Cosa causa dolore?

Il dolore viene dal latino "Poene", che significa punire. In effetti, quando siamo nel dolore, sembra una punizione. Ma il dolore non equivale alla punizione. Non ha nulla a che fare con la punizione, assolutamente nulla. Questo stigma che accompagna il dolore è un tragico errore della cultura moderna, che rende martiri le masse sofferenti, aggiunge al nostro dolore e limita la nostra visione della nostra vita che viene tessuta dall'inizio alla fine con i fili del dolore. La prevalenza puntuale per alcuni problemi di dolore clinicamente significativi è di uno su cinque, il 20% della popolazione. Il dolore è la ragione più comune per visitare un operatore sanitario. Il dolore circonda il processo di nascita infantile, e per la maggior parte di noi ci avvolgerà come noi moriremo. Tuttavia, quando vediamo o sentiamo parlare del dolore di un'altra persona, le distorsioni del "solo mondo" ci inducono a immaginare che lui o lei avrebbe dovuto arrivare, poiché "l'errore di attribuzione fondamentale" ci porta a cercare difetti di carattere che spiegherebbero la sua punizione. Tali pregiudizi ci fanno sentire più sicuri, e come se vivessimo in un mondo ordinato e prevedibile.

Noi no. Cosa causa dolore? Quasi tutto. Tra la metà e la fine del 1600, Rene Descartes, un brillante filosofo, matematico e scienziato, inventò l'idea apparentemente ossea che la mente e il corpo fossero separati, e che Dio intervenisse direttamente usando la ghiandola pineale come una sorta di joystick neurologico per fornire l'illusione che i due siano perfettamente connessi. Dio sta armeggiando nel tuo cervello come pensieri sexy ti fanno eccitare o come deliziosi profumi fanno rimbombare lo stomaco. Per i neurologi è chiaro che la ghiandola pineale è una scelta sbagliata per l'intervento divino, e molti teologi sarebbero d'accordo sul fatto che Dio abbia cose più importanti da fare nell'universo. L'idea è emersa nel contesto di una necessaria tregua politica in una battaglia tra gli scienziati dell'epoca della chiesa e dell'illuminazione, facendo una chiara linea di demarcazione tra corpo e spirito. Tuttavia, l'eredità del pensiero dualistico cartesiano è pervasiva nella cultura moderna, portandoci a dimenticare che il dolore è un'esperienza soggettiva e consapevole. L'eredità professionale è la chiara demarcazione tra corpo e mente nell'assistenza sanitaria che persiste oggi. Gli psicologi sono deferenti al corpo come i medici sono per la mente e le emozioni del paziente. Eppure il dolore non è più un processo fisico dell'umore o dell'emozione.

In effetti, il dolore si innesca più facilmente attraverso una sorta di danno tissutale. Non si può indurre la tristezza con la stessa facilità con cui si applica una puntura del dito. Tuttavia non esiste una misura oggettiva per il dolore, come per altri processi fisici come il colesterolo o la pressione sanguigna. Dal lavoro scientifico seminale di Ronald Melczack sull'argomento negli anni '70 è diventata una scienza radicata che il dolore è causato da qualsiasi fattore che influenza sia la sensazione (nocicezione), l'affetto-motivazione o il significato della cognizione. Perché i bambini guardano le facce degli adulti per vedere quanto sono feriti? Perché non hanno ancora appreso il significato del loro dolore. Per lo stesso motivo, i miei figli possono andare a nuotare nell'oceano lo scorso fine settimana, o perché la gente del Midwest lancia i pantaloncini la prima volta che raggiunge i 50 gradi in primavera, mentre i californiani indossano cappotti invernali nello stesso tempo.

Come minimo, il dolore è causato da attenzione, percezione, pensieri, credenze, emozioni, orientamento alla vita, valori, ruolo sociale, salute psichiatrica e una varietà di aspetti della cultura. Eppure come trattiamo il dolore? Incorporiamo tutti questi fattori in un intervento globale, adattato per adattarsi alla particolare costellazione di cause per ciascun paziente? Perdonami per aver elemosinato la domanda così spesso. Ciò non è consentito nella scrittura accademica J. La nostra mancanza di vera comprensione del dolore è quasi delirante. La ricerca che dimostra il ruolo della causa biopsicosociale complessa nel dolore è chiara. È una scienza risolta. Inoltre, 20.000 anni di tradizioni curative che precedono la scienza moderna operavano sotto la stessa comprensione. 300 anni di illusione cartesiana sono abbastanza lunghi.

Qual è la prescrizione per il dolore? Prima di tutto, i farmaci. Non sono un totale scemo. Se fa male terribilmente, e i farmaci aiutano, e gli effetti collaterali sono tollerabili quindi grandi. Lo zelotry e la salute non si mescolano bene insieme. Oltre la medicazione: 1) Accetta te stesso e il tuo dolore. Combatterlo lo renderà peggiore. E domande come "Perché io?" Sono distrazioni inutili dalla vita che hai lasciato vivere. Se sei molto religioso, scoprirai "perché tu" più tardi, quando dio ti dice giusto? Quindi smetti di interrogare Dio Non è il tuo ruolo. Se sei meno religioso, sai che dio non ti risponderà. E se sei un esistenzialista, sai che non c'è risposta a questa domanda. Sei dolorante perché hai fatto un tiro 1 su 5 dei dadi e hai perso. E sì, quello fa schifo. 2) Trova le scelte che puoi ancora fare. Il dolore ti farà sentire impotente in molte aree. Non permetterle di dirottare tutto. Tieni il più possibile della tua vita quanto te. Questo significa prendere decisioni. Vivi con intenzione Il libero arbitrio è una prerogativa umana. Quando qualcosa come il dolore ci rende impotenti, perdiamo la nostra umanità. Il nostro dolore diventa metafisico e la nostra sofferenza è ingrandita. Anche le più piccole scelte sono medicine per l'anima. 3) Connetti. a) Collegati a te stesso. Cerca cosa tu sia qui per fare. Inizia a fare qualunque cosa sia, e fallo "con te stesso". Vivere intenzionalmente aiuterà con l'autocoscienza. Sfortunatamente, la vergognosa vergogna del dolore ci porta ad evitare l'autocoscienza. Non lasciarlo. b) Connetti ad altri. Il dolore ci fa desiderare di evitare di stare con gli altri. O per lamentarsi o relazionarsi con gli altri in modo indifeso. Scegli le tue interazioni con gli altri. Decidi chi ti piace e coltivale in modo intenzionale. Proprio come può portare alla fuga, il dolore può anche spingerci verso una più profonda compassione umana. Questo è un dono da condividere.

Solutions Collecting From Web of "Cosa causa dolore?"