Cosa c’è nel nome della squadra? Top-Down vs. Bottom-Up Super Identity

Gli eroi devono unirsi come lega, legione o squadra, o riunirsi come individui?

“Cosa c’è in un nome?”
-Juliet a Romeo in Romeo e Giulietta di William Shakespeare (1597).

JLA/Avengers. Original scan.

Fonte: JLA / Avengers. Scansione originale.

Le classiche squadre di supereroi di DC Comics tendono ad essere nominate per il collettivo come unità ( Società, Legione, Lega, Squadra, Pattuglia, Corpo – a un nome singolare). L’eccezione più nota è chiamata per gli dei più vecchi ( Titani ), non per la loro umanità o scopo.

I super-team della Marvel Comics, d’altra parte, tendono a portare nomi che si riferiscono agli individui di ciascun gruppo ( Avengers, Defenders, Invaders, Guardians ) e a quello che fanno perché quei sostantivi che definiscono derivano da verbi che indicano la funzione e scopo ( per vendicare, difendere, invadere, proteggere ). Anche se nessuno dei team chiamati Champions nelle storie Marvel è mai stato stampato a lungo, quel nome è stato uno dei più duraturi in molte forme nelle loro pubblicazioni e tuttavia si adatta a questo modello in quanto è un sostantivo plurale e suggerisce uno scopo.

Mentre il nome X-Men potrebbe non riflettere la funzione nello stesso modo, il nome originale della squadra mutante si adatta allo stesso modo all’uso di un sostantivo plurale per identificarli come individui riuniti, non come unità o insieme. Quattro in Quattro fantastici si adatta senza dubbio in entrambi i modi, né affermando né contraddicendo il modello. A causa di quel nome, però, la squadra non si sente mai veramente come i Fantastici Quattro, tranne quando comprende tutti e quattro questi individui specifici.

Sono diffidente ogni volta che indico qualcosa di simile sulla cultura popolare sui social media, perché così facendo sembra soprattutto che qualcuno spinga a discutere sulle eccezioni invece di considerare il significato e le implicazioni del modello. I fumetti cambiarono negli anni ’80, quando le caratterizzazioni diventarono più oscure ovunque, ma soprattutto a Washington. Significativi team di supereroi che si discostano da questo modello tendono ad essere stati nominati negli anni ’80 o successivi (es. DC’s Outsiders ) e / o hanno debuttato come ramificazioni di team affermati (ad esempio, gli spin-off X-Men Excalibur, X-Factor, X- Forza , ciascuno con membri che continuerebbero comunque a pensare a se stessi come X-Men). Raramente queste successive eccezioni sono pubblicamente note al di fuori della popolazione che legge i fumetti. (Quanti dei nostri lettori hanno mai sentito parlare di X-Force prima di prendere i trailer di Deadpool 2 ?)

Le due principali società di fumetti mostrano una chiara differenza nel modo in cui hanno chiamato i loro team di supereroi più noti e più duraturi, un modello che è rilevante per la psicologia di gruppi e organizzazioni reali.

Queste differenze riflettono le differenze nel modo in cui le aziende hanno caratterizzato i loro supereroi in primo luogo. In un momento in cui le raffigurazioni di altri supereroi erano piuttosto piatte e bidimensionali, le loro personalità spesso intercambiabili, Marvel emerse negli anni ’60 raccontando diversi tipi di storie con più caratterizzazioni umane. Mentre i membri della Justice League si univano prontamente nei primi giorni, i membri dei super team della Marvel affermavano che la loro individualità si sarebbe scontrata tra loro alla caduta di un cappuccio.

La formazione della squadra dal basso verso l’alto della Marvel potrebbe essersi sviluppata in reazione all’approccio top-down della DC. L’ elaborazione bottom-up inizia con i singoli componenti quando si considera tutto ciò che ha parti, che si tratti di un gruppo di persone, uno stimolo costituito da vari elementi o una struttura aziendale. Nell’elaborazione top-down delle informazioni, guardiamo prima al più alto livello di organizzazione o all’unità nel suo complesso, quindi consideriamo sottogruppi ed eventualmente singoli componenti di qualunque cosa stiamo guardando. Considerando che l’elaborazione dal basso verso l’alto potrebbe mancare la foresta per gli alberi ( context blindess -Vermeulen, 2015), l’elaborazione top-down potrebbe saltare gli alberi per la foresta (Jardine & Moore, 2016). Mentre il governo dal basso verso l’alto coinvolge le persone che lavorano per prendere decisioni che quelli che sono in cima devono implementare o rappresentare, il governo top-down ha un decisore esecutivo in cima alle decisioni che passano a chi lavora sotto.

I fondatori nazionali nominarono e fondarono gli Stati Uniti d’America con l’intenzione di creare una democrazia dal basso verso l’alto, la regola delle persone in cui le persone prendevano decisioni per quelle che erano sopra di loro da implementare. Certo, questo era l’ideale o l’obiettivo, ma all’epoca l’identità del gruppo nazionale riguardava il riconoscimento delle componenti e il tentativo di mettere al primo posto priorità e preferenze individuali. Quando fu fondata nel 1776, la nuova nazione non adottò un nome singolare come Americaland come il suo nome. Divenne gli Stati Uniti, al plurale. Ciò ha segnato un’importante distinzione nell’identità nazionale, rappresentando ideali individualistici che favoriscono la libertà individuale rispetto al controllo collettivo, in contrapposizione agli ideali collettivistici che favorirebbero i bisogni dei molti rispetto ai bisogni dei pochi o anche degli uni.

Gordon (2001) ha adottato un approccio dall’alto verso il basso per definire un gruppo, credendo che per una collezione di persone da chiamare un gruppo, devono percepirsi come un’unità, con tutti collegati attraverso l’identità e i risultati del gruppo. Gli psicologi sociali spesso definiscono un gruppo come due o più persone che interagiscono in qualche modo – una definizione dal basso verso l’alto perché inizia con gli individui. Fino a grandi cambiamenti negli anni ’80, DC e Marvel differivano classicamente lungo queste linee nelle loro visioni top-down, collettivistiche vs dal basso verso l’alto, dei loro super-gruppi.

Post rilevanti

  • Risorse per la psicologia dei supereroi
  • Libertà contro sicurezza in Captain America della Marvel: Civil War
  • True Disguise di Superman: The Power of Invisibility Social
  • Supereroi, Supervillain e noi stessi sull’OCEANO
  • L’eroe di Iron Man 3 soffre di disturbo post-traumatico da stress?
  • The Avengers Teach Psychology: Class Assemble!

Riferimenti

Gordon, JR (2001). Comportamento organizzativo: un approccio diagnostico (7 ° ed.). Englewood Cliffs, NJ: Prentice Hall.

Jardine, NL, & Moore, CM (2016). Perdere gli alberi per la foresta nella ricerca visiva dinamica. Journal of Experimental Psychology: Human Perception & Performance, 42 (5), 617-630.

Vermeulen, P. (2015). Cecità del contesto nel disturbo dello spettro autistico: non usare la foresta per vedere gli alberi come alberi. Focus su Autism & Other Developmental Disabilities, 30 (3), 182-192.

Solutions Collecting From Web of "Cosa c’è nel nome della squadra? Top-Down vs. Bottom-Up Super Identity"