Cosa ci rende chi siamo?

Nel 1990, Thomas J. Bouchard, Jr. ei suoi colleghi (tra cui la stimata ricercatrice gemella e blogger PT Nancy L. Segal) all'Università del Minnesota pubblicarono un risultato sorprendente: circa il 70% della varianza nel QI si trovava nel loro particolare campione di gemelli identici è stato trovato associato alla variazione genetica. Inoltre, gemelli identici allevati separatamente erano stranamente simili a gemelli identici allevati insieme su varie misure di personalità, interessi professionali e di tempo libero e atteggiamenti sociali.

Lo studio di Bouchard, insieme a molti altri, ha dipinto un quadro coerente: i geni contano. Gli studi non dicono nulla sul modo in cui contano, o su quali geni contino, ma mostrano in modo abbastanza convincente che effettivamente contano. I geni variano all'interno di qualsiasi gruppo di persone (anche tra gli abitanti della classe media, la società occidentale!), E questa variazione contribuisce a variazioni nei comportamenti di queste persone. Questo risultato non dovrebbe essere sottovalutato; Contrasta molte delle convinzioni prevalenti che siamo nati in questo mondo come liste vuote, completamente alla mercé dell'ambiente esterno. Poiché le nostre caratteristiche psicologiche riflettono le strutture fisiche del nostro cervello e poiché i nostri geni contribuiscono a quelle strutture fisiche, è improbabile che vi siano caratteristiche psicologiche completamente non interessate dal nostro DNA.

Gli autori di molti studi sui gemelli hanno affermato che gli ambienti vissuti dai gemelli (o da qualsiasi altro fratello) fanno ben poco per creare differenze di intelligenza e personalità. In realtà, si scopre che la variazione genetica è correlata alle variazioni negli ambienti delle persone, una scoperta che alcuni teorici hanno interpretato nel senso che i geni aiutano a creare gli ambienti (vedi post precedente)! L'idea qui è che certi ambienti innescano un appetito nei geni che spingono le persone a impegnarsi in determinate esperienze, e l'ambiente risponde quindi in modo reciproco che rafforza la natura di un individuo.

Per essere sicuri, gli studi sui gemelli hanno ricevuto molte critiche. In effetti, la proliferazione di tecniche statistiche avanzate (come la modellizzazione delle equazioni strutturali) e l'attuazione di controlli aggiuntivi hanno dissipato alcune delle preoccupazioni, ma certamente non tutte.

Tuttavia, il nostro punto qui non è di ripensare a tutte queste critiche. Invece, siamo più preoccupati di come i risultati di studi gemelli sono spesso fraintesi, male interpretati e gonfiati a dismisura. Non sono solo i media, ma anche gli scienziati seri che hanno pubblicato il loro lavoro.

Per mettere le cose in prospettiva, ho collaborato con il ben noto psicologo dello sviluppo David S. Moore per elencare 8 fatti su geni, studi gemelli e la statistica dell'ereditarietà che potrebbe sorprendere molte persone, persino i biologi! Speriamo che questi fatti contribuiranno a chiarire le incomprensioni passate e future.

1. I geni, da soli, non possono determinare nulla

Studi gemelli dividono la varianza in natura e la varianza in educazione. Ciò consente ai ricercatori di determinare se le differenze nei geni o le differenze nell'ambiente in una particolare popolazione sono associate a più delle differenze nel comportamento osservato.

In realtà, tutte le caratteristiche biologiche e psicologiche sono costruite durante lo sviluppo, quando i geni interagiscono con i fattori ambientali locali che possono essere influenzati dall'ambiente più ampio. Pertanto, le interazioni gene-ambiente sono intese a guidare lo sviluppo di tutte le nostre caratteristiche. Il DNA nudo (o RNA) non è semplicemente sufficiente per produrre tratti psicologici o biologici.

Pertanto, quando si tratta di comprendere lo sviluppo di un tratto in una particolare persona, la natura non può mai essere separata dalla cultura. Come Matt Ridley ha detto: "[I geni] sono dispositivi per estrarre informazioni dall'ambiente. Ogni minuto, ogni secondo, il modello di geni che viene espresso nel cervello cambia, spesso in risposta diretta o indiretta a eventi al di fuori del corpo. I geni sono i meccanismi dell'esperienza. "

2. I genitori contano e contano sempre

In qualche modo, la scoperta che l'ambiente condiviso gioca solo un piccolo ruolo nel creare differenze di personalità negli adulti (vedi il lavoro di Judith Rich Harris per una buona recensione) a volte si traduce nei media come: la genitorialità non ha importanza. Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità.

Prendi l'elemento più essenziale: un bambino ha bisogno di crescere in una famiglia, quasi qualsiasi tipo di famiglia, per sviluppare la capacità di parlare una lingua. Dal momento che ogni singola persona in studi gemelli controlla quella casella (cioè, è cresciuta in una famiglia di qualche tipo), questo fattore non varia mai e quindi non predice differenze nella capacità di parlare una lingua. Ma questo significa che la variabile "ha una famiglia" non ha importanza nel determinare se una persona sviluppa o meno la capacità di parlare una lingua? Ovviamente no! È come dire che l'acqua non ha alcuna influenza sullo sviluppo di un pesce perché tutti i pesci vivono nell'acqua. Solo perché una variabile non varia non significa che non abbia alcun impatto causale su un particolare risultato.

I fattori genitoriali che sono statisticamente associati alle differenze tra individui non dovrebbero mai essere confusi con i fattori genitoriali che causano lo sviluppo di un tratto all'interno di un individuo. I geni potrebbero "spiegare" il 100% della variabilità di un tratto in uno studio gemello, ma ciò non significa che i fattori ambientali non siano quindi importanti nello sviluppo del tratto; i genitori contano ancora e contano sempre.

Si scopre che la genitorialità conta, solo in un modo diverso da quello originariamente assunto. I geni contano nella misura in cui supportano la genitorialità – perché come ogni altro comportamento, i comportamenti genitoriali sono influenzati dai geni – ei genitori contano nella misura in cui supportano l'espressione dei geni.

3. L'ereditabilità dipende interamente dal contesto

Nessuno dei gemelli nello studio di Bouchard era allevato in condizioni di vera povertà, cresciuto da genitori analfabeti, o mentalmente ritardato. C'è motivo di credere che in circostanze più terribili, l'ereditabilità del QI sarebbe significativamente inferiore a quella riportata da Bouchard. Dopotutto, se tutti fossero cresciuti in un ambiente identico, le variazioni delle loro caratteristiche psicologiche non potevano essere spiegate da qualcosa di diverso dalle variazioni dei loro geni (poiché non ci sarebbero state variazioni nei loro ambienti di sviluppo); maggiore è la variazione negli ambienti a cui sono esposti i gemelli in studi gemelli, minore è la vulnerabilità che dovremmo aspettarci di trovare.

In uno studio, Eric Turkheimer e colleghi hanno studiato 320 coppie di gemelli di 7 anni che sono stati allevati in estrema povertà. Tra i più poveri, l'ambiente condiviso rappresentava la maggior parte delle differenze nel QI (60%), e i geni rappresentavano molto poco; di conseguenza, in questo studio, l'ereditabilità del QI è risultata essere prossima allo zero! Tra i più ricchi, tuttavia, l'ereditabilità del QI si avvicinava a quello che Bouchard trovava: le variazioni nei geni spiegavano la maggior parte delle differenze nei punteggi del QI e l'ambiente condiviso rappresentava molto poco della varianza. Questo studio sottolinea il fatto che le stime di ereditabilità dipendono dal campione che viene studiato e dall'ambiente di quel campione.

Lo studio di Turkheimer dovrebbe anche ricordare che solo perché qualcosa è ereditabile non significa che sia immutabile. Ricorda l'effetto Flynn (vedi post precedente)? Questo è un promemoria su quanto l'ambiente sia importante, anche dopo aver controllato completamente i geni (osservando i cambiamenti del QI tra le generazioni).

Ciò solleva un punto più profondo: a seconda di ciò che si mantiene costante, è possibile mostrare un contributo genetico o un contributo ambientale. Il punto è: entrambi stanno sempre contribuendo allo sviluppo di qualsiasi tratto, e le questioni relative al contesto in cui si tiene conto di più delle differenze in un tratto.

4. L'attuale valore di ereditabilità semplicemente non ha importanza

L'ereditabilità di un tratto può variare da 0,00 a 1,00 a seconda degli ambienti da cui i partecipanti alla ricerca vengono campionati. Poiché sappiamo che i geni giocano un ruolo nello sviluppo di qualsiasi tratto, la precisa stima dell'ereditarietà non ha alcuna importanza in senso pratico.

L'ereditabilità dipende dalla quantità di variabilità nei fattori ambientali che contribuiscono a un tratto. Il problema è che la nostra comprensione dei fattori che contribuiscono allo sviluppo dei tratti umani in generale – e al QI in particolare – è attualmente così carente che in genere non sappiamo se i fattori ambientali importanti nello sviluppo di un particolare tratto siano stabili in tutte le situazioni di test, varia leggermente in quelle situazioni, o varia in modo selvaggio in quelle situazioni.

Anche se una popolazione di individui dovesse svilupparsi in una serie di ambienti ritenuti uguali a quelli in cui è stato condotto uno studio particolare, i risultati di tale studio non ci consentirebbero di prevedere i risultati dello sviluppo nella nuova gamma di ambienti, perché i fattori ambientali sui quali i ricercatori si sono inizialmente concentrati e controllati potrebbero non essere affatto i fattori ambientali pertinenti.

Invece, i fattori ambientali cruciali potrebbero rimanere non misurati e, di conseguenza, la variabilità di questi fattori attraverso la nuova gamma di ambienti potrebbe facilmente essere molto diversa dalla variabilità di questi fattori negli ambienti campionati nello studio originale.

Certo, potremmo semplicemente mirare a misurare tutti i fattori ambientali che potrebbero influenzare lo sviluppo di un tratto. Ma non è affatto ovvio, prima dell'analisi dello sviluppo, quali fattori ambientali potrebbero dare un contributo importante allo sviluppo di tratti specifici, in modo tale che l'approccio ci lascerebbe a misurare un numero pesantemente pesante di variabili.

Poiché lo sviluppo delle caratteristiche comportamentali / psicologiche può essere influenzato da fattori esperienziali in modi imprevedibili dall'osservazione casuale, non possiamo sperare di accadere di misurare, attraverso pura e semplice congettura, i fattori ambientali che contribuiscono in modo significativo allo sviluppo di tali caratteristiche; dobbiamo prima capire i meccanismi con cui si sviluppano questi tratti.

5. L'ereditabilità non ha necessariamente a che fare con la biologia

I fattori ambientali influenzano lo sviluppo di tratti altamente ereditabili, così come influenzano lo sviluppo di tratti non ereditari (cioè, un tratto come altezza, che è altamente ereditabile nella maggior parte delle nazioni sviluppate, è molto influenzato da fattori ambientali come la dieta). Allo stesso modo, come si può vedere dall'esempio seguente, i fattori genetici influenzano lo sviluppo di tratti non ereditabili tanto quanto influenzano lo sviluppo di tratti altamente ereditabili.

In effetti, le caratteristiche meno ereditabili della natura umana possono essere quelle che sembrano essere le più geneticamente determinate. Considera il fatto che avere 5 dita su ciascuna delle nostre mani non è una caratteristica particolarmente ereditabile (perché la maggior parte delle variazioni del numero delle dita nell'uomo è attribuibile non alla variazione genetica, ma a variazioni nelle esperienze, come gli incidenti). Nondimeno, è abbastanza ovvio che i fattori genetici giocano un ruolo nel determinare il numero di dita che abbiamo su ciascuna delle nostre mani!

6. L'ereditabilità non dice nulla se l'intelligenza è più determinata dai geni o dall'ambiente

Poiché l'ereditabilità è una statistica della popolazione, non ha nulla da dire sull'individuo. Non ha senso chiedersi se l'intelligenza di un particolare individuo sia stata più determinata dalla natura o dal nutrimento. Come già affermato, ogni tratto si sviluppa attraverso l'interazione tra geni e ambiente. La natura e l'educazione sono complementari, non in contrasto.

7. Gli studi gemelli non rivelano le cause dello sviluppo intellettuale

Poiché l'adozione e gli studi gemelli che cercano di spiegare la variazione dei tratti in termini di variazione genetica e ambientale sono sempre correlati, non rivelano nulla sulle cause dell'apparizione dei tratti.

Studi di adozione e studi sui gemelli non comportano la manipolazione intenzionale di geni specifici o fattori ambientali specifici. Pertanto, tali studi non sono in grado di generare una comprensione soddisfacente dei fattori e dei processi che contribuiscono allo sviluppo dell'intelligenza.

8. L'ereditarietà non è la stessa eredità

L'ereditabilità non ci dice quanto sia probabile che le caratteristiche delle persone vengano ereditate dai loro figli. Poiché i tratti ereditari al 100% possono comunque essere fortemente influenzati da fattori ambientali, non è vero che un tratto ritenuto ereditabile in un particolare studio gemello verrà trasmesso da una data coppia di genitori ai loro figli. Immaginiamo che uno studio sull'alcolismo negli Stati Uniti trovi che la grande maggioranza della variazione nelle tendenze delle persone a bere in eccesso può essere spiegata dalla variazione dei loro geni. Se poi prendiamo un bambino, appena nato da una coppia di genitori americani alcolizzati, e lo alleviamo in un piccolo villaggio nel sud dell'India dove non incontra mai alcol durante tutta la sua vita, non svilupperà alcolismo. Parliamo spesso come se "ereditassimo" i tratti in piena regola dei nostri genitori, come i colori degli occhi, le forme del naso e la timidezza. Ma tutto ciò che ereditiamo effettivamente dai nostri genitori sono i nostri geni e i nostri (e nostri) ambienti, fattori che quindi costruiscono tratti in piena regola durante lo sviluppo. Di conseguenza, non importa quanto sia ereditabile un tratto; se lo sviluppo della prole si verifica in un ambiente diverso rispetto a quello sviluppato dal genitore, la maggior parte delle scommesse non è attiva.

L'ereditabilità ha qualche praticità?

Speriamo che questi 8 fatti abbiano chiarito alcuni equivoci. Dopo aver letto questi fatti, potrebbe essere ragionevole chiedersi, il coefficiente di ereditarietà ha qualche valore pratico?

Perlomeno, l'ereditabilità ci dice quanto della variazione nel QI possa essere spiegata dalla variazione dei fattori genetici quando lo sviluppo avviene in una gamma di ambienti squisitamente specifici.

Tuttavia, David S. Moore ha recentemente sostenuto che anche questo non è significativo quando ci rendiamo conto che l'entità di qualsiasi statistica di ereditarietà riflette l'estensione della variazione in fattori non genetici non identificati che contribuiscono allo sviluppo del tratto in questione.

Poiché non possiamo valutare la variabilità (attraverso i nostri ambienti di test) di tutti i fattori non genetici ancora identificabili che influenzano il QI, Moore sostiene che le stime sull'ereditabilità del QI sono effettivamente non interpretabili e non possono essere applicate in qualsiasi modo appropriato. Come Moore mette nel suo articolo di giornale:

"Molti psicologi continuano a calcolare le statistiche di ereditabilità senza interrogarsi su cosa esattamente ci rivelano. Sfortunatamente, un'attenta considerazione di queste statistiche suggerisce che potrebbero non essere applicabili in alcun modo significativo, e quindi, di conseguenza, non sono interessanti e nel peggiore dei casi fuorvianti. "

Scott crede che ci siano effettivamente alcune informazioni importanti che possono essere ricavate dal coefficiente di ereditabilità, e un sacco di potenziale non sfruttato per studi gemelli. Maggiori informazioni in seguito.

© 2008 di Scott Barry Kaufman e David S. Moore

Lettura consigliata

Bouchard,, TJ, Lykken, DT, McGue, M., Segal, NL, e Tellegen, A. (1990). Fonti di differenze psicologiche umane: lo studio del Minnesota di gemelli allevati a parte. Scienza, 250, 223-228. [PDF]

Harris, JR (1999). Il presupposto di Nurture: perché i bambini rivelano il modo in cui lo fanno.

Moore, DS. (2003) Il gene dipendente: l'errore di "nature vs. nurture". New York: Times Books / Henry Holt & Co.

Moore, DS (2006). Un po 'di conoscenza: rivalutazione del significato dell'ereditabilità del QI. Sviluppo umano, 49, 347 – 353. [pdf]

Pinker, S. (2003). The Blank Slate: The Modern Denial of Human Nature.

Ridley, M. (2004). La natura via Nurture: geni, esperienza e ciò che ci rende umani.

Turkheimer, E., Haley, A., Waldron, M., Onofio, B, & Gottesman, II (2003). Lo stato socioeconomico modifica l'ereditabilità del QI nei bambini piccoli. Scienze psicologiche, 14 , 623-628. [PDF]

Solutions Collecting From Web of "Cosa ci rende chi siamo?"