Cosa dicono le dita della tua vita prenatale?

Quando ho iniziato questo blog, ho pensato che questo sarebbe stato un buon posto per dare un po 'di aria ai miei animaletti. Questo post parla di uno di questi. Per un certo numero di anni, ho visto documenti che utilizzano il rapporto tra la seconda cifra e la quarta cifra (rapporto 2D: 4D) negli esseri umani come misura dell'esposizione prenatale al testosterone (T), con l'idea che un rapporto più piccolo significhi più T. prenatale Ovviamente, quel rapporto tende ad essere più piccolo nei maschi.

Molti autori hanno dato per scontata questa associazione dal momento che la nozione è stata presentata da Manning et al. (2003), al punto che alcuni sembrano considerare questa misura come un riflesso diretto della T prenatale, quando è, nel migliore dei casi, una misura indiretta. In ogni caso, da allora, i ricercatori hanno mostrato una correlazione tra il rapporto 2D: 4D e una pletora di misure e tratti che vanno dalle abilità di rotazione mentale a empatizzare / sistematizzare (vedi il mio post su "Sessualità del cervello autistico"). Tali risultati sono stati quindi interpretati come riflettenti una connessione T prenatale. Ad esempio, una di queste conclusioni potrebbe essere che gli omosessuali tendono ad avere un rapporto 2D: 4D più elevato rispetto agli individui eterosessuali, quindi la bassa T prenatale contribuisce all'omosessualità (ad esempio, Putz, Gaulin, Sporter e McBurney, 2004).

Da quando l'ho incontrato per la prima volta, ho avuto problemi con questo tipo di ragionamento. Dal mio punto di vista, il ragionamento sembra essere il seguente: si trova una correlazione tra T prenatale (chiamiamola variabile A per semplificare la discussione) e si trova in correlazione con il rapporto 2D: 4D (variabile B). Quindi, abbiamo una correlazione tra A e B. Quindi, troviamo una correlazione tra la variabile B e qualcos'altro (variabile C), e deduciamo che questo riflette una correlazione tra A e C, anche se non abbiamo mai misurato A. Questo è problematico per una serie di motivi. In particolare, questa affermazione ignora la possibile influenza di variabili estranee in questa relazione e la correlazione potrebbe essere spuria (cioè, a causa di un'altra variabile). Ad esempio, il rapporto 2D: 4D è anche correlato al sesso. Tuttavia, c'è molto di più che definisce il "sesso" rispetto agli ormoni. In realtà, le differenze tra i sessi in 2D: il rapporto 4D potrebbe semplicemente derivare dalle differenze di sesso nella dimensione complessiva della mano. Non credo che questo sia mai stato verificato, anche se sembra che gli uomini tendano ad avere mani più grandi delle donne (Peters, Mackenzie e Bryden, 2002). Inoltre, ci sono molte altre influenze in-utero che possono influenzare vari tratti fisici e psicologici più avanti nella vita. La dieta prenatale, la quantità di esercizio fisico, il consumo di droghe e il livello di stress sperimentato dalla madre sono solo alcuni esempi.

Un modo migliore per illustrare la questione concettuale al lavoro qui è considerare il fatto che alcuni ricercatori hanno riportato un collegamento tra la manualità e lo stress alla nascita (lo stress maggiore è legato alla mancata disponibilità). Da questa constatazione, si potrebbe mai affermare che uno studio che studia la relazione tra la manualità e la rotazione mentale utilizzi la manualità come strumento per lo stress del parto? Ovviamente no! Pertanto, in modo simile, non è più possibile affermare che possiamo utilizzare il rapporto 2D: 4D come proxy per i livelli T, in base a una correlazione tra i livelli T prenatali e il rapporto 2D: 4D. Ciò è aggravato dal fatto che la correlazione di base tra androgeno e il rapporto di cifre è spesso piccola. Ad esempio, Manning et al. (2003) hanno riportato una correlazione di 0,29 tra il numero CAG (che riflette essenzialmente la reattività degli androgeni) e il rapporto, e solo per la mano destra (la correlazione era solo 0,007 per la mano sinistra!). La correlazione di destra rappresenterebbe solo l'8,8% della varianza, lasciando molto spazio per altre variabili, come accennato in precedenza.

Ho usato questo tipo di argomenti per anni senza arrivare da nessuna parte con autori o editor. Mi stava facendo impazzire! Poi, mi sono imbattuto nella meta-analisi pubblicata da Voracek (2014). Quando ho trovato questo documento, ha reso la mia giornata! Questo autore ha condotto una metanalisi completa degli studi che hanno esaminato le correlazioni tra varianti del gene del recettore degli androgeni e il rapporto 2D: 4D. Considerando queste varianti geniche insieme al rapporto della mano destra, al rapporto della mano sinistra e alla differenza sinistra-destra, ha trovato quella che chiamava un'associazione nulla, basata su una correlazione complessiva di .045 per la mano destra, .034 per la mano sinistra, e .019 per la differenza.

In sostanza, non esiste una connessione come quella ipotizzata tra T prenatale e rapporto 2D: 4D. La tabella 1 dell'articolo di Voracek è piuttosto rivelatrice in quanto mostra che solo due degli studi hanno prodotto una correlazione significativa, con Manning et al. studio menzionato prima producendo la più grande correlazione mai osservata! In sostanza, possiamo concludere che il rapporto 2D: 4D potrebbe riflettere qualcosa, ma quella cosa non sono sicuramente i livelli T prenatali. Ciò mette in dubbio tutte le ricerche che hanno utilizzato il rapporto come misura surrogata per la T prenatale e la correlazione osservata tra il rapporto 2D: 4D e qualsiasi altra cosa a cui potevano pensare. Voracek ha molto da dire (comprese le critiche degne di nota di una simile meta-analisi pubblicata da Hönekopp, 2013) e lo raccomando decisamente come una carta importante da leggere. La conclusione più sconcertante che traggo dall'articolo di Voracek è che l'originale Manning et al. i risultati non erano replicabili, ma tutti coloro che hanno citato le loro ricerche per supportare l'uso del rapporto 2D: 4D come proxy per la T prenatale hanno interpretato questi risultati come una scoperta consolidata. In effetti, Voracek riporta anche prove di un pregiudizio di citazione a favore degli studi che mostrano grandi effetti rispetto a quelli non significativi. Immagino che questo sia un monito per tutti noi che dovremmo sempre rimanere critici, assicurare la replica dei risultati della ricerca ed esaminare la letteratura a fondo prima di dare per scontato un risultato.

Tutto sommato, sembra che io abbia ragione nel ritenere che le associazioni segnalate di variabili cognitive o psicologiche con il rapporto 2D: 4D siano dovute a una terza variabile, non a T. prenatale. È così bello avere ragione una volta ogni tanto ! Grazie, Martin Voracek!

In conclusione, tornando alla domanda con cui abbiamo iniziato: cosa dicono le tue dita sulla tua vita prenatale? La risposta è: niente per quanto riguarda i livelli di T!

Riferimenti

Hönekopp, J. (2013). Nessuna prova che 2D: 4D sia correlato al numero di ripetizioni CAG nel gene del recettore degli androgeni. Frontiere in Endocrinologia, 4 , 185.

Manning, JT, Bundred, PE, Newton, DJ e Flanagan, BF (2003). Il rapporto tra la seconda e la quarta cifra e la variazione nel gene del recettore degli androgeni. Evoluzione e comportamento umano, 24 , 399-405.

Peters, M., Mackenzie, K., & Bryden, P. (2002). Modelli di estensione delle dita e distali delle dita nell'uomo. American Journal of Physical Anthropology, 117 , 209-217.

Putz, DA, Gaulin, SJC, Sporter, RJ, e McBurney, DH (2004). Ormoni sessuali e lunghezza delle dita: cosa indica 2D: 4D? Evoluzione e comportamento umano, 25 , 182-199.

Voracek, M. (2014). Nessun effetto del gene del recettore degli androgeni CAG e GGC ripetere il rapporto tra polimorfismi e cifre (2D: 4D): una metanalisi completa e una valutazione critica della ricerca. Evoluzione e comportamento umano, 35 , 430-437

Solutions Collecting From Web of "Cosa dicono le dita della tua vita prenatale?"