Cosa fai quando qualcuno "ruba" la tua stupenda idea?

NrAndFar
Fonte: NrAndFar

L'oggetto recitava: "hai visto questo?" Il messaggio era del mio editore Jen. "Nir, ho visto il titolo di questa storia e ho pensato che potesse essere scritto da te, ma no!" Ha scritto. "Molto strano." Feci immediatamente clic sul link che lei aveva inviato.

Era strano! Un articolo scritto da Christopher Mele al New York Times, stranamente simile a un post che avevo scritto ma che non avevo ancora pubblicato.

Il mio primo pensiero è stato che ho twittato accidentalmente un link alla mia bozza o pubblicato il mio post per sbaglio. Era come se qualcuno avesse violato il mio computer o leggesse la mia mente. L'articolo di Mele usava gli stessi esempi, citava la stessa ricerca, e persino collegato alle stesse fonti. Ero così sorpreso che ho mandato a Mele una e-mail (anche se non ero mai stato in contatto con lui prima), chiedendogli se avrebbe in qualche modo letto la mia bozza.

Nel frattempo, mi sono precipitato a postare su cosa stavo lavorando, immaginando che questo avrebbe almeno provato che stavo scrivendo bene prima che la storia di Mele apparisse. Proprio in quel momento, Mele ha risposto alla mia e-mail dicendo che non aveva mai sentito parlare del mio lavoro.

Certo che non l'aveva fatto. E dopo un'ulteriore riflessione, mi sentivo abbastanza sciocco. A chi stavo dimostrando qualcosa? Chi è veramente interessato?

Ero così agitato, temendo che qualcuno avesse copiato le mie idee, che lasciavo che la paranoia prendesse il meglio di me. Ero caduto in una trappola cognitiva.

Il segno di un principiante

Le persone tendono a credere che le idee siano cose rare, le gemme da raccogliere e accumulare. Ma in realtà la natura del lavoro creativo, che si tratti di innovazione aziendale, ricerca accademica o attività artistica, ci dice esattamente l'opposto: se una comprensione utile ti viene in mente, è molto probabile anche nelle menti altrui.

Dove vivo, nella Silicon Valley, c'è un indizio sicuro quando le persone sono neofiti della comunità tecnologica: mi chiedono di mantenere segrete le loro idee. Alcuni imprenditori mi chiedono di firmare un accordo di non divulgazione, è facile dire che non sono stati qui a lungo. Con rare eccezioni, pochi veterani del settore firmano le NDA per il semplice fatto che buone idee tendono a venire a persone diverse nello stesso periodo.

Si chiama "teoria della scoperta multipla", che, contrariamente alla "teoria eroica dell'invenzione", afferma che le scoperte sono spesso fatte da più persone, non da "geni" solitari. La storia è disseminata di esempi: la formulazione del calcolo, la scoperta della vitamina A, lo sviluppo del telefono, la lampadina, il motore a reazione, la bomba atomica.

"Quando il tempo è maturo per certe cose", ha detto il matematico Farkas Bolyai, "queste cose appaiono in posti diversi alla maniera delle violette che vengono alla luce all'inizio della primavera".

In molti modi, le scoperte sono inevitabili, dal momento che l'innovazione si verifica come risultato dell'ambiente prevalente tanto quanto attraverso l'ispirazione di una mente preparata. Come spiega Kevin Kelly nel suo libro What Technology Wants, "Ogni progresso tecnologico nel mondo segue un ordine approssimativo molto simile. Le scaglie di pietra cedono al controllo del fuoco, quindi alle mannaie e alle armi a palla. … La sequenza è abbastanza uniforme. I coltelli seguono sempre il fuoco, le sepolture umane seguono sempre i coltelli, e l'arco precede la saldatura. "Ogni generazione precedente depone i tralicci per la prossima scoperta, scoprendo intuizioni che siamo tenuti a scoprire.

In un mondo di inevitabili scoperte simultanee, non ha senso mantenere la maggior parte delle cose segrete. In effetti, tenere le idee vicino al proprio giubbotto comporta costi imprevisti. Ad esempio, non condividere le tue informazioni spesso e ampiamente significa perdere un feedback. La maggior parte delle cattive idee di avvio che sento sono cattive non perché sono sotto la minaccia di qualcuno che sta rubando l'idea, ma perché il fondatore non sa quello che lui o lei non sa.

Condividere idee significa che altre persone possono mostrarti i tuoi punti ciechi. Inoltre, sopravvalutare le idee ci rende più propensi a trattenerle, il che a sua volta ci rende più rigidi a nuove e potenzialmente contraddittorie prove che potrebbero dirci di andare in una direzione diversa. Infine, l'idea di feticizzazione ci acceca di ciò che è veramente importante, in realtà facendo qualcosa di utile con l'idea! Le idee sono facili, l'esecuzione è difficile.

La legge della banalità

L'autore britannico C. Northcote Parkinson è famoso per la sua "legge della trivialità", prima chiarito in un articolo satirico pubblicato nel 1957. Parkinson scrive di un comitato riunito per approvare piani per una centrale nucleare che invece passa la maggior parte del tempo a discutere un capanno per biciclette. Il comitato fittizio spreca così tanto tempo nel deposito della bicicletta perché le persone hanno più probabilità di avere un'opinione su cose che capiscono. Mentre pochi si sentono qualificati per parlare di energia nucleare, tutti possono mettere i loro due centesimi su un capanno per biciclette.

La banalità esercita il suo potere in altri modi. Abbiamo tutti, in un punto o in un altro, sentiti in errore da qualcuno che ha preso qualcosa da noi. Come un bambino che si rompe piangendo dopo che un altro bambino ha fatto scorrere il suo pastello, noi reagiamo di riflesso, a volte con forte emozione, prima di riconoscere la banalità della situazione.

Forse le reazioni infantili più violente vengono dai leader del pensiero. Mentre i risultati aziendali possono essere misurati con il denaro, il credito per le idee come proprietà è più difficile da quantificare e la lotta per questo credito può far emergere il peggio nelle persone. Ho perso il conto delle volte in cui ho sentito qualcuno screditare un collega accademico o industriale come un hacker, un ciarlatano o un ladro di idee. Come ha affermato il politologo Wallace Sayre, "In ogni disputa l'intensità del sentimento è inversamente proporzionale al valore delle questioni in gioco." Quindi discutiamo di più sulle cose che contano meno.

Quando si è trattato del mio tema, mi sono reso conto che avevo lavorato su niente. La mia risposta è sembrata ancora più ridicola se si considera che sia Mele (l'autore del New York Times) sia io abbiamo citato le idee di altre persone per esprimere i nostri punti.

Avrei dovuto essere contento di aver scritto qualcosa che una pubblicazione come quella del New York Times riteneva fosse importante. Quando ho controllato Twitter dopo aver pubblicato il mio post, ho notato un gentile tweet di Mele: "@nireyal Blog e post molto interessanti oggi. Mi spiace che tu abbia "scoopato" ma non diminuisca le informazioni che hai trasmesso. "

Nella vita, ci sono molti pastelli con cui colorare. Il bambino saggio trova felicemente nuovi modi per creare qualcosa di originale.

Potrebbe piacerti anche leggere …

  • "Pensare diversamente" è un cattivo consiglio
  • Le persone non vogliono qualcosa di veramente nuovo, vogliono che il familiare sia fatto diversamente.
  • Ecco perché odierà l'Apple Watch (e l'importante lezione di business che devi conoscere)

Nir Eyal è l'autore di Hooked: come creare prodotti di formazione di abitudini e blog sulla psicologia dei prodotti di NirAndFar.com. Per ulteriori approfondimenti su come cambiare il comportamento, iscriviti alla sua newsletter gratuita e ricevi un libro di esercizi gratuito.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su NirAndFar.com.

Solutions Collecting From Web of "Cosa fai quando qualcuno "ruba" la tua stupenda idea?"