Cosa fare quando il tuo partner ti dà il trattamento silenzioso

Quando il tuo partner ti dà il trattamento silenzioso, cosa significa e cosa fare.

wavebreakmedia/Shutterstock

Fonte: wavebreakmedia / Shutterstock

Il tuo partner, ancora una volta, ha dimenticato di fare i piatti la mattina e quando torni a casa quella notte, c’è un lavandino pieno di tazze di caffè, bicchieri e piatti sporchi. Questa violazione della disposizione che hai con il tuo partner per condividere le faccende domestiche ti rende furioso, perché sembra essere parte di un modello. Esprimi i tuoi sentimenti in un leggero attacco di rabbia e ti sembra che la tua ira sia ben giustificata. Quello che succede dopo, però, è qualcosa che non ti saresti aspettato. In precedenti occasioni, il tuo partner si è scusato e ha promesso di non farlo mai più, e l’hai baciato e truccato. In questo caso, il tuo partner si gira e esce dalla stanza, chiude la porta e non torna indietro finché non è ora di andare a dormire. Non si dice una parola, e il trattamento silenzioso va avanti fino al giorno successivo. I tuoi testi non hanno risposta, e non è fino a cena che il tuo partner finalmente ricomincia a parlare.

Il silenzio a volte può essere migliore della conversazione, soprattutto se tu e il tuo partner avete bisogno di prendervi una pausa da una discussione e rinfrescarvi. Quando un partner si rifiuta di parlare, tuttavia, il silenzio può sembrare insopportabile, specialmente se continua. Nello scenario dei piatti sporchi, sembrerebbe che il tuo partner ricorra al silenzio come un modo per tornare a te. Forse sei stato irragionevolmente facendo richieste o non riuscendo ad adempiere alla fine del contratto di housekeeping senza rendersene conto. Oppure è possibile che il tuo partner si senta risentito per qualche problema più profondo. Una nuova ricerca sul silenzio sul posto di lavoro può aiutare a far luce su ciò che induce le persone a utilizzare questa strategia di comunicazione come meccanismo di coping quando le cose non stanno andando bene. Usando questa ricerca come base, è possibile ottenere alcune informazioni su come gestire il silenzio che si verifica nelle relazioni strette.

Karim Mignonac e colleghi (2018), dell’Università di Tolosa (Francia), hanno esaminato il processo di “navigare nell’ambivalenza” sul posto di lavoro. Il loro studio si è concentrato sui modi in cui i dipendenti usano il cinismo e il silenzio come strategie di stress-busting quando credono che la loro organizzazione non li sostenga. Il loro studio si basa sulla teoria dell’identità sociale, che propone che “gli individui sono generalmente motivati ​​a mantenere o migliorare le percezioni della loro autostima“. Sul posto di lavoro, la teoria dell’identità sociale implica che si desidera essere curati dal proprio datore di lavoro. Ti senti anche orgoglioso della tua organizzazione, se ritieni che sia ben rispettata (pensa a 5 stelle su Yelp). Quando ti senti valorizzato, e senti che anche la tua organizzazione è apprezzata, puoi alzare la testa più in alto, e dal punto di vista pratico, lavorerai di più e sarai più produttivo.

Quando invece ritieni che l’immagine esterna della tua azienda sia in conflitto con il modo in cui tratta i dipendenti, ciò creerà uno stato di ambivalenza. Ad esempio, immagina di lavorare in un’azienda che si pubblicizza come socialmente responsabile, ma quando si tratta di proteggere i dipendenti da molestie o condizioni di lavoro non sicure, essi sono ben lontani da questa immagine idealizzata. È anche possibile che la tua azienda ti tratti molto bene, ma ha una reputazione tutt’altro che perfetta nella comunità (si pensi a 2 stelle su Yelp). In una relazione, puoi provare un simile tipo di ambivalenza se tutti pensano che tu sia una coppia felice, ma ti senti costantemente rimproverato dal tuo partner. In alternativa, potresti sentirti amato e stimato dal tuo partner, ma per il mondo, sembra che tu sia una coppia a 2 stelle, perché nessuno ti invita mai a cena o alle feste. Il conflitto tra il rispetto esteriore e quello interiore crea problemi per la tua identità sociale, poiché non ritieni che la tua relazione sia quella che conferma il tuo senso di autostima.

Il risultato dell’ambivalenza creata da tale conflitto è, secondo il gruppo di ricerca francese, il cinismo. Definiscono il cinismo come uno stato contrassegnato non da particolari emozioni, ma da “credenze che la loro organizzazione manca di integrità e, ancor più specificatamente, le loro convinzioni che le scelte organizzative sono incoerenti, inaffidabili e basate su (nascosto) interesse personale”. tornando alla tua relazione, ti sentirai cinico se credi che il tuo partner non si preoccupi veramente di te. Questo cinismo, a sua volta, è ciò che richiede il trattamento silenzioso. Trattenerai “le tue idee, informazioni e opinioni” come un modo per ridurre il tuo stato di dissonanza. Nelle relazioni, come nel luogo di lavoro, questo significa che se sei trattato ingiustamente, userai lo stato di silenzio passivo-aggressivo nel tentativo di difendere il tuo senso di sé in un modo meno rischioso di parlare del ingiustizia. Non puoi metterti nei guai, quindi questo ragionamento va, per quello che non dici.

Attraverso una serie di tre studi che hanno coinvolto studenti part-time in programmi di gestione, Mignonac e i suoi coautori hanno stabilito una relazione tra l’ambivalenza dell’organizzazione e l’uso del silenzio da parte dei dipendenti. La situazione era molto peggiore quando il prestigio esterno dell’organizzazione era elevato, ma il sostegno degli impiegati era basso rispetto al contrario. Il silenzio, valutato da elementi come la frequenza delle idee e dei pensieri di ritenuta, è stato similmente previsto da una combinazione di questi due fattori organizzativi.

Ora vediamo cosa succede quando affronti il ​​trattamento silenzioso nella tua vita familiare. Lo studio dell’Università di Tolosa suggerisce che le persone reagiranno con il silenzio quando credono di essere trattati ingiustamente, un trattamento che contrasta con il modo in cui la relazione viene percepita dagli estranei. Il tuo partner potrebbe sentirti non solo risentito nei tuoi confronti per essere eccessivamente esigente, ma anche cinico riguardo l’immagine esteriore che proietti ad amici e parenti su che grande partner sei, quando in realtà ci sono problemi reali in termini di supporto che fornisci quando il tuo partner ha bisogno di te. La situazione con i piatti non riguarda solo chi fa cosa in casa, ma quanto consente al tuo partner di provare un senso di autostima e orgoglio come persona. Il problema di fondo dell’autostima, e quanto si consente al proprio partner di avere quell’identità positiva, è ciò che crea i suoni del silenzio quando qualcosa va storto.

Per riassumere, se il tuo partner ti dà il trattamento silenzioso più di quanto ritieni sia ragionevole, guarda dentro di te quanto supporto fornisci per l’autostima del tuo partner. Sia tu che il tuo partner dovete sentire questo profondo senso del valore per avere una relazione soddisfacente che dura nel tempo.

Riferimenti

Mignonac, K., Herrbach, O., Serrano Archimi, C., & Manville, C. (2018). Navigazione nell’ambivalenza: discrepanza supportata dal prestigio organizzativo percepito e sua relazione con il cinismo e il silenzio dei dipendenti. Journal of Management Studies , doi: 10.1111 / joms.12330

Solutions Collecting From Web of "Cosa fare quando il tuo partner ti dà il trattamento silenzioso"