Questo è il secondo colpo all'applicazione e all'attuazione di questa legge da quando Trump è entrato in carica. (La prima è stata la lettera di orientamento per i transessuali del maggio 2016 abrogata da Trump e Sessions nel febbraio del 2017). Quindi cosa significa quando viene rimossa la guida? Che cosa hanno detto questi documenti e cosa significa questo per le scuole? In questo post fornisco una sintesi di quattro cambiamenti principali che sono importanti da conoscere e che cosa significano per studenti, genitori ed educatori.

US Department of Education, public domain
Fonte: Dipartimento della pubblica istruzione degli Stati Uniti, di pubblico dominio

I due documenti interessati da questa ultima azione sono una Cari colleghi Lettera (DCL) del 2011 e un documento di domande e risposte 2015 che sono stati abrogati e sostituiti da una nuova cara lettera di collega datata "settembre 2017" rilasciata dal Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti il ​​22 settembre, 2017. Nel 2016, i casi del Titolo IX costituivano il 46% (7, 747) delle denunce presentate all'Ufficio dei Diritti Civili. È essenziale che gli educatori lo capiscano e continuino a sostenere l'intento di questa legge.

1. Standard di prova

La maggior parte degli analisti ha focalizzato il cambiamento sullo "standard di prova" che solleva l'aspettativa da una " preponderanza di prove " che è lo standard corrente per qualsiasi reclamo del Titolo VII sui Diritti Civili. Ciò significa che la scuola deve scoprire che è "più probabile che no" che si sia verificata una cattiva condotta sessuale. Con la nuova guida dell'era di Devos, l'OCR si sta spostando per dire che le scuole devono usare lo stesso standard di prova per qualsiasi violazione del codice di condotta dello studente e se lo standard per imbrogliare, per esempio, è " chiaro e convincente " di questo uno standard più elevato deve essere utilizzato anche nei casi del Titolo IX. Ciò va contro la giurisprudenza sui diritti civili esistente e rende molto più difficile per le vittime di violenza sessuale vedere i loro autori ritenuti responsabili in quanto tali prove sono spesso meno tangibili e un caso "chiaro e convincente" è molto più difficile da stabilire.

2. Misure provvisorie

Un altro cambiamento che ho notato è il linguaggio che circonda le "misure provvisorie". Questi sono i passi che le scuole possono intraprendere per minimizzare l'ambiente tossico per una presunta vittima e ridurre i contatti tra il presunto colpevole e la vittima nel periodo intercorso tra la presentazione di un reclamo e la segnalazione dei risultati dalla ricerca Nella guida del 2014, l'OCR ha affermato: "In generale, quando si adottano provvedimenti provvisori, le scuole dovrebbero ridurre al minimo l'onere per il reclamante " (2014, Q & A pag. 33). Questo è stato progettato per garantire che i reclami di archiviazione non abbiano perso l'alloggio o abbiano subito conseguenze accademiche durante lo svolgimento dell'indagine. Tuttavia, ora i documenti del 2017 affermano: "Valutando in modo equo la necessità che una parte riceva misure provvisorie, una scuola non può basarsi su regole fisse o ipotesi operative che favoriscano una parte rispetto a un'altra , né una scuola può rendere tali misure disponibili solo per one party "(2017, pg 3). Questo fraseggio ricorda i commenti di entrambe le parti di Trump in seguito ai conflitti di Charlottesville scatenati dalle dimostrazioni della Supremazia Bianca e rimuove le protezioni progettate per alleviare l'onere sui sopravvissuti all'assalto sessuale. Questo approccio si basa e innalza il mito del falso racconto dello stupro quando in realtà solo il 2% delle accuse di stupro si rivela falso.

3. Prompt e tempestivo

Una terza importante differenza che ho notato è nei tempi raccomandati per condurre e concludere le indagini. I termini "prompt" e "tempestivo" fanno parte di entrambi i gruppi di documenti, tuttavia sono descritti in modo diverso. "Prompt" nel 2011, il linguaggio DCL è descritto come "un'indagine tipica impiega circa 60 giorni di calendario dal ricevimento del reclamo. Se OCR ritiene che le risoluzioni dei reclami siano puntuali, tuttavia, varierà a seconda della complessità dell'indagine e della gravità e dell'estensione delle molestie. "Mentre, nel linguaggio DCL del 2017, affermano che" Non esiste un orizzonte temporale entro il quale un la scuola deve completare un'indagine del Titolo IX. L'OCR valuterà lo sforzo in buona fede di una scuola per condurre un'indagine equa e imparziale in modo tempestivo progettato per fornire a tutte le parti una soluzione. "La mancanza di dettagli su come un'indagine tempestiva o tempestiva potrebbe lasciare molti denuncianti e intervistati che si interrogano sul risultato del loro caso e vivono in un luogo difficile di incertezza molto più a lungo del necessario.

4. Istruzione e prevenzione

Ciò che manca completamente nel documento del 2017 è qualsiasi informazione sull'educazione e la prevenzione. Considerando che sia il DCL del 2011 che i documenti di domande e risposte del 2014 hanno fornito sezioni dedicate ai passi che le scuole dovrebbero intraprendere per educare il loro personale e gli studenti e azioni preventive per ridurre gli episodi di violenza sessuale nei loro campus. Di conseguenza, vorrei includere la sezione del DCL 2011 nella sua interezza qui:

Oltre a garantire la piena conformità con il Titolo IX, le scuole dovrebbero adottare misure proattive per prevenire molestie sessuali e violenze. OCR raccomanda che tutte le scuole implementino programmi di educazione preventiva e rendano disponibili le risorse delle vittime, inclusi i servizi completi per le vittime. Le scuole possono voler includere questi programmi educativi nei loro (1) programmi di orientamento per nuovi studenti, docenti, personale e dipendenti; (2) formazione per studenti che servono come consulenti nei padiglioni di residenza; (3) formazione per studenti atleti e allenatori; e (4) assemblee scolastiche e "ritorno a scuola". Questi programmi dovrebbero includere una discussione su ciò che costituisce molestie sessuali e violenza sessuale, le politiche scolastiche e le procedure disciplinari e le conseguenze della violazione di queste politiche.

I programmi di educazione dovrebbero includere anche informazioni volte a incoraggiare gli studenti a segnalare episodi di violenza sessuale alle scuole competenti e alle autorità di contrasto. Le scuole dovrebbero essere consapevoli che le vittime o le terze parti possono essere scoraggiate dal segnalare incidenti se sono coinvolti alcol, droghe o altre violazioni delle regole scolastiche o universitarie. 40 Di conseguenza, le scuole dovrebbero considerare se le loro politiche disciplinari hanno un effetto raggelante sulle vittime " o la segnalazione da parte di altri studenti di reati di violenza sessuale. Ad esempio, l'OCR raccomanda alle scuole di informare gli studenti che la preoccupazione principale della scuola è la sicurezza degli studenti, che qualsiasi altra violazione delle norme sarà affrontata separatamente dalla denuncia di violenza sessuale e che l'uso di alcol o droghe non rende mai la vittima colpevole di violenza sessuale .

L'OCR raccomanda anche che le scuole sviluppino materiali specifici di violenza sessuale che includano le politiche, le regole e le risorse delle scuole per studenti, docenti, allenatori e amministratori. Le scuole dovrebbero anche includere tali informazioni nel loro manuale del dipendente e in qualsiasi manuale che gli atleti studenti e membri dei gruppi di attività degli studenti ricevano. Questi materiali dovrebbero includere dove e a chi gli studenti dovrebbero andare se sono vittime di violenza sessuale. Questi materiali dovrebbero anche dire agli studenti e ai dipendenti della scuola cosa fare se vengono a conoscenza di un episodio di violenza sessuale. Le scuole dovrebbero anche valutare regolarmente le attività degli studenti per garantire che le pratiche e il comportamento degli studenti non violino le politiche scolastiche contro le molestie sessuali e la violenza sessuale (pagg 14-15).

Il documento Q & A del 2014 includeva anche quattro pagine di informazioni su "formazione, istruzione e prevenzione" incluse informazioni sulla formazione dei dipendenti sulla prevenzione e risposta ai reclami di violenza sessuale, nonché argomenti da includere "come minimo" nella formazione per gli studenti che include:

  • Titolo IX e cosa costituisce la violenza sessuale, compresa la violenza sessuale tra persone dello stesso sesso, nell'ambito delle politiche scolastiche;
  • la definizione della scuola di consenso applicabile alla condotta sessuale, compresi gli esempi;
  • in che modo la scuola analizza se la condotta non è stata ben accolta ai sensi del titolo IX;
  • come la scuola analizza se la condotta sessuale sgradita crea un ambiente ostile;
  • opzioni di reporting, inclusi report formali e opzioni di divulgazione confidenziale e qualsiasi periodo di tempo stabilito dalla scuola per la segnalazione;
  • le procedure di reclamo della scuola utilizzate per trattare i reclami di violenza sessuale;
  • le disposizioni del codice disciplinare relative alla violenza sessuale e le conseguenze della violazione di tali disposizioni;
  • effetti del trauma, compresi i cambiamenti neurobiologici;
  • il ruolo che l'alcol e le droghe svolgono spesso negli episodi di violenza sessuale, compreso l'uso deliberato di alcool e / o altre droghe per perpetrare la violenza sessuale;
  • strategie e abilità per gli astanti di intervenire per prevenire possibili violenze sessuali;
  • come segnalare violenze sessuali al campus o alle forze dell'ordine locali e la possibilità di portare avanti le procedure di applicazione della legge contestualmente a un reclamo Title IX; e
  • Le protezioni del titolo IX contro le ritorsioni (pag. 41).

implicazioni

Il documento di domande e risposte del 2014 è stato esaustivo, dettagliato e fornito numerosi casi di studio ed esempi che hanno offerto a scuole e università specifici scenari significativi per la pratica degli educatori che cercano di sostenere gli interessi dei propri studenti nel rispetto della legge. Rimuovendo questo documento, DeVos e colleghi invitano a una maggiore incertezza per offuscare un argomento già difficile e complicato. Invitano inoltre ad attirare l'attenzione sugli sforzi preventivi che i campus hanno posto sul tema della violenza sessuale nei campus. Fortunatamente, molte istituzioni di istruzione superiore hanno notato che questi nuovi regolamenti non richiedono modifiche alle riforme istituite sotto la guida precedente. Di conseguenza, diverse università, inclusa la mia, hanno rilasciato dichiarazioni che informano le loro comunità che nulla cambierà se non una revisione delle procedure per garantire che siano ancora conformi alle nuove linee guida. La mia speranza è che i programmi di educazione e prevenzione che sono stati istituiti sotto la guida precedente rimarranno in vigore perché le scuole li hanno trovati preziosi per i loro studenti e hanno già investito nella loro progettazione e implementazione.

La legge è sempre la stessa. Le scuole devono prevenire la discriminazione basata sul sesso e reagire responsabilmente quando apprendono che sta avvenendo. Invito gli educatori a continuare a riferire questi documenti precedenti come punti di riferimento di fronte all'interpretazione e all'applicazione del Titolo IX nelle loro comunità scolastiche.

Solutions Collecting From Web of "Cosa ha fatto DeVos?"