Cosa devo fare se il mio amico ha un disturbo alimentare?

"Che cosa faccio se penso che il mio amico abbia un disturbo alimentare?" In tutti i workshop psicoeducativi che ho condotto con gli adolescenti, viene posta questa domanda. Con la crescente prevalenza di disordini alimentari in tutte le fasce di età, c'è una buona probabilità che almeno un adolescente del gruppo abbia un amico con anoressia o bulimia. (In questo post, rivolgo specificamente questa domanda quando viene chiesto ai gruppi scolastici, tuttavia molte delle informazioni possono essere utilizzate con tutte le fasce d'età, maschi e femmine.)

Questa è in realtà una domanda in due parti. La prima parte è: come si esprimono le preoccupazioni per il disturbo alimentare percepito da un amico e incoraggiato / a cercare aiuto? Il secondo componente è:
una volta che un amico è in cura, come si sostiene lei / lui attraverso quello che è spesso un processo di trattamento molto difficile?

In risposta alla prima parte, a volte faccio un gioco di ruolo con il gruppo. Suggerisco all'amico interessato di scegliere un momento tranquillo e di collocarlo dove ci sono poche distrazioni, dove è sicuro che l'amico interessato esprima i propri sentimenti e preoccupazioni e dove l'adolescente che potrebbe avere un disturbo alimentare si senta sicuro di rispondere.

Cerca di esprimere le tue preoccupazioni non solo in termini di peso e cibo, ma anche in termini di come hai notato che il comportamento e gli stati d'animo del tuo amico sono cambiati. Ciò può aiutare l'adolescente malato a vedere che il suo comportamento alimentare, che si tratti di limitare l'assunzione, di abbuffarsi e di purgare, la sta colpendo in molti modi, non solo nella sua assunzione di cibo. I disturbi alimentari non riguardano solo il peso e il cibo, ma influenzano tutte le aree della vita del malato, comprese le sue relazioni con amici e familiari.

In modo non giudicante e calmo, usa le affermazioni "I". Ad esempio, invece di affermare: "Sembri troppo magra". Prova, "Apprezzo la nostra amicizia" o, "Intendi molto per me e ho notato che non ti piace più fare cose dopo la scuola. Non vieni più alle feste. Mi manca stare seduta con te nella caffetteria all'ora di pranzo. Sono preoccupato. C'è qualcosa di sbagliato?"

Il tuo amico può rispondere in diversi modi. Se ti dice che è arrabbiata per qualcosa e non sa come affrontarla o ha paura di parlarne, puoi offrirti di accompagnarla a parlare con un adulto. L'adulto potrebbe essere un genitore, un insegnante o un consulente scolastico, che può aiutarla a ottenere un aiuto professionale.

Un risultato più probabile è che diventerà sulla difensiva e negherà che tutto sia sbagliato. Potrebbe arrabbiarsi, dicendoti che va tutto bene. Lei potrebbe dire: "Niente è sbagliato. Non ho avuto molta fame ultimamente. "Oppure potrebbe dire:" Sei solo geloso della mia magrezza e che mi sto inserendo in una dimensione zero ". Ci sono buone probabilità che ti spinga via.

Cerca di non lasciare che la discussione degeneri in una discussione accesa. In risposta alla sua negazione, potresti dire: "È solo che mi importa di te e voglio che tu sia sano. Se cambi idea e vuoi parlare, sono qui. "Cerca di non prendere la sua reazione, che si tratti di rabbia, diniego o rifiuto, personalmente poiché tutte queste reazioni fanno spesso parte del disturbo alimentare. Non arrenderti.

Attendi qualche giorno o una settimana al massimo e risolle il problema ancora una volta. Se continua a negare che c'è un problema e risponde in modo simile, cerca un adulto di cui ti fidi e esprimi le tue preoccupazioni.

Di solito non è utile avvicinarsi ai genitori del malato da solo. Vai con un altro adulto o se ti senti a disagio, lascia che l'adulto vada da solo. Può essere molto difficile per i genitori ammettere che il loro bambino ha un problema. Anche i genitori possono rispondere negando o rabbia, specialmente quando è il pari dei loro figli a dirgli del problema. Potrebbe essere più facile per i genitori sentir parlare della malattia del loro bambino da un altro adulto, sebbene anche questo sia doloroso.

Quando il tuo amico scopre che tu o un adulto avete parlato con i suoi genitori, potrebbe arrabbiarsi con voi. Può sentire che l'hai tradita e che non può più fidarsi di te. Niente è più lontano dalla verità. Quando si è in preda a un disturbo alimentare, prima si ottiene un aiuto, maggiori saranno le possibilità di recupero e meno la sua crescita fisica ed emotiva sarà interrotta. Quanto prima un malato ottiene aiuto, tanto meno il disturbo alimentare diventerà cronico o addirittura fatale. Sei un vero amico!

Speriamo che il malato riceverà un aiuto professionale. Una volta che lo fa, come puoi sostenerla? Da adolescenti, puoi avere la tua età, le opportune lotte evolutive, come la spinta e l'attrazione per l'individuazione e la separazione, per trovare la tua identità e il posto all'interno del tuo gruppo di pari e per negoziare le tue relazioni con i compagni e la famiglia. Puoi essere un buon ascoltatore e sostenere il percorso di recupero della tua amica senza affrontare le sue difficoltà.

Il recupero da anoressia o bulimia può sembrare di spingere un masso su una montagna. Il malato ha sviluppato la malattia per far fronte a conflitti interiori e stress. Ora ha bisogno di imparare altri modi per esprimere se stessa e come affrontare questi stress. Spesso è un periodo di paura, ansia, tristezza e dubbio. Non è mai un percorso uniforme e costante. C'è spesso un movimento avanti e indietro.

Siate consapevoli del fatto che anche una volta che il vostro amico è stato ristabilito e che il suo cibo si è stabilizzato, non è completamente guarita. Ci vuole molto più tempo per affrontare le lotte interiori che hanno portato alla malattia. La pazienza e la persistenza sono la chiave.

Sii lì con il tuo amico. Non puoi sapere esattamente come si sente, ma puoi ascoltarla e farle sapere che sei lì per lei attraverso la paura e l'ansia. Potrebbe essere lunatica e in lacrime. Tutto questo fa parte del processo lento e spesso estenuante. Incoraggia i suoi passi verso la salute mentale e fisica. Se lei è in un programma di degenza, chiamala, mandale una e-mail o, se possibile, visita. Se lei sta ricevendo un trattamento ambulatoriale e ha bisogno di mangiare uno spuntino extra a scuola, siediti con lei. Il recupero può sembrare un processo molto solitario. Falle sapere che non è sola.

Se la situazione fosse invertita, vorresti che il tuo amico fosse lì per te. Quindi sii lì con lei.

Quando parlo con gli adolescenti, a volte condivido la mia esperienza con i miei coetanei. Quando ho sviluppato l'anoressia al college, molti dei miei amici più intimi hanno espresso le loro preoccupazioni e ho esortato il mio a cercare un trattamento. Ho avuto un aiuto professionale, ma non era il trattamento giusto. La mia malattia divenne più forte. Ho limitato il mio mangiare ed esercitato di più, diventando ancora più consumato dall'anoressia. Sono sicuro che ho allontanato i miei amici perché non c'era più spazio per loro.

Non gliel'ho mai chiesto dopo, ma forse se i miei amici avessero capito che il mio comportamento era parte della malattia, mi sarebbero rimasti accanto quando alla fine ho accettato un programma di trattamento ospedaliero. Una volta entrato nel programma di degenza, i miei amici andarono avanti senza di me. Sembravano scomparire.

Quando tornai a scuola non avevo amici intimi. Mi sentivo molto isolato e solo. La transizione a scuola è stata difficile e non avevo i supporti terapeutici adeguati per aiutarmi ad affrontare le sfide. Senza questi supporti e senza alcun sostegno da parte degli amici, sono ricaduto in un meccanismo familiare ma letale, la mia anoressia.

L'anoressia è una malattia difficile da trattare e ci sono frequenti ricadute. È vero che anche con relazioni strette, potrei essere ricaduto. Tuttavia, è possibile che con un solo amico vicino, l'anoressia non avrebbe preso il posto di un migliore amico.

Solutions Collecting From Web of "Cosa devo fare se il mio amico ha un disturbo alimentare?"