Cosa devi davvero sapere su come individuare i bugiardi

Dubova/Shutterstock
Fonte: Dubova / Shutterstock

Quando cerchi di capire se qualcuno sta mentendo, quali segnali pensi che dovresti usare? Ci sono segni rivelatori attraverso i quali i bugiardi danno via le loro bugie?

Pensa alla tua risposta per un minuto.

La maggior parte delle persone risponde a questa domanda in modi simili: per esempio, molti pensano che i bugiardi distolgano il loro sguardo, o in primo luogo evitino completamente il contatto visivo. Pensano anche che i bugiardi si agitino e si spostino nei loro posti.

Il problema è che questi in realtà non sono molto utili all'inganno. I bugiardi non sono molto diversi dai veri scrutatori nella loro tendenza a guardarti negli occhi o agitarsi o spostarsi sui loro sedili. Ma questi fraintendimenti hanno portato a innumerevoli articoli e post sui blog che promettono di rivelare quali segnali si dovrebbero usare per capire quando qualcuno sta mentendo.

I ricercatori hanno condotto studi in cui cercano di migliorare il successo delle persone nel rilevare l'inganno, dicendo loro quali sono gli spunti su cui concentrarsi, ma ne è derivato ben poco. A volte gli studi riportano qualche miglioramento nel successo di individuazione di inganni, ma in genere non molto. Come per tutte quelle persone che leggono i resoconti dei media sui "segreti" del rilevamento degli inganni, probabilmente stanno ancora guardando oggi, perché nella vita reale, i suggerimenti che hanno letto sono stati probabilmente inutili.

Ci sono buone notizie e cattive notizie: la buona notizia è che le persone – la gente comune, non i professionisti formati – sono in realtà più intelligenti sugli spunti di inganno di quanto sembrino quando si chiedono di indicare gli indizi che dovrebbero usare.

In una massiccia analisi della ricerca disponibile riportata da Maria Hartwig e Charlie Bond alcuni anni fa, hanno esaminato i risultati di circa 19.000 persone che avevano partecipato a più di 100 studi sui loro giudizi sul fatto che altre persone mentissero o dicessero la verità. Ma invece di chiedere alle persone quali spunti pensavano di dover usare, i ricercatori che hanno condotto questi studi hanno fatto qualcosa di diverso: hanno mostrato alle 19.000 persone esempi di persone che mentivano o dicevano la verità, e hanno chiesto loro di indicare, per ogni esempio , se la persona parlava onestamente o no. I ricercatori hanno anche misurato il modo in cui si sono comportati i bugiardi e chi ha fatto la verità: hanno evitato il contatto visivo? Si sono agitati o si sono spostati nei loro posti? In tutti gli studi, sono stati tabulati decine di comportamenti. I ricercatori hanno anche valutato le impressioni trasmesse dai bugiardi e dai narratori di verità: sembravano competenti? Spontaneo? Ambivalente? Le loro storie sembravano plausibili?

Alla fine, cosa contava davvero per le 19.000 persone che cercavano di capire chi stava mentendo a loro? Ad esempio, quando un oratore ha distolto lo sguardo, le persone erano più propense a dire che la persona stava mentendo? Quando qualcuno si è astenuto dal fidarsi, le 19.000 persone erano più propense a giudicare quella persona come a dire la verità?

Generalmente, no.

Nel modo in cui hanno effettivamente giudicato se qualcuno stesse mentendo, i partecipanti non hanno usato gli indizi sbagliati. Per la maggior parte, infatti, hanno usato solo quegli indizi che avrebbero dovuto usare e hanno ignorato quelli che avrebbero dovuto ignorare.

In che modo gli autori hanno saputo quali spunti avrebbero dovuto essere i partecipanti? A causa di un'enorme recensione pubblicata dai miei colleghi "Cues to Deception", abbiamo unito i risultati di ogni studio condotto su indizi reali all'inganno – i modi in cui i bugiardi si comportano in modo diverso da come si comportano i truth tellers.

Come ho discusso in precedenza, abbiamo scoperto che ci sono dei veri segnali di inganno. Ci sono dei modi in cui i bugiardi si comportano che sono diversi da come si comportano i veri e propri scrutatori. La maggior parte di questi segnali, tuttavia, non è molto forte. Ad esempio, i bugiardi tendono a parlare con una voce più acuta rispetto ai veri scrutatori, ma la differenza è minima; in alcuni studi, non si presenta affatto. Ci sono persone che potrebbero non parlare affatto quando mentono e ci sono situazioni in cui le bugie non vengono dette con una voce più acuta delle verità. E occasionalmente, le persone parlano in un tono più alto per ragioni che non hanno nulla a che fare con la menzogna: possono essere entusiasti di qualcosa, o potrebbero parlare con un bambino.

Quindi, ecco le cattive notizie: anche se la gente comune di solito presta attenzione ai comportamenti su cui dovrebbero concentrarsi quando cercano di capire se gli altri mentono – cioè, stanno usando gli indizi giusti per l'inganno – quegli indizi sono insufficienti. Se hai sentito che non c'è il naso di Pinocchio, nessun comportamento che si verifica sempre quando le persone mentono e non si verifica mai quando dicono la verità, hai sentito correttamente. Questa è una delle affermazioni più veritiere mai fatte sulla psicologia della menzogna e del rilevamento delle bugie.

Indipendentemente dal numero di articoli o post sul blog che hai letto sull'inganno, probabilmente non migliorerai molto nel sapere chi ti sta mentendo e chi sta dicendo la verità. In parte, però, è perché probabilmente stai già azzerando i segnali giusti. È solo che non ti aiuta molto perché i segnali non sono così utili.

C'è qualche speranza per le persone che vogliono migliorare nel rilevare l'inganno? I ricercatori ora credono che la strategia più promettente sia quella di capire come convincere i bugiardi a dare via ciò che sanno ea comportarsi in modi che differiscono più chiaramente da come si comportano i veri e propri scrutatori. Non è sufficiente sedersi e osservare: è necessario sapere come guidare l'interazione in modo da far salire i bugiardi.

In contesti forensi, ad esempio, Maria Hartwig e i suoi colleghi hanno scoperto che l'uso strategico delle prove è importante. I sospetti hanno maggiori probabilità di rimanere intrappolati nelle loro bugie quando gli investigatori non rivelano le prove che hanno già troppo presto in un colloquio.

In futuro, quando qualcuno promette di rivelarti i segreti per scoprire l'inganno, sentiti libero di alzare gli occhi al cielo. Ma se un ricercatore ti dice cosa potresti fare per convincere i bugiardi a tradire se stessi , le tue possibilità potrebbero effettivamente migliorare.

Riferimenti

  • DePaulo, B. (2010). The Hows e Whys of Lies .
  • DePaulo, BM, Lindsay, JJ, Malone, BE, Muhlenbruck, L., Charlton, K., e Cooper, H. (2003). Spunti all'inganno. Bollettino psicologico, 129, 74-118.
  • Hartwig, M., & Bond, CF Jr. (2011). Perché falliscono i bugia? Una meta-analisi del modello di lente dei giudizi di menzogna umana. Bollettino psicologico, 137, 643-659.

Nota: il mio nuovo libro, How We Live Now: Ridefinire casa e famiglia nel 21 ° secolo , è stato discusso di recente sul Boston Globe, sul Toronto Star , sul Los Angeles Review of Books , sulla rivista Realtor e in un saggio che ho scritto per il Washington Post . Un estratto è stato pubblicato sul sito di Sharing Housing, e un altro ad eccezione apparirà il 15 ottobre 2015 o intorno al sito Web Science of Relationships.

Solutions Collecting From Web of "Cosa devi davvero sapere su come individuare i bugiardi"