Cosa dovresti pensare quando litighi con il tuo partner

Anni fa ho parlato con un paziente che, alla vigilia del suo matrimonio, ha ricevuto alcuni consigli imprevisti. "Vuoi sposarti e vuoi farlo funzionare?" Aveva detto un vecchio amico di famiglia. "Devi chiedertelo, ogni volta che litighi con tua moglie, cosa ti costerà?" A tutte le apparenze, sembrava minaccioso. Ma questa offesa, nota osservazione, che ho sentito quando ero appena iniziato come terapeuta, alla fine è diventata parte del modo in cui pratico il trattamento di coppia, e qualcosa che cito ai miei pazienti tutto il tempo.

Il signore più anziano che ha pronunciato questo consiglio parlava di conflitto coniugale, che ovviamente è inevitabile. Trascorri abbastanza tempo con il tuo coniuge e scoprirai esattamente quali tra i tuoi tratti personali sono i meno appetibili per lui o lei. Questo non è un pensiero cinico o un commento sul valore del matrimonio: è una matematica semplice. Non esistono due persone che condividono ogni convinzione, in ogni stile di interazione con il mondo. Quindi, quando sei coinvolto in una lotta con tuo marito o tua moglie, e ti ritrovi a restare attaccato alle tue pistole, determinato a dimostrare che hai ragione o ad estrarre quell'ultima concessione: è il momento giusto per chiedertelo, che cosa farà ti è costato?

Che cosa costerebbe esattamente, solo questa volta, essere sbagliato? Quanto sarebbe difficile? Quanto hai bisogno di sacrificare per vedere il problema dal punto di vista di tua moglie, o di tuo marito – per chiudere la bocca e smettere di litigare, anche se pensi ancora che tu abbia ragione? Vale la pena il piccolo urto di orgoglio per urlare il tuo partner, mentre allo stesso tempo stai anche stabilendo una nuova brutta modalità di comunicazione tra te, e consolidando l'abitudine di comunicare il disaccordo attraverso la rabbia, piuttosto che parole attente o moderate? Se tu sapessi che presto sentirai lo stesso disprezzo e derisione che ti viene dal tuo partner, saresti comunque felice di usare questo tono per ottenere quello che vuoi?

Chiedendo a te stesso "cosa ti costerà?", Si scopre, è una scorciatoia a quella che a volte chiamo distanza critica interna – quello che lo psicologo di gruppo Louis Ormont avrebbe definito "l'ego osservatore". Con questo intendo quella componente interiore di te stesso che guarda e guarda semplicemente, come una macchina fotografica, tutte le azioni che fai, tutto ciò che dici e tutto ciò che fai. Con questa abilità, puoi sviluppare la capacità di esaminare le tue parole prima di dirle. In un matrimonio, ogni partner ha bisogno di prendere in considerazione i suoi pregiudizi, le sue carenze personali e le sue limitazioni, tutto nel rispetto della relazione. Sviluppare una consapevolezza critica e neutrale delle tue azioni può aiutarti a fermarti quando stai per urlare, o prendere un momento per riflettere quando stai per lanciare un insulto che non sarai in grado di riprendere.

In psicoterapia, se i miei pazienti possono imparare a prendere su di sé una prospettiva compassionevole e riflessiva, allora saranno in grado di fermarsi per un momento di auto-riflessione prima di esprimere le proprie emozioni o di impegnarsi in comportamenti impulsivi. Lo stesso critico interno neutrale può aiutare le persone sposate a lavorare attraverso alcuni dei problemi che loro stessi stanno creando, o almeno contribuendo, nei momenti di tensione nelle loro relazioni. In parole povere, non ti costa molto prendere in considerazione le tue parole più attentamente mentre stai litigando con il tuo coniuge, ma alla fine potresti risparmiare un sacco di angoscia.

Solutions Collecting From Web of "Cosa dovresti pensare quando litighi con il tuo partner"