Cosa c'entra la speranza con esso?

Forse ti stai chiedendo cosa ha a che fare con il Mese sulla consapevolezza del cancro al seno?

Bene, ti chiedo semplicemente, "Che cosa questo mese non ha a che fare con te?"

Viviamo in un'epoca in cui potrebbe essere il nostro vicino, nostra madre, l'insegnante di nostro figlio, un caro amico o parente indirettamente o direttamente influenzato da questa malattia. Solo nel 2011 verranno diagnosticati 230.480 nuovi casi di carcinoma mammario invasivo nelle donne statunitensi.

BC non discrimina. I maggiori fattori di rischio sono essere una donna e invecchiare. Due cose su cui non puoi fare niente!

Infatti, proprio oggi Guiliana Rancic di E! Ha annunciato di avere BC – a 36 anni.

In parole povere, siamo tutti colpiti da questa malattia – sia che sia attraverso l'esperienza personale, o testimoniando gli effetti debilitanti che ha su una persona cara, le azioni necessarie per combattere il cancro al seno sono essenziali.

Primo, sappi che puoi fare qualcosa. So per esperienza personale, come la figlia di un Breast Cancer Fighter che il modo in cui reagisco alla malattia – anche quando non combatto da solo – è così cruciale per il viaggio di sopravvivenza.

Puoi immaginarlo? La tua, la mia, la nostra reazione alla diagnosi di un parente o di un amico, un collega o un compagno, è fondamentale nel modo in cui reagiscono alla malattia. Come li vediamo, come trattiamo l'intera prognosi, le visite multiple del medico, l'assalto di trattamenti che sembrano disumanamente possibili da sopportare, importa.

Riguarda l'ATTEGGIAMENTO.

Tutti noi dobbiamo costantemente pensare, cambiare e incredibilmente certi che durante questo mese di consapevolezza, tutti i nostri esseri siano incoraggianti e dicano a coloro che dipendono dal sostegno:

"Ascolta FORTE, BELLISSIMA DONNA! Puoi farlo. Lo farai. E io sono qui per te. "

E, mai sottovalutare l'efficacia di un entusiasmante "Cancro SUCCHIA!". Sì, l'ho detto. Se c'è una cosa in cui un combattente per il cancro come mia madre odia, è quando la gente la rallegra come se stesse correndo una maratona per scelta. Non c'è scelta quando si tratta di cancro. Colpisce a piacimento, e quel tipo di incertezza totalmente fa schifo. Non c'è altro modo per descriverlo.

I nostri sforzi non verbali nel mostrare il nostro sostegno devono essere chiaramente allineati con i messaggi positivi che stiamo dicendo. Fai attenzione a non dare messaggi contrastanti: verranno raccolti.

Ricordi l'esperienza negativa del dottore di cui ho parlato al dottor Oz qualche tempo fa sull'importanza di migliorare la comunicazione medico-paziente?

Altrimenti, vai avanti, aspetterò.

In questo post, ho discusso l'importanza del linguaggio del corpo di un medico quando si tratta di incoraggiare o scoraggiare i loro pazienti. La mia famiglia aveva abbastanza esperienza con un medico che non prestava molta attenzione al loro linguaggio del corpo quando mia madre fu diagnosticata per la prima volta con il cancro al seno.

Stavamo riprendendo da una diagnosi apparentemente uscita dal nulla. Pensavamo che mia madre sarebbe morta. E il medico ha fatto ben poco per alleviare quel dolore, o anche presentare una prospettiva positiva sulla prognosi e il viaggio che mia madre si stava preparando a intraprendere. Quando il suo cancro si diffuse dal suo seno al suo fegato – due medici Boston molto apprezzati ci hanno detto che l'unica cosa da fare era mantenere il cancro in crescita. Non liberartene. Non sradicarlo dal suo corpo. Nessun miracolo permesso – solo gestione. Che dire della speranza?

Naturalmente, i medici non sono pensati per trattamenti con zucchero, prognosi o altre questioni gravi.

Tuttavia, lo spirito umano può essere sgonfiato quando la situazione è priva di speranza. O apparentemente così. E odio dirlo, ma non è finita finché la signora grassa non canta, credo che in ogni situazione ci sia SPERANZA.

La speranza è un dono che dai a chi ami. O quelli che hanno prestato giuramento di cui prendersi cura.

Ci sono medici in questo mondo che considerano la speranza e l'attitudine come componenti critici per il recupero.

Uno di questi dottori è il dottor Mehmet Oz, di The Doctor Oz Show. La scorsa primavera, riprendendo dalla notizia che il cancro di mia madre era tornato, mi sono ritrovato a parlare con il dottor Oz dopo aver filmato un segmento per il suo spettacolo. Gli ho chiesto se fosse sua moglie di fronte a BC – dove si sarebbe girato?

Senza esitazione, mi indicò la direzione dell'uomo che salva la vita di mia madre: il dottor Mitch Gaynor di New York. La nostra consultazione iniziale prevedeva DUE ORE di discussione – ha chiesto della sua infanzia, delle sue origini familiari, del suo percorso di vita. Il dottor Gaynor sa che informazioni preziose sono contenute in queste conversazioni – potrebbe incappare in un bocconcino che altri medici hanno licenziato – ma sa che potrebbe salvarle la vita.

Il modo in cui guardiamo la nostra amata; il modo in cui ci abbracciamo, il modo in cui facciamo un inventario di come potrebbero sentirsi e come dovremmo dare a loro, può essere e sarà avvolto e consegnato attraverso la nostra comunicazione fisica e corporea.

So che è una sfida: l'idea di uscire da noi stessi, al momento dell'apprendimento della diagnosi della persona amata. Pensa, gentilmente, a quanto sarà sensibile un tempo per tutte le persone coinvolte, direttamente o indirettamente, e comprenderà il valore del tuo linguaggio del corpo.

Una delle incognite che continuamente sconcerta i grandi medici, è il potere di un tocco, un bacio, la semplice presenza di un altro a un letto d'ospedale occupato. Le prove parlano a voce alta. Ad esempio, dopo essere stato colpito, e vedendo solo i più deboli segnali di ripresa, la deputata Gabrielle Giffords ha sentito il tocco di suo marito, la presenza di corpi e persone che lei amava; e cominciò lentamente, migliorando costantemente.

In parole povere, ti sto incoraggiando a non abbandonare la forza del tuo tocco, della tua presenza, del tuo sorriso. Soprattutto quando sembra che la speranza sia tutto ciò che ti rimane.

Durante il mese di sensibilizzazione sul tumore al seno, prendi in considerazione in che modo puoi aiutare a sconfiggere questa malattia. Ti stupirà di quanto sia efficace e potente il tuo linguaggio del corpo nel comunicare anche i messaggi più semplici.

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'entra la speranza con esso?"