Cosa distingue Erotica dalla pornografia?

Le Temple Kandariya Mahadeva / Flickr
Fonte: Le Temple Kandariya Mahadeva / Flickr

Anche se generalmente mi piace ricercare un argomento prima di scriverlo (per essere sicuro di essere completamente "informato"), per questo post ho evitato di proposito di farlo. Perché? Bene, alla fine, tutta quest'area mi sembrava così soggettiva – i criteri usati per distinguere tra l'erotico e il pornografico così intriso di valori morali, estetici e religiosi personali – che temevo di immergermi nella letteratura controversa per finire "diluire" il mio punto di vista Anche se molte persone considerano questi due orientamenti alla sessualità umana come sovrapposti (e alcuni anche identici), li vedo come esistenti su piani essenzialmente diversi. E in questo breve saggio cercherò di spiegare perché.

Non è una coincidenza che quando gli studiosi riflettono sull'erotismo nelle belle arti, spesso considerano la forma umana come l'artista l'ha idealizzata più o meno. Sia che il mezzo visivo sia il disegno, l'incisione, la litografia, la pittura, la scultura, la fotografia o il film, vedono il creatore come un tentativo di catturare una certa bellezza quasi indicibile dell'anatomia umana o dell'atto di amore. E poiché la percezione stessa della bellezza – o ciò che è estetico – è in definitiva soggettiva, sono generalmente consapevoli che il senso del bello di un artista potrebbe essere in realtà un altro o semplice. Inoltre, possono apprezzare che la percezione della bellezza di un artista potrebbe avere tanto a che fare con l'attrattiva interiore , il fascino o la bellezza che con qualsiasi fascino esteriore o seduttività. Ciò che è lodevole potrebbe non essere affatto "profondo".

Helmut Newton, ritratto di Bridget Bardot

L'elemento chiave qui non è se la composizione del viso o della figura sia anatomicamente corretta, o se lo stile dell'oggetto d'arte sia realistico, impressionistico, espressionista o qualsiasi altra cosa. Se il lavoro è stato eseguito in modo erotico, generalmente si presume che il creatore abbia considerato l'argomento come lodevole. Qualcosa di cui godere, celebrare, esaltare, glorificare. . . . E in questo senso, l'erotismo e l'estetica si fondono.

Per non dire che il lavoro dell'artista – simile alla pornografia – non è anche evocativo. Ma, a differenza della pornografia, non fa appello esclusivamente ai nostri sensi o ai nostri appetiti carnali. Impegna anche il nostro senso estetico, il nostro giudizio su come questa o quella figura illustrino un ideale di bellezza umana. Il rendering può rasentare l'astratto o essere reale come una fotografia non toccata. Può essere in bianco e nero oa colori. Maschio o femmina. Gli umani ritratti possono essere contemporanei e reali, antichi o mitici. Ciò che alla fine determina l'erotismo del lavoro è come l'artista (o, per quella materia, autore o compositore) si avvicina al loro soggetto.

Tutta l'arte è interpretativa, così come ciò che viene percepito come erotico è interpretativo. E se l'erotismo rappresenta una sorta di bellezza – sebbene di un tipo più provocante e provocatorio, e che possa generare un certo desiderio o desiderio – allora le opere erotiche possono essere viste come un "sottoinsieme" di arte in generale. E se gli artisti non vedono i loro soggetti come belli erotici – non tradiscono in alcun modo il loro amore (persino l'adorazione lussuriosa) per loro – è improbabile che anche tu sia così commosso. Ma supponendo che le loro intenzioni creative siano state realizzate, si può essere resi al corrente di una gioiosa sensualità che si sente allo stesso tempo eccitante e arricchente.

Renoir, The Bathers

C'è sostanzialmente più sovrapposizione tra l'estetica e l'erotico che l'erotico e il pornografico. Indiscutibilmente, l'erotismo e la pornografia presentano entrambi l'organismo umano in un modo sessualmente avvincente. Ma lo scopo del pornografo non è di aiutare il suo pubblico (molto probabilmente il suo) a rallegrarsi nella forma umana, o in qualche modo a onorare l'intimità fisica o le gioie della carne. Piuttosto, l'obiettivo (di solito lasciare poco o nulla all'immaginazione) è "accendere" lo spettatore. È meno evocativo o suggestivo di esibizionista. L'obiettivo sfacciato è semplice e diretto: titillazione e immediata eccitazione (saltare i preliminari, per favore!). O, per dirla in modo ancora più esplicito, un'istantanea agitazione dei genitali.

Mapplethorpe, Nudo

Certo, l'erotico potrebbe finire per avere lo stesso effetto. Tuttavia, l'ideale dietro l'erotica è di trascendere il suo soggetto letteralmente provocatorio – aggiungere una terza dimensione, se vuoi. Nell'aspirare a celebrare le varietà della beatitudine sessuale e il desiderio universale dell'unione carnale (che, nel profondo, potrebbe solo portare suggerimenti del divino), l'erotista cerca di ritrarre una visione del pulchritude umano e della potenziale estasi che gli esseri umani – attraverso l'unione sessuale-può condividere. Uno che non invecchierà o diventerà vecchio nel tempo (come fanno generalmente le immagini pornografiche).

Inoltre, con la pornografia, è fondamentalmente "il sesso in vendita". Gli artisti perseguono l'erotismo, penso, mentre perseguono la bellezza. Può vendere, ma se il loro obiettivo è veramente quello di trasmettere ciò che apprendono come quasi etereo nella sua seducente sensualità (vale a dire, è arte raffinata piuttosto che arte commerciale ), allora il valore monetario del lavoro deve rimanere una considerazione secondaria per loro. I pornografi, d'altro canto, sono molto meno motivati ​​dal desiderio di rappresentare fedelmente ciò che possono (o non possono) considerare bello o estetico. Piuttosto, la loro impresa è concepita per "produrre" ciò che loro credono trasformerà il più grande profitto possibile.

Oltre al fatto che la pornografia è principalmente un'impresa produttrice di moneta, la stessa parola pornografia ( o meglio, porno) connota quasi invariabilmente un certo sfruttamento – a volte degrado o profanazione – della sessualità umana. Molti scrittori (in particolare le femministe) si sono giustamente lamentati del fatto che la pornografia, oggettivando le donne, li riduce a oggetti sessuali il cui valore fondamentale è soddisfare i bisogni bisognosi di un uomo.

Ma credo che in realtà faccia molto di più. Perché vedo letteratura, canzoni, immagini o film pornografici come inevitabilmente a basso costo – per entrambi i sessi – l'intera esperienza dell'intimità fisica. Prende atti che possono esprimere affetto, amore, adorazione o anche profonda cura e li disumanizza in qualcosa di animalesco. Gli atti che combinano l'amore con la concupiscenza, che possono dare valore a dare tanto quanto gli atti riceventi in cui il piacere del nostro partner può essere tanto importante quanto il nostro, vengono "meccanizzati" in meri sbocchi per alleviare lo stress o la tensione sessuale. Ciò che noi umani aspiriamo a rendere quasi spirituali è derogato a un exploit quasi barbarico nella sua mancanza egoistica di cura e preoccupazione. La pornografia è letteralmente una relazione sessuale.

Se l'erotico celebra la sessualità, ponendola su un altopiano sopra ogni atto essenzialmente di masturbazione, allora può essere vista come divergente marcatamente dal pornografico. La pornografia propone una "correzione" temporanea per le nostre frustrazioni sessuali; l'erotismo ci offre qualcosa di più sfuggente, un'opportunità per provare la gioia sensuale di un ordine superiore.

Qualcosa, forse, come guardare (si spera, non scherzando!) Alla statua fisicamente attraente della giovinezza di David, David, e – anche mentre stiamo reagendo alla sua accattivante rappresentazione della sensualità nuda – allo stesso tempo sentirsi sollevati dalla vista. Al contrario, la pornografia indirizza il suo appello ai nostri più selvaggi istinti carnali, il suo ritratto della carne umana calcolato per suscitare i nostri appetiti più primitivi.

Non che la pornografia possa non rivelare un certo interesse per la bellezza, ma solo nella misura in cui serve ad aumentare il fascino sessuale. Ovviamente, la bellezza umana può avere dimensioni estetiche e sensuali, ma lo scopo di creare artisticamente tale bellezza (anziché impiegarla per ottenere fini materialistici) è esprimere qualcosa di rivelatore, qualcosa che ci permetta di vedere e sperimentare cosa, nella realtà quotidiana , è tutto troppo raro. Al contrario, la pornografia non rende tanto omaggio ai desideri universali come "capitalizzare" su di essi.

Infine, ciò che distingue l'erotismo dal pornografico non è se esso sia esplicito o meno esplicito, delineando graficamente l'intera gamma di atti sessuali. Perché, storicamente, l'erotica si è appena astenuta dal raffigurare genitali maschili e femminili, o semplicemente qualsiasi atto sessuale (o posizione!) A cui si possa pensare, e non solo con gli eterosessuali, ma anche con gay e lesbiche.

Modigliani, Nudo

Né è la distinzione se lo stimolo visivo, scritto o persino musicale si appelli al nostro interesse più pruriginoso.

No, ciò che in generale separa l'erotismo dal pornografico è un atteggiamento nei confronti del sesso e della sessualità umana che può essere dedotto dal guardare (oserei usare la parola "oggettivamente"?) Sul prodotto finito. Se i soggetti sono ritratti in un modo che si concentra sulla loro luminosità interiore ed esteriore, sulla loro vitalità carnosa, e il lavoro stesso sembra manifestare un'affascinante e potente affermazione della vita e dei piaceri di questo mondo, allora penso che stiamo parlando di erotismo . Se, tuttavia, i soggetti sembrano ridotti a così tante parti del corpo, se una bellezza appare subordinata allo scopo principale dell'eccitazione, se il sesso raffigurato sembra depersonalizzato, controllante, non mutuo e privo di divertimento o gioco (ma sembra piuttosto di "Mettersi al lavoro" e "scendere") – e se gli atti del sesso nella foto non contengono un accenno di affetto umano o di connessione emotiva con loro – questo, per me, sicuramente garantirebbe il posto del lavoro nel regno della pornografia.

NOTA: Non è una coincidenza che ho evitato di includere in questo post immagini che verrebbero viste come pornografiche. Certamente, non volevo offendere i redattori di Psychology Today (che senza dubbio si sarebbero sentiti in obbligo di rimuoverli!). Né ho voluto, gratuitamente, offendere i lettori di questo pezzo (anche se probabilmente altri avrebbero applaudito il gesto!).

E questa è l'ultima cosa che riguarda la pornografia: quasi tutti noi evitiamo di rendere pubblico qualsiasi interesse che potremmo avere in esso. Intuitivamente, riconosciamo che è alquanto rozzo, sgradevole, insipido e pacchiano. Non è semplicemente che si sente in qualche modo illecito o sporco, ma che sembra anche un po '"cattivo" – mentre con una bella donna che capita anche di proiettare un immenso erotismo (notare il ritratto di Helmut Newton di Bridget Bardot), lo spettatore (probabilmente maschio !) potrebbe effettivamente essere "acceso", ma a un certo livello si sarebbe anche reso conto che la sensualità che la fotografia cattura così straordinariamente è, beh, "classica".

Botticelli, The Birth of Venus (particolare)

Apprezzo i tuoi commenti su questo argomento estremamente controverso. Non importa quanto duramente ho cercato di evitarlo, sono sicuro che la mia discussione abbia in qualche modo semplificato l'argomento. Dopotutto, qual è l'erotica di un individuo potrebbe essere la pornografia di un altro. . . e viceversa. E ciò che è invitante o eccitante per una persona – poiché sembra mostrare dinamicamente l'ethos di Eros, o la Forza vitale – può ancora essere offensivo, osceno e ripugnante per un altro. Quindi ti invito ad esprimere i tuoi pensieri in merito. Qualunque cosa siano, garantisco che avranno la loro validità (soggettiva).

NOTA 1: Se potessi riferirti a questo post e pensare che potrebbero esserlo anche altri, per favore considera di inoltrare il suo link.

NOTA 2: se desideri controllare altri post che ho fatto su Psychology Today online, su una vasta gamma di argomenti psicologici, fai clic qui.

© 2011 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Per ricevere una notifica ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook-così come su Twitter, dove, in aggiunta, puoi seguire le mie riflessioni psicologiche e filosofiche spesso non ortodosse.

Solutions Collecting From Web of "Cosa distingue Erotica dalla pornografia?"