Cosa c'è nel gatto?

Una volta, una pubblicazione che mi ha intervistato su Singled Outsent per farmi una foto a casa. Il fotografo ha chiesto di cosa parlava il mio libro, poi si è fermato un attimo a pensare a come impostare lo scatto. Sembra come se fosse stato appena colpito da una scarica di ispirazione, ha chiesto, "Dov'è il tuo gatto?"

Beh, non ho un gatto. Non ho niente contro i gatti – o altri animali domestici – non ne ho proprio nessuno.

Recentemente, ho sentito da uno studente che stava pianificando di fare qualche ricerca sui single e sui loro animali domestici, e questo mi ha fatto pensare agli stereotipi. Mi chiedo perché solo le persone single – specialmente le donne – siano così spesso lanciate come pazze. È un modo di attribuire una caricatura da gatto ai single – ad esempio, distaccato e non socievole? O forse anche un ritratto più lusinghiero di indipendenza fredda e indomabile?

Non so se le persone single siano più propense delle persone sposate ad avere gatti o altri animali domestici. Per quanto ne so, non ci sono ricerche in merito. Ciò significa che siamo ridotti a aneddoti. L'unica vera donna gatto che abbia mai conosciuto era sposata con il decano di un'università importante. Penso che il suo numero di gatti abbia sempre superato i 30. Si diceva che suo marito si godesse il suo tempo lontano da casa.

Lo stereotipo del gatto è una cosa americana? Neanch'io lo so. Ricordo, però, che una delle citazioni più famigerate di uno dei più famosi singleton britannici riguardava un cane. Secondo Bridget Jones (okay, quindi non è vera), tutti i suoi amici single erano convinti che sarebbero "finiti per morire da soli e tre settimane dopo hanno mangiato mezzo cibo da un alsaziano".

Di per sé, la percezione dei single come persone-gatto (o pet-people) non mi infastidisce. Quello che mi fa fregare è l'interpretazione che a volte viene offerta per il presunto legame tra essere single e avere un animale domestico – che i single hanno animali domestici come "compensazione" per non avere un coniuge.

Ora forse questa interpretazione è vera per alcune persone, così come alcune persone sposate hanno un animale domestico come pratica per avere un bambino. (Questo non è ipotetico. Conoscevo una coppia che ha ammesso di esserlo.Anche a loro piaceva anche sentirsi dire che speravano che il bambino che avevano programmato avesse voluto il cane che avevano già, perché sarebbe un peccato dover sbarazzati del ragazzo, sono abbastanza sicuro che lo intendessero per scherzo).

Ma perché sento così raramente una spiegazione completamente diversa e (penso) più plausibile – che le persone single che hanno gatti li hanno perché gli piacciono? Perché si prendono cura delle persone che amano gli animali e vorrebbero avere animali domestici nella loro vita indipendentemente dal loro stato civile?

L'interpretazione della compensazione non è limitata agli animali domestici. Le relazioni strette della singola persona con fratelli, genitori e amici sono state anche descritte come compensazione per non avere un coniuge, a volte anche per gli studiosi.

Questo, per me, è un modo per dire che, a meno che tu non abbia un coniuge, nessuna delle tue altre relazioni adulte è vera o preziosa in sé e per sé. Una spiegazione ugualmente sprezzante, i cani (mi dispiace) le persone single che si dedicano al loro lavoro o ad una qualche causa o interesse che perseguono con passione – stanno solo compensando il fatto di non avere un coniuge.

Il problema più fondamentale, penso, è che troppi Americani semplicemente non riescono a credere che a qualsiasi adulto piacerebbe davvero essere single e scegliere di rimanere così. Fino a quando quel dado non sarà spezzato, gli psicologi amatoriali e professionisti delusi continueranno a vedere un risarcimento sotto il piatto per gatti di ogni singola persona.

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'è nel gatto?"