Cosa fare se hai una dipendenza da lavoro

Ti ritrovi a cercare compulsivamente di raggiungere ed essere produttivo?

Ti ritrovi a cercare compulsivamente di raggiungere ed essere produttivo? Hai appena finito un compito prima che la tua mente sia alla prossima. Lavora duro per cancellare le cose dalla tua lista di cose da fare, e poi riempire immediatamente di nuovo. Potresti lavorare su una presentazione o un articolo, ma la tua mente è già sull’argomento che tratterai nel prossimo. Il problema è che la ricerca dimostra che l’approccio al lavoro in questo modo – non importa quanto possa essere “produttivo” – in realtà sta lavorando contro di te.

La dipendenza dal lavoro, a differenza delle dipendenze che coinvolgono alcol o altre sostanze, viene premiata dalla nostra cultura con promozioni, bonus, lodi e riconoscimenti, e quindi considerata una buona cosa. Tuttavia, ciò che non realizziamo è che il workaholism ha un effetto negativo a lungo termine, non solo sul nostro benessere, ma anche, ironicamente, sulla nostra produttività.

Pochi di noi in realtà considerano il costo del workaholism. La ricerca mostra che il workaholism:

  • Danneggia la tua salute fisica ed emotiva e il tuo benessere
  • Portare a 120.000 morti all’anno
  • Raddoppia il rischio di depressione e ansia diagnostabili
  • Riduce la produttività e riduce le prestazioni (!)
  • Aumenta i problemi di sonno che riducono ulteriormente la produttività e le prestazioni
  • Riduci la tua capacità di attenzione
  • Ha un impatto negativo su tutti coloro che ti circondano, a sua volta danneggiando il tuo lavoro e le relazioni personali, nonché la salute della tua famiglia.

Il workaholism in realtà comporta costi maggiori per le organizzazioni anche a causa di incidenti legati allo stress, assenteismo, turnover dei dipendenti, diminuzione della produttività, costi sanitari e indennizzo dei lavoratori – tutti costano all’industria statunitense oltre 300 miliardi di dollari l’anno. I costi del fatturato sono soli $ 3,500 per sostituire un lavoratore $ 8 / ora. Inoltre, le industrie a tutto campo (dal non profit all’assistenza sanitaria) vedono tassi di burnout del 50-70%.

Perché siamo stati coinvolti in un approccio così frenetico alla produttività? Perché una delle principali teorie del successo in cui viviamo è che, per avere successo ed essere felici, è necessario concentrarsi sul futuro. La gente pensa che il successo richieda sacrifici estremi nella felicità personale che precede il presente, che sopporta i sentimenti negativi e lo stress tremendo – perché l’esito finale ne vale la pena.

Essere più produttivi staccando dal lavoro

Grazie agli smartphone e alle e-mail (il 70% delle persone dormono con i telefoni accanto al letto) i confini tra il lavoro e le nostre vite personali sono più sfocati che mai. Molte persone portano a casa il lavoro e le vacanze con loro. Di conseguenza, lo stress della giornata si fonde con le sere e le vacanze e consuma i tempi di recupero. Sabine Sonnentag, professore all’Università di Mannheim in Germania, ha scoperto che le persone che non sanno staccarsi dal lavoro durante il loro periodo di riposo hanno aumentato l’esaurimento nel corso di un anno e sono meno resilienti di fronte a condizioni di lavoro stressanti.

Poiché ha scoperto che il distacco psicologico dal lavoro è particolarmente difficile quando il carico di lavoro e la pressione del lavoro sono alti, Sabine Sonnentag sottolinea quanto sia importante imparare a staccarsi coscientemente dal lavoro quando è molto impegnativo. Sonnentag ha scoperto che la distanza psicologica dal lavoro è la via più veloce per il recupero e conduce, forse sorprendentemente, a un aumento della produttività. “Dalla nostra ricerca, si può concludere che è bene pianificare il tempo per il recupero e utilizzare questo tempo in modo ottimale.” Le attività che la ricerca di Sonnentag conferma aiutano con il distacco nell’esercizio fisico, nella natura e nell’assorbimento totale in un hobby legato al lavoro. Riflettere positivamente sul tuo lavoro dopo l’orario di lavoro può anche aiutarti a ricostituirti.

Prova a respirare, invece di caffè, per energia

Non è solo una mancanza di equilibrio tra lavoro e vita che ci sta bruciando, comunque. Svolgiamo un ruolo attivo nell’esaurimento di noi stessi mantenendo alti i nostri livelli di adrenalina. Nel nome della produttività, abbiamo imparato come attivare quotidianamente la nostra risposta allo stress, spesso alimentata da abbondanti quantità di caffè. Anche se la risposta allo stress “lotta o fuga” è pensata per occasioni rare e potenzialmente letali, scegliamo di attivarla volontariamente. Di fatto, la maggior parte delle persone dipende dall’alta adrenalina per soddisfare le richieste del giorno. Potresti riconoscere di chiamarti intenzionalmente programmandoti eccessivamente, overcommitting e aspettando fino all’ultimo minuto per completare i progetti, perché dipendi dall’ansia per alimentare te stesso. Quando sei stanco e hai davvero bisogno di riposare, potresti scoprire che preferisci continuare a spingere o fare affidamento su stimolanti come caffeina, zucchero o bevande energetiche per darti il ​​”massimo” di cui hai bisogno per andare avanti. In effetti, una tendenza crescente mostra che studenti e professionisti si stanno impegnando nell’abitudine pericolosa (per non dire assuefacente) di schioccare farmaci stimolanti progettati per trattare il disturbo da deficit di attenzione in modo da stare in piedi e concentrarsi per ore più lunghe. Siamo semplicemente rimasti aggrappati alla corsia di sorpasso.

Ciò che non realizziamo, tuttavia, è che stiamo bruciando il nostro corpo e la nostra mente nel processo. È sorprendente che, quando torniamo a casa la sera, continuiamo a ronzare dal giorno e non possiamo rilassarci e andare a dormire? Sovrastimolato e incapace di calmarsi, ci rivolgiamo a depressi come l’alcol e i sonniferi o i farmaci anti-ansia per l’equilibrio. Il costante andirivieni tra l’ansia provocata dallo stimolo e la sonnolenza provocata dal depressivo provoca il caos sul nostro già esaurito sistema nervoso.

Le ricerche che abbiamo condotto mostrano che praticare consapevolmente la respirazione può aiutare a ridurre significativamente i nostri livelli di stress e ansia, a volte in pochi minuti. La respirazione sembra semplicistica, ma è senza dubbio l’azione più importante della nostra vita. È anche il più trascurato, perché accade per lo più da solo e al di sotto del livello della nostra consapevolezza. Ciò che rende la respirazione così unica è che può avvenire automaticamente (come digestione e battito cardiaco), oppure può essere controllato attraverso la volontà. È l’unica funzione autonoma su cui hai voce in capitolo. La respirazione è uno strumento che abbiamo sempre a portata di mano per aiutarci in situazioni stressanti, come essere bloccati nel traffico sulla strada del lavoro. La ricerca suggerisce che fare respiri profondi nell’addome e allungare le espirazioni, in modo che siano più lunghe dell’inalazione, aiuta il sistema nervoso a rilassarsi. Imparare tecniche di respirazione in una classe da un istruttore qualificato può essere utile.

Ci sono poche prove che condurre una vita adrenalinica ti renda più produttivo. Tuttavia, ci sono molte prove per dimostrare che uno stile di vita cronico stressante danneggia la tua salute fisica e le tue facoltà cognitive. E che prendere consapevolmente respiri lenti e profondi riduce l’ansia, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.

Adattato da THE HAPPINESS TRACK di Emma Seppälä, Ph.D. Copyright © 2016 di Emma Seppälä, Ph.D. Usato con il permesso di HarperOne, un’impronta di HarperCollins Publishers.

Solutions Collecting From Web of "Cosa fare se hai una dipendenza da lavoro"