Cosa è cambiato e cosa non ha

Pubblicato per la prima volta su http://whenjohnnyandjanecomemarching.weebly.com/blog il 4 luglio 2015

Ogni 4 luglio ricordo che a un fuoco d'artificio quando ero già di mezza età, mio ​​padre, Jerome A. Caplan, un veterano della seconda guerra mondiale, una volta disse tranquillamente: "Questo odora di campo di battaglia". Il modo in cui lo disse non ha dato la minima idea di come si sentiva per lui, e non l'ho chiesto. Una delle ragioni per cui non ho chiesto è che sapevo da tempo che i fuochi d'artificio sono fatti di polvere da sparo e che mio padre era un capitano dell'esercito nell'artiglieria, ma non avevo mai collegato le due informazioni insieme, quindi stavo registrando quella connessione nella mia testa. Un altro motivo per cui non ho chiesto è che non ha mai chiesto nulla per se stesso e non ha mai voluto che nessuno si preoccupasse di lui, quindi l'assenza di un'angoscia udibile nella sua voce e di dolore visibile sul suo volto non mi ha spinto a chiedere ulteriori informazioni. E sono arrivato a capire solo a tarda età che raramente ho chiesto al mio amato padre, che era un meraviglioso narratore, delle sue esperienze di guerra, perché non potevo sopportare di pensare a lui in pericolo.

All'improvviso quest'anno, ci sono stati lunghi segmenti nei mezzi di comunicazione radiotelevisiva su quanto possa essere sconvolgente per i veterani e per i veterani ascoltare e odorare i fuochi d'artificio. Questi segmenti erano comuni negli anni precedenti, ma li ho anche regolati? O il nostro Paese sta arrivando a riconoscere un po 'cosa vuol dire essere in una zona di guerra e come può stare con te? Un punto di vista cinico sarebbe che la gente dei media stava cercando una nuova prospettiva ed è successo a questo.

Mentre il 4 luglio si stava avvicinando quest'anno, mi è capitato di essere vicino a Long Beach, in California, dove l'imponente nave della Queen Mary è stata localizzata per decenni. La Queen Mary è la nave che trasportava il mio defunto padre e un gran numero di altri soldati negli Stati Uniti, alla fine dei loro tempi, durante la seconda guerra mondiale. La guida del tour ha detto giovedì scorso che la nave non aveva stabilizzatori, e questo mi ha ricordato che mio padre aveva menzionato il terribile mal di mare durante il viaggio. La nave che in tempo di pace trasportava 2.000 passeggeri e 1.200 membri dell'equipaggio in tempo di guerra trasportava 16.000 persone.

Sgt. Isaac Pope era il 1 ° sergente di mio padre durante La battaglia del rigonfiamento. La loro unità era composta da quattro ufficiali bianchi, e il resto erano neri, la maggior parte, ma non tutti, dal profondo sud. Mio padre era sempre solito indicare una foto di alcuni dei suoi uomini e dire: "Quello è il sergente. Papa. Era il ragazzo più dolce che avresti mai voluto incontrare. Aveva avuto pochissima educazione, ma nell'Esercito ha lavorato così duramente e imparato così velocemente da essere rapidamente promosso al primo sergente. "Ora, a 97 anni, questo saggio, compassionevole, affascinante uomo è nato a Kinston, Carolina del Nord, e vive lì ora nella casa dei veterani dello stato del North Carolina. Ho avuto il grande onore e la gioia di incontrarlo dopo che mio padre è morto quasi sei anni fa.

Joseph Friedman, un favoloso cameraman professionista, è andato con me a Kinston l'anno scorso e ha filmato 4 ore e 1/2 di sergente. Il Papa parla della sua vita. Siamo andati lì appositamente per ascoltare le sue esperienze durante la Guerra per il film "Is Anybody Listening?" (Potete vedere il sergente Papa nel trailer di isanybodylisteningmovie.org) ma ascoltato molto di più. Ha descritto crescere come il più giovane di molti bambini e all'età di 6 anni raccogliendo cotone nel sole bollente della Carolina del Nord con i suoi genitori. Ci portò avanti e attraverso gli anni della guerra e le sue esperienze tornando a Kinston, sposando e cercando di ottenere un lavoro decente. Parlò del suo lavoro con il capitolo locale della NAACP e del suo coraggio (la mia parola, non sua) nel difendere apertamente la sindacalizzazione della fabbrica di DuPont dove lavorava come bidello. Riferì che mio padre e Gene Jones – un uomo biracial nella loro unità che era di Filadelfia – apprendevano che molti degli uomini del sud non avevano potuto votare, e giurarono che questo doveva cambiare. Ha detto che hanno scritto al generale Eisenhower e ha detto che non possiamo aspettarci che rischino la vita per il loro paese quando gli è stato negato il diritto di voto. Prima di essere spediti, gli è stato concesso tale diritto.

Sgt. Il papa ritornò sulla Queen Mary dopo la seconda guerra mondiale e in quel lungo viaggio, disse, i membri del servizio avevano tutto il tempo di parlare tra loro delle loro esperienze in guerra e delle loro speranze e progetti per il futuro. Questo tipo di opportunità deve essere costruito per i membri del servizio che tornano oggi dalle zone di combattimento o anche solo dalla vita militare che è molto diversa dal mondo civile.

Sgt. Papa mi disse che mentre la Regina Maria si avvicinava al porto alla fine del viaggio, un sergente bianco ordinò: "Tutti voi che andate a nord, andate da questa parte. Tutti voi che andate a sud, andate dall'altra parte. "Sgt. Il Papa si stava dirigendo a sud, e mentre lui e gli altri andavano in quella direzione passarono di lì, quel sergente li avvertì con un tono minaccioso: "Non vai a pensare che qualcosa è cambiato!" Sgt. Il Papa ha visto il razzismo continuare in troppi modi in tutto questo paese da allora.

Quando celebriamo l'indipendenza della nostra nazione, potremmo considerare come l'integrazione alla vittoria di tale indipendenza sia stata la determinazione a garantire la libertà e la libertà dall'oppressione per i suoi cittadini. Sebbene i ricchi fondatori maschi bianchi di questo paese non abbiano proibito l'oppressione sulla base della razza, del sesso, dell'orientamento sessuale e dell'età quando hanno proclamato i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità, ci sono stati alcuni passi avanti verso la riduzione dell'oppressione, ma c'è ancora una distanza tragicamente grande da percorrere che è inconcepibile fare di meno che richiedere rapidi progressi verso la garanzia di tali diritti per tutti.

© Copyright 2015 di Paula J. Caplan Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Cosa è cambiato e cosa non ha"