Cosa c'entra Photoshop?

La scorsa settimana, l'American Medical Association ha rilasciato una dichiarazione politica sui modelli di Photoshop e sulla prevenzione dei disordini alimentari.

La dichiarazione:

Gli inserzionisti di solito alterano le fotografie per migliorare l'aspetto dei corpi dei modelli, e tali alterazioni possono contribuire a aspettative non realistiche di un'immagine corporea appropriata, specialmente tra bambini e adolescenti impressionabili. Un ampio corpus di letteratura collega l'esposizione a immagini propagate dai media di immagini del corpo non realistiche a disordini alimentari e altri problemi di salute di bambini e adolescenti.

L'AMA ha adottato una nuova politica per incoraggiare le associazioni pubblicitarie a collaborare con organizzazioni del settore pubblico e privato che si occupano di salute dei bambini e degli adolescenti a sviluppare linee guida per la pubblicità, in particolare quelle che appaiono nelle pubblicazioni orientate agli adolescenti, che scoraggerebbero l'alterazione delle fotografie in un modo che potrebbe promuovere aspettative non realistiche sull'immagine del corpo appropriata.

"La comparsa di pubblicità con modelli estremamente modificati può creare aspettative non realistiche di un'immagine corporea appropriata. In una immagine, la vita di un modello era tesa in modo così netto, la sua testa sembrava essere più larga della sua vita ", ha detto il dottor McAneny. "Dobbiamo smettere di esporre bambini e adolescenti impressionabili alle pubblicità che ritraggono modelli con tipi di corpo raggiungibili solo con l'aiuto di software di fotoritocco".

Un annuncio Ralph Lauren modificato digitalmente dal 2009.

E se l'AMA avesse omesso la menzione di "disordini alimentari" alla fine del primo paragrafo, non avrei avuto nulla da dire se non per annuire con la testa. Perché l'alterazione delle immagini è terribile e inappropriata e, anzi, dannosa. Il problema è il collegamento ai disturbi alimentari. L'AMA ha detto che c'era un "grande corpo di ricerca" che collega l'esposizione mediatica ai disturbi alimentari.

Così sono andato a vedere se potevo trovare questo grande corpo di ricerca. Sono andato a PubMed e ho cercato "media di disturbi alimentari" e in effetti ho tirato su 264 studi sull'argomento. Ma se leggi gli studi più da vicino, vedrai che ci sono molti collegamenti tra "mangiare disordinato" e "patologia alimentare" e "insoddisfazione per l'immagine del corpo" e l'esposizione mediatica, ma c'è ben poca menzione del legame con il mangiare definitivo e diagnosticabile disordini come precisato dal DSM-IV. Uno studio ha effettivamente affermato che "i media contribuiscono allo sviluppo dei disturbi alimentari", ma quando ho esaminato gli studi citati, tutto ciò che ho visto sono stati esempi che collegavano l'esposizione mediatica all'alimentazione disordinata.

Gran parte della copertura mediatica della storia ha detto che le immagini Photoshop "promuovono l'anoressia". Non sono del tutto sicuro di capire cosa significhi. Penso di sapere a cosa stanno arrivando – che guardare queste immagini ti rende più probabile che sviluppi l'anoressia, ma non ci sono prove che questo sia vero (almeno, nessuno che io possa trovare). Non pensiamo che gli annunci per disinfettante in qualche modo promuovano l'OCD. Inoltre, non pensiamo che quelle cuffie Bluetooth promuovano la schizofrenia perché sembra che tu stia parlando con te stesso.

Penso che la grande differenza sia che le persone non pensano di sapere cosa vuol dire avere la schizofrenia perché sono stati paranoici in un momento o l'altro, o che hanno avuto una conversazione piuttosto animata con loro stessi. Ma le persone pensano di sapere cosa vuol dire avere un disturbo alimentare perché hanno fatto la dieta e chiesto ai loro mariti se questi jeans fanno sembrare i loro culi grandi.

È un errore comune, che confonde disordini alimentari e alimentari. Spesso pensiamo che i disturbi alimentari siano solo diete estreme, quando non lo sono. Molti uomini e donne sono scontenti del proprio corpo e sono a dieta. Le persone con disturbi alimentari spesso esprimono dismorfismo da corpo estremo e limitano l'assunzione di cibo. Sembrano uguali all'esterno, ma l'esperienza interna è molto diversa. La Dott.ssa Sarah Ravin riassume la differenza tra disordini alimentari e disturbi alimentari come segue:

Il consumo disordinato è molto diffuso nel nostro paese, specialmente tra le donne. Definisco il mangiare disordinato come un modello persistente di comportamento alimentare malsano o eccessivamente rigido: dieta cronica, dieta yo-yo, cicli limitati ad abbuffate, eliminazione di nutrienti essenziali come grassi o carboidrati, ossessione per il mangiare biologico o "sano" – accoppiato con un preoccupazione per il cibo, il peso o la forma del corpo.

Con questa definizione, penso che oltre la metà delle donne in America (e anche molti uomini) siano mangiatori disordinati.

Il modo in cui lo vedo, il mangiare disordinato "viene dall'esterno" mentre i disturbi alimentari "vengono dall'interno". Ciò che intendo è questo: l'ambiente gioca un ruolo enorme nell'insorgenza di un'alimentazione disordinata, tale che la maggioranza delle persone che vivono nella nostra cultura disordinata (dove la magrezza è sopravvalutata, la dieta è la norma, le dimensioni delle porzioni sono enormi, ecc.) si svilupperà un certo grado di alimentazione disordinata, indipendentemente dalla loro biologia o psicopatologia di base.

Al contrario, lo sviluppo di un disturbo alimentare è influenzato molto pesantemente da genetica, neurobiologia, tratti della personalità individuale e disordini co-morbosi. L'ambiente gioca chiaramente un ruolo nello sviluppo dei disordini alimentari, ma l'ambiente da solo non è sufficiente a causarli. La maggior parte delle donne americane svilupperà un'alimentazione disordinata a un certo punto, ma meno dell'1% cadrà nell'anoressia nervosa e il 3% nella bulimia nervosa.

Penso che sia bello che l'AMA stia cercando di proteggere bambini e adolescenti da aziende che trasformerebbero donne reali in modelli di bobblehead (la donna nella pubblicità di Ralph Lauren assomiglia un po 'a un bobblehead dato che la sua testa è così sproporzionatamente grande rispetto al suo corpo) . Le nostre idee su quali aspetti "normali" e "sani" sono disordinati ed è dannoso. Su questo argomento, la ricerca è chiara.

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'entra Photoshop?"