Cosa c'è in una diagnosi?

La domanda crea offerta o domanda di offerta? La domanda non è semplice, anche se qualsiasi risposta deve sicuramente menzionare la pubblicità come un fattore.

Un recente articolo sul Canadian National Post ha attirato l'attenzione su una "condizione" nota come Transability. Al momento, poche persone ne soffrono, o almeno agiscono su di esso, ma ciò potrebbe cambiare. Le persone transitate sentono di essere nel corpo sbagliato e, in realtà, dovrebbero avere un braccio o una gamba meno o dovrebbero essere ciechi. Si procurano da soli la propria disabilità tagliando il loro arto in eccesso o accecandosi. Un accademico canadese ha intervistato trentasette persone di questo tipo in tutto il mondo, ma non è il primo accademico interessato all'argomento. Ecco cosa ha detto un accademico italiano un anno fa:

Le agende negoziate possono essere valutate in termini di antagonismo e / o

conformità al discorso normativo. Tuttavia, un decostruttivo

la lettura può anche esporre in che modo la transitabilità rivela processi cruciali

regolando l'opposizione binaria tra abilità e disabilità. Se,

nonostante i suoi obiettivi assimilazionisti, la transitabilità rimane un desiderio

malfunzionamento, aberrazione, deformità, questo non è dovuto alla natura di

desiderio trasferito ma alla costruzione sociale degli standard corporei.

Gli standard normativi del corpo, se di fatto, costruiscono soggetti sovrani di

confondere la differenza con la mancanza e l'integrità con l'autonomia.

La legittima appartenenza alla classe di corpi capaci è così rivelata

una determinazione sociale altamente controllata [1].

Ci vogliono anni di allenamento per poter scrivere in questo modo. È l'equivalente accademico del tipo di discorso comune ai manager (anche se non agli imprenditori). Come la sig.ra Arfini avrebbe senza dubbio affermato, "l'appartenenza legittima alla classe degli accademici viene così rivelata come una determinazione linguistica altamente controllata".

Ora la transabilità è chiaramente da distinguere dall'apotemnofilia, il desiderio sessuale di essere un amputato, nella misura in cui non sembra esserci alcuna componente sessuale al desiderio di essere trasferito; ed è anche distinguibile dalla mutilazione dei bambini da parte di genitori o altri per poter essere mendicanti più efficienti o di successo, una pratica che si dice sia diffusa in India. È vero che è probabile che i transitati richiedano l'assistenza economica fornita a coloro che sono disabili per malattia o incidente; ma sono loro stessi che mutilano, non altri. È anche probabile che chiedano che il loro desiderio, fino a quel momento singolare, sia riconosciuto come una vera malattia, per esempio nella prossima revisione del Manuale Diagnostico e Statistico dell'Associazione Psichiatrica Americana o della Classificazione Internazionale delle Malattie dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, così come che dovrebbe essere considerato perfettamente normale e quindi rimosso da quei grandi compendi di patologia. Ma, come disse una volta Emerson, una sciocca coerenza è la follia delle piccole menti.

La prevenzione del danno significa, ovviamente, che i chirurghi dovrebbero essere disposti a disabilitare le persone nelle migliori condizioni mediche – tagliare le loro membra, spegnere gli occhi – perché, se non lo fanno, coloro che desiderano otterranno la loro disabilità per se stessi, causando così se stessi dolore evitabile o complicazioni, e quindi più disabilità del necessario.

Per quanto riguarda coloro che mutilano i bambini al fine di renderli mendicanti più redditizi, anche loro sono affetti da un disturbo, vale a dire ADSCI, o Inclinazione per sfigurare l'infanzia di bambini piccoli. I criteri per la diagnosi di questo disturbo sono i seguenti, la presenza di almeno tre dei quali sono necessari per fare la diagnosi:

i) Dovrebbe esserci una differenza di età di almeno vent'anni tra il disfiguratore e lo sfigurato.
ii) I sfigurati dovrebbero avere meno di 15 anni.
iii) Non ci dovrebbero essere motivi sessuali nella deturpazione.
iv) Il bambino sfigurato dovrebbe essere pronto a chiedere l'elemosina entro un mese dalla deturpazione e non gli è permesso di mantenere alcuno dei soldi raccolti.
v) L'impulso dello sfregiatore di ottenere denaro per se stesso dovrebbe essere travolgente e accompagnato da una mancanza di colpa, rimpianti o rimorsi, o dalla consapevolezza di aver fatto qualcosa di sbagliato.
vi) La condizione è cronica e recidiva in cui più di un bambino è sfigurato, o dove il bambino sfigurato viene assorbito in una banda organizzata o in una banda di mendicanti.
vii) La condizione ha la tendenza a rimettersi quando le condizioni economiche migliorano.

O, come direbbe la signora Arfini, "lo sfregio dei bambini può essere valutato in termini di antagonismo e / o conformità al discorso normativo", per esempio quello del modo corretto di trattare i bambini.

D'altra parte, forse sto solo soffrendo di TCAHCDD, la tendenza a classificare tutte le condotte umane come disturbo di disordine.

[1] Alisa AG Arfini, http://tsq.dukejournals.org/content/1/1-2/228.abstract

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'è in una diagnosi?"