Cosa è diventato di Genius?

All'inizio del XXI secolo, il talento sembra essere in aumento, il genio in diminuzione. Più scienziati, scrittori, compositori e artisti che mai guadagnarsi da vivere con la loro produzione creativa. Nel corso del 20 ° secolo, gli standard e le registrazioni delle prestazioni sono continuamente migliorati in tutti i campi, dalla musica e il canto agli scacchi e agli sport. Ma dov'è il Darwin o l'Einstein, il Mozart o il Beethoven, il Cechov o lo Shaw, il Cézanne o il Picasso o il Cartier-Bresson di oggi?

Nel cinema, il più giovane delle arti, c'è una crescente sensazione che i giganti – registi come Charles Chaplin, Akira Kurosawa, Satyajit Ray, Jean Renoir e Orson Welles – siano usciti di scena, lasciandosi dietro il semplice talento. Anche nella musica popolare, il genio della qualità di Louis Armstrong, The Beatles o Jimi Hendrix, sembra essere una cosa del passato. Certo, potrebbe essere che i geni del nostro tempo debbano ancora essere riconosciuti – un processo che può richiedere molti decenni dopo la morte di un genio – ma purtroppo sembra improbabile, almeno per me.

Nel dire questo, so di essere in pericolo di cadere in una mentalità menzionata dal grande esploratore e polimatico sudamericano del 19 ° secolo Alexander von Humboldt, "l'Albert Einstein dei suoi tempi" (scrive un biografo recente), nel secondo volume di il suo sondaggio in cinque volumi Cosmos . "Le menti deboli credono compiaciuto che nella loro stessa epoca l'umanità abbia raggiunto il punto culminante del progresso intellettuale", scrisse Humboldt a metà del secolo, "dimenticando che per la connessione interna esistente tra tutti i fenomeni naturali, in proporzione man mano che avanziamo, il campo da attraversare acquista ulteriore estensione, e che è delimitato da un orizzonte che si allontana incessantemente davanti agli occhi dell'inquirer ».

Humboldt aveva ragione. Ma l'immagine del suo esploratore implica sicuramente anche che, mentre la conoscenza continua ad avanzare, un individuo avrà il tempo di indagare su una proporzione sempre più piccola dell'orizzonte con ogni generazione che passa, perché il campo si espanderà continuamente. Quindi, se "genio" richiede ampiezza di conoscenza, una visione sinottica – come sembra – allora sembrerebbe diventare più difficile da raggiungere con l'avanzare della conoscenza.

La sempre crescente professionalizzazione e specializzazione dell'educazione e dei domini, specialmente nelle scienze, è innegabile. L'ampiezza dell'esperienza che alimenta il genio è più difficile da ottenere oggi rispetto al 19 ° secolo, se non addirittura impossibile. Se Darwin fosse stato richiesto di fare un dottorato di ricerca nella biologia dei cirripedi, e poi si unì a un dipartimento universitario di scienze della vita, è difficile immaginare che avesse le varie esperienze e l'esposizione a diverse discipline che portarono alla sua scoperta della selezione naturale. Se il ragazzino Van Gogh fosse andato direttamente a un'accademia d'arte a Parigi, invece di passare anni lavorando per un mercante d'arte, cercando di diventare un pastore e autodidandosi nell'arte mentre abitava tra i contadini olandesi poveri, avremmo il suo ritardo? efflorescenza di grande pittura?

Una seconda ragione per la diminuzione del genio sembra essere la sempre crescente mercificazione delle arti, manifestata nel culto della celebrità. La vera originalità richiede tempo, almeno dieci anni, come mostro nel mio nuovo libro Improvviso Genio? Il percorso graduale verso le innovazioni creative – per giungere a buon fine; e i risultati potrebbero richiedere più tempo per trovare il loro pubblico e mercato. Pochi artisti principianti, o scienziati, saranno abbastanza fortunati da godere di un sostegno finanziario, come Darwin e Van Gogh, per un periodo così esteso. È molto meno stimolante e più remunerativo fare una carriera producendo lavori imitativi, sensazionali o ripetitivi, come Andy Warhol, o un numero qualsiasi di scienziati professionisti che, come ha osservato Einstein, "prendi una tavola di legno, cerca la sua la parte più sottile e praticare un gran numero di fori quando la perforazione è facile. "

In terzo luogo, se meno ovviamente, le nostre aspettative sul genio moderno sono diventate più sofisticate e discriminanti dai tempi del movimento romantico del XIX secolo, in parte come risultato dei progressi del XX secolo in psicologia e psichiatria. I 'capelli lunghi, i grandi cappelli neri, mantelle e mantelli' dell'eroe vittoriano in buona fede, ironicamente menzionati da Virginia Woolf, sono ora pezzi d'epoca, nascondendo complessi psicologici più che geniali.

C'è anche l'antitelitismo Zeitgeist da considerare. Genius è un'idea che invita l'attacco di scettici scientifici e livellatori culturali. Nel 1986, lo psicologo Robert Weisberg pubblicò un libro breve e leggibile con il titolo Creatività: Oltre il mito del genio: Ciò che tu, Mozart, Einstein e Picasso hanno in comune . Forse il secondo sottotitolo è stato scelto dall'editore promettente (che ha ristampato il libro nel 1993), piuttosto che dall'autore. Ad ogni modo, incapsula un desiderio diffuso di vantare il genio mentre contemporaneamente lo abbassa a dimensioni normali. Una striscia di fumetti pubblicata su Scientific American durante il centenario delle scoperte di Einstein del 1905 ha parodiato questo paradosso con uno schizzo di un libro intitolato The Einstein Diet intitolato: "Che cosa ha mangiato questo mega-genio? Leggi questo libro e scopri i segreti dell'alimentazione di Albert. " Un colpo a $ 84,99.

Il genio non è un mito ed è degno delle nostre aspirazioni. Ma è un costo per l'individuo, espresso nella regola dei dieci anni, che la maggior parte di noi non è in grado o non è disposto a pagare. Non ci sono scorciatoie per diventare un genio. Le conquiste raggiunte dai geni non hanno comportato magia o miracoli. Erano il lavoro della grinta umana, non il prodotto della grazia sovrumana. Da questa verità sul genio possiamo sicuramente derivare sia la forza che lo stimolo per la nostra vita e il nostro lavoro, se vogliamo sinceramente.

Solutions Collecting From Web of "Cosa è diventato di Genius?"