Cosa fare con ISIS?

Cosa fare con ISIS?

ISIS è più che violenza, è un marchio. Dobbiamo combattere il marchio in una guerra di idee tanto importante quanto la guerra sul terreno in Siria e in Iraq. In questo articolo suggerisco un'iniziativa diplomatica per descrivere il mondo che vogliamo emergere in Siria e in Iraq. Comincio con la valutazione della situazione attuale, quindi descrivo una visione del futuro che gli Stati Uniti potrebbero offrire per la discussione e termina con alcune stime degli effetti di questo intervento.

Le radici della violenza in Siria e in Iraq

Come descritto da McCauley e Moskalenko, un importante supporto per ISIS è che i sunniti dell'Iraq e della Siria considerano l'ISIS come la loro unica difesa efficace contro il dominio e l'umiliazione da parte di Shi'a (1). La protezione ISIS dei sunniti è attualmente saldata insieme a una forma estremista di islam che molti sunniti preferirebbero fare a meno (2). Per indebolire il supporto sunnita per ISIS, gli Stati Uniti devono mostrare ai sunniti in Siria e in Iraq un percorso verso la sicurezza dall'umiliazione sciita che non dipende da ISIS (3).

Questioni simili di sicurezza e status esistono per altri attori violenti in Iraq e in Siria. I curdi cercano sicurezza dall'umiliazione di arabi e turchi. Gli alawiti ei cristiani cercano la sicurezza dalla vendetta e dall'umiliazione della maggioranza sunnita che avevano precedentemente dominato. I russi cercano il porto del Mediterraneo e le basi aeree e la sopravvivenza del loro alleato Bashar al-Assad. I turchi vogliono buone relazioni con la maggioranza sunnita in Siria e nessun stato curdo al confine. L'Iran vuole estendere la sua influenza proteggendo la Shi'a. Inoltre ci sono tribù sunnite sia in Siria che in Iraq che sono state entrambe vittime e vittime della violenza.

La mia conclusione è che gli Stati Uniti hanno bisogno di un'iniziativa diplomatica che possa offrire almeno un certo grado di sicurezza e status a tutti i principali attori. Questa iniziativa descriverebbe il mondo che gli Stati Uniti vorrebbero vedere emergere dall'attuale violenza in Iraq e in Siria, e includere una dichiarazione di disponibilità a parlare con chiunque e chiunque su come raggiungere questo mondo o qualcosa del genere.

L'iniziativa degli Stati Uniti: un futuro per la Siria e l'Iraq

L'obiettivo degli Stati Uniti è il riconoscimento e la costruzione di unità politiche che forniscono sicurezza e status per i gruppi identificati di seguito. La sicurezza e lo status saranno assicurati nella misura in cui ogni unità ha il proprio sistema di polizia e tribunale e controlla le proprie risorse idriche e petrolifere. Inizialmente le unità possono essere considerate come stati di un governo federale che negozia le controversie in materia di acqua e petrolio, ma sono possibili altre descrizioni delle unità (province, dipartimenti, governatorati). Gli Stati Uniti parleranno con qualsiasi gruppo o interesse su come arrivare a queste o unità simili. Non ci sono pre-condizioni per questa discussione, comprese le linee Sykes-Picot del 1916; tutti i confini e i confini devono essere negoziati.

1. Il territorio IS diventa uno stato sunnita che vuole la governance ISIS. Gli Stati Uniti cesseranno gli attacchi contro l'ISIS e cesseranno di opporsi ai volontari stranieri per ISIS, compresi i volontari degli Stati Uniti

2. Stato tribale per i sunniti che non vogliono il governo dell'ISIS

3. Stato alawita nel Mediterraneo a nord del Libano

4. Stato curdo attorno a Erbil

5. Lo stato sciita intorno a Baghdad

6. Stato druso dopo Jordan

7. Distretto federale di Damasco con la polizia ma non militare

8. I cristiani che desiderano emigrare saranno accettati come immigrati in Europa e negli Stati Uniti

Probabili reazioni all'iniziativa statunitense (uno specialista di area farebbe meglio qui che uno psicologo sociale!)

L'ISIS si opporrà all'iniziativa perché minaccia le affermazioni di ISIS di rappresentare un califfato internazionale. Ma se l'ISIS perde più territorio, potrebbe essere pronto a negoziare per salvare il califfato che è rimasto. Come minimo, l'iniziativa solleverà conflitti all'interno dell'ISIS tra pragmatici del potere (localisti) e radicali islamici internazionali (globalisti).

I sunniti che fanno o non vogliono l'ISIS saranno messi in conflitto. Il Risveglio ha mostrato il potenziale potere di questo conflitto.

Teheran probabilmente si opporrà all'iniziativa degli Stati Uniti perché qualsiasi movimento verso una soluzione pacifica nell'area ridurrebbe l'influenza dell'Iran in Iraq e Siria.

Alcuni sciiti di Baghdad possono accogliere l'iniziativa come un modo per ridurre la minaccia da ISIS, anche a costo di una maggiore autodeterminazione per le aree sunnite del vecchio Iraq. Altri a Baghdad saranno contro ogni iniziativa che non continua la loro vendetta contro i sunniti che hanno dominato la Shi'a irachena per così tanto tempo.

Mosca dovrebbe accogliere con favore il salvataggio di Bashar e il riconoscimento de facto occidentale per le loro basi aeree e marine nel Mediterraneo. Forse persino gradire una divisione dell'influenza territoriale che possa limitare il potenziale conflitto tra le forze armate della Russia e della NATO.

Israele sarà soddisfatto del continuo smembramento di due forti Stati della Siria e dell'Iraq.

I curdi saranno compiaciuti del riconoscimento del loro statelet.

Druze sarà contento della prospettiva di un riconoscimento e di un po 'di autogoverno.

I cristiani, che sono troppo pochi per un'efficace autodifesa, saranno contenti per una fuga verso l'immigrazione.

Gli Stati Uniti otterranno credito nel mondo musulmano per cercare la pace senza il dominio occidentale o l'ulteriore introduzione delle truppe occidentali.

I paesi petroliferi arabi probabilmente si oppongono all'iniziativa perché non promette di distruggere l'ISIS o il potere sciita.

La Turchia odierà un ulteriore riconoscimento dell'attuale territorio curdo di fatto.

I simpatizzanti degli Stati Uniti con l'ISIS probabilmente andranno in Siria piuttosto che attaccare negli Stati Uniti

I rifugiati provenienti dalla Siria potrebbero favorire un'iniziativa che potrebbe consentire ad alcuni di tornare.

A conti fatti , l'iniziativa dovrebbe essere PR positiva per gli Stati Uniti e contribuire a portare conflitti nel supporto sunnita per ISIS. Dovrebbe scuotere tutte le parti spostando la narrativa da chi sta vincendo ora a una concezione di un futuro per cui vale la pena lavorare. Perfino l'opposizione dalla Turchia, dall'Iran e dagli stati petroliferi dovrebbe essere mitigata dal desiderio di evitare di essere visti mettere l'interesse personale al di sopra del benessere di milioni di persone che preferiscono la pace. Con questa iniziativa gli Stati Uniti possono cogliere l'alto livello morale che porta nuovi amici e nuove opportunità.

Riferimenti

(1) McCauley, C., & Moskalenko, S. (2015). Comprendere l'ascesa dell'ISIL in Iraq e in Siria e il suo appello nel Pp statunitense. 109-113 in H. Cabayan e S. Canna (a cura di), valutazione multi-metodo dell'ISIL . Washington, DC: una pubblicazione periodica strategica multistrato (SMA).
(2) Moaveninov, A. (2015). ISIS Women and Enforcers in Syria Recupero Collaborazione, Angoscia e Fuga. New York Times , 21 novembre. Http://www.nytimes.com/2015/11/22/world/middleeast/isis-wives-and-enforc…
(3) Bolton, JR (2015). Per sconfiggere ISIS, creare uno stato sunnita. New York Times , 24 novembre. Http://www.nytimes.com/2015/11/25/opinion/john-bolton-to-defeat-isis-cre…

(4) Gurcan, S. (2015). Lo stato islamico sta diventando globale? Al Monitor , 20 novembre. Http://www.al-monitor.com/pulse/originals/2015/11/turkey-syria-isis-goin…

Solutions Collecting From Web of "Cosa fare con ISIS?"