Cosa c'è in gioco

Questa è la seconda parte della serializzazione di All Rise: Somebodies, Nobodies e Politics of Dignity (Berrett-Koehler, 2006). Le idee in questo libro sono ulteriormente sviluppate nel mio recente romanzo The Rowan Tree, attualmente libero su Kindle.

CAPITOLO 1: CHE COSA È IN SCENA

Il rango spiega molto del cattivo comportamento che vediamo sia nelle istituzioni che nelle culture, così come tra gli individui …. Dargli un nome dà potere a coloro che lo ricevono per combatterlo, o almeno per resistere all'effetto corrosivo che può avere sul loro possedere anime.
-Esther Dyson, editor, versione 1.0

Vedere il Rankism ovunque

Una risposta comune alla nozione di rango è quella che ho avuto io stesso subito dopo aver iniziato ad usare la parola: ho cominciato a vederlo ovunque. Ciò mi sorprese all'inizio, ma non molto tempo dopo mi resi conto che questa era una conseguenza dell'aver definito il rango così ampio, come l'abuso del potere attribuito al rango. È ovvio che qualcosa definito in questo modo si sarebbe manifestato ovunque il potere fosse in gioco, e questo è quasi ovunque. Una volta accettata l'ubiquità del rango, è sorta un'altra domanda. Potrebbe essere utile un concetto che raggruppa insieme così tanti fenomeni apparentemente diversi?

Nonostante queste esitazioni, ho continuato a individuare nuovi esempi di rango ogni giorno. Inoltre, mi sembrava di vederli attraverso nuovi occhi. Gli abusi a cui ero rassegnato, dopo averli dati per scontati, improvvisamente cominciarono ad apparire aperti alla sfida. Sembrava possibile che se fossimo diventati più abili nell'identificare l'impulso comune da cui derivano queste trasgressioni, potremmo ricondizionarci a rinunciare a tali comportamenti.

Gli umani sono riusciti a imporre categoricamente illegittimità su omicidi, incesti, cannibalismo, razzismo e sessismo. Alcuni comportamenti predatori dominanti che erano la norma per secoli sono diminuiti nel tempo. Mentre il consenso si sposta su ciò che è accettabile, anche l'impulso di impegnarsi in certi comportamenti si dissipa. Perché non poteva funzionare con quelli che causano l'indegnità, mi chiedevo. La nostra specie sta imparando a rinunciare al razzismo.

Non potremmo allargare il divieto a tutte le varie forme di rango? Ho iniziato a immaginare una società in cui prendere di mira la dignità degli altri non è più condonata, un mondo in cui gradualmente scompare allo stesso modo in cui ora si può cominciare a immaginare il razzismo come un comportamento che manca completamente di sostegno sociale.

Recentemente ho letto sul New York Times un'insegnante della Cina rurale accusata di aver stuprato in serie le ragazze della quarta e quinta elementare della sua classe. I suoi allievi non avevano osato protestare contro l'autorità assoluta tradizionalmente tenuta dagli insegnanti. La situazione mi ha ricordato la stima indiscussa in cui, almeno fino ai recenti scandali sugli abusi sessuali, i sacerdoti negli Stati Uniti erano in genere detenuti dai loro parrocchiani. Come diceva l'articolo:

I genitori concedono agli insegnanti carta bianca , persino condoni per le percosse, mentre gli studenti sono addestrati per onorare e obbedire agli insegnanti, mai sfidarli. "L'assoluta autorità degli insegnanti nelle scuole è uno dei motivi per cui gli insegnanti sono così impavidi nel fare quello che vogliono", ha detto un esperto di educazione cinese.

Certo, lo stupro è già un crimine in quasi tutte le società. Il punto non è che vedere lo stupro come una forma di rango rivela la sua criminalità. Molti tipi di abusi di potere hanno acquisito nomi particolari di loro stessi – per esempio, clientelismo, appropriazione indebita, estorsione, nepotismo, ricatto, maccartismo, antisemitismo e molestie sessuali. Ciò che li identifica tutti come fa il Rankismo è metterli in una nuova luce e rivelare la loro comunanza.

Avere la parola " rankism" a disposizione è un po 'come mettere degli occhiali a raggi X che ti aiutano a vedere attraverso i molti tipi di abuso di potere le asserzioni illecite di rango che rappresentano in tutti loro. Riformulare il problema in questo modo suggerisce anche una via d'uscita, vale a dire adottando una variante della strategia che sta già lavorando contro gli abusi di razza e di genere. Per superare il razzismo e il sessismo, gli obiettivi dovevano organizzarsi e quindi opporsi collettivamente ai loro torturatori con una forza compensativa commisurata e credibile.

Vi sono ovvie differenze tra un movimento per superare il rango in generale e i movimenti basati sull'identità. Quando si tratta delle varietà familiari di discriminazione, le vittime e i carnefici sono, per la maggior parte, gruppi distinguibili e separati: bianco e nero, donne e uomini, gay e etero, e così via. La stessa cosa che facilita l'identificazione delle potenziali vittime di queste caratteristiche note – distinguibili come colore e genere – facilita la formazione di un gruppo di solidarietà per affrontare i colpevoli.

Al contrario, i perpetratori e gli obiettivi del rango, rispettivamente gli anticorpi e le nullità, non rientrano ordinatamente in gruppi distinti. Come abbiamo visto, molti di noi hanno interpretato entrambi i ruoli, a seconda del tempo e del luogo.

Quindi la domanda è: siamo disposti a rinunciare ai vantaggi potenziali di sfruttare le persone più deboli in cambio di assicurazioni credibili che la nostra dignità sarà sicura se mai dovesse accadere che ci troviamo nei loro panni nessuno? Per parafrasare l'epigrafe che appare all'inizio di questo libro, potremmo rendere la dignità non negoziabile? I seguenti capitoli mirano a dimostrare che possiamo. Tuttavia, prima di andare avanti, è importante avere un'idea più chiara di ciò che è in gioco nell'assumere un abuso basato sul rango.

Conseguenze letali

Il fatto che il rango stia alla base di tutte le forme di discriminazione basate sui tratti lo rende già un fenomeno di ampia portata, che va ben oltre il regno dei sentimenti feriti e degli ego feriti per le conseguenze più distruttive della repressione e dell'oppressione. Ma la maggior parte delle persone sarà sorpresa di apprendere che ci sono molti altri modi, alcuni dei quali piuttosto deludenti, in cui il rango sta distruggendo le nostre vite. Considera i seguenti esempi in cui l'orgoglio nazionale è stato danneggiato, le vite perse e miliardi di dollari sprecati a causa della cattiva gestione dei ranghi.

Nell'autunno del 2004 in una conferenza che ho tenuto nel New Jersey, un signore dall'aria distinta, che tutti i presenti sapevano che era stato direttore del Goddard Space Flight Center della NASA e dello Smithsonian National Air and Space Museum, si alzò in piedi e dichiarò, "Il rango è stato una delle cause principali di entrambi i disastri dello shuttle." Nell'aprile 2005, il Dr. Noel Hinners ha elaborato il mio registratore:

Il fallimento della missione Mars Climate Orbiter nel 1979 era dovuto in parte a quello che si potrebbe chiamare il rango tecnologico. Inizia con una reverenza incondizionata per coloro che sono unti come esperti o che assumono il mantello da soli. Troppo spesso, soffocano la discussione e annullano il dissenso sulle questioni tecniche, una forma di intimidazione tecnica.

Durante il volo su Marte ci sono stati dei primi segnali di allarme che qualcosa non andava nell'analisi della traiettoria, ma il team di navigazione non avrebbe ascoltato. Quando i problemi venivano segnalati, sostanzialmente dicevano: "Fidati di noi. Siamo gli esperti. "A causa di un errore del software, la navicella è entrata troppo in basso nell'atmosfera marziana e di conseguenza è bruciata. Questo era prevedibile durante il volo e avrebbe potuto essere corretto, ma abbiamo ceduto all'insistenza del team di navigazione che tutto sarebbe andato bene. Questo è il rango tecnologico.

Una dinamica simile è ben documentata nei disastri della navetta. Prima del volo Challenger , … gli ingegneri avevano avvertito che la temperatura insolitamente bassa [in Florida la notte prima del lancio] poteva rappresentare un problema per gli O-ring. In questo caso, la pressione da parte del management per lanciare in tempo limitato preoccupazioni ingegneristiche. Questo non era il rango tecnologico; piuttosto, è stato il rango manageriale di varietà da giardino che ha portato a uno dei nostri disastri nazionali più vividi.

Il rapporto di indagine sull'incidente della Columbia mostra un fenomeno simile: "Come quello che la commissione chiama una" catena di comando informale "ha cominciato a modellare l'esito [del volo], l'ubicazione nella struttura ha permesso a qualcuno di parlare e mettere a tacere gli altri".

Questi incidenti, conclude il dott. Hinners, dimostrano che il rango può avere conseguenze letali.

Esempi di rango a livello aziendale hanno fatto notizia sin dal collasso della Enron. Di solito assumono la forma di dirigenti di alto livello che si arricchiscono a spese di dipendenti, azionisti e istituti di credito. Ma come chiarisce il seguente esempio, il rango corporativo può uccidere.

Dopo che Somebodies e Nobodies sono apparsi sulla stampa, le persone nel settore dell'energia nucleare mi hanno scritto della cultura razzista che hanno visto nel loro settore, preoccupati che se non fosse cambiato, un disastro sarebbe stato inevitabile. Nell'autunno del 2005 il New York Times ha pubblicato una storia che supportava le loro paure. Ha riferito che i dipendenti della centrale nucleare di Salem, vicino a Salem, nel New Jersey, erano riluttanti a esprimere preoccupazioni per la sicurezza perché temevano ritorsioni da parte dei loro superiori.

Gli esperti sul campo avvertono che la cultura dei ranghi che pervade l'industria nucleare pone un rischio ben più grave per la sicurezza pubblica rispetto ai reattori nucleari stessi. Tish B. Morgan, con Booz Allen Hamilton, è un esperto di energia nucleare che ha più di trent'anni di esperienza in licenze nucleari e questioni normative, analisi di sicurezza e progettazione di reattori avanzati. In una recente conversazione, ha dichiarato categoricamente che "il rango era il fattore principale in quello che avrebbe potuto essere il peggior disastro nucleare dell'America." Ha iniziato il suo account con l'incidente a Three Mile Island e poi ha continuato a descrivere un quasi-grave tracollo. presso la centrale nucleare di Davis-Besse, nei pressi di Toledo, nell'Ohio, nel 2002.

Nel 1979, appena dodici giorni dopo che uscì il film The China Syndrome , un incidente a Three Mile Island sembrò essere un esempio di vita che imitava l'arte. Durante il corso di diversi giorni della crisi, il rango si rivelò in diverse forme: il rango corporativo (che privilegiava i profitti rispetto alle procedure di sicurezza), il rango tecnologico (operatori pratici che si inchinavano a "esperti" nucleari esterni che, in seguito, apprese , sono stati erroneamente scambiati per la loro analisi), e il rango di regolamentazione, in cui i "burloni da scrivania" della onnipotente Commissione di regolamentazione nucleare hanno preso il controllo del funzionamento momentaneo dell'impianto e hanno proceduto a peggiorare la situazione. La catastrofe è stata evitata nel momento giusto. Ma senza il rango non ci sarebbero stati incidenti e nessuna macchia sulla reputazione dell'industria nucleare.

Per più di dodici anni, la direzione dello stabilimento di Davis-Besse ha dettato scorciatoie e sbrigative per mantenerlo in funzione (e quindi fare soldi). Il risultato, scoperto per caso durante un'ispezione spesso posticipata, era un buco di ruggine causato dalla perdita cronica di acido borico nella testa del reattore. Poiché la gestione consentiva solo un numero predefinito di ore per la rimozione dell'acido, si era accumulata nel tempo. La Commissione per la regolazione nucleare in seguito ha stimato che se l'impianto avesse continuato a funzionare senza intervento, avrebbe subito un tracollo entro due o tredici mesi.

Perché, a Davis-Besse, i dipendenti che avevano riportato problemi per anni alla fine procedevano con ciò che ritenevano essere operazioni non sicure? La risposta è il rango, puro e semplice, come in: "Fai quello che dico, altrimenti il ​​tuo sostituto lo farà".

L'azienda, le cui pratiche di rango quasi ci ha regalato un'altra Chernobyl, ha passato i costi della quasi-fusione – 800 milioni di dollari per una nuova nave e una potenza di sostituzione per i due anni in cui l'impianto è stato chiuso per riparazioni ai consumatori. Inoltre, la società madre – FirstEnergy Nuclear Operating Company – è stata identificata come la principale responsabile del blackout su larga scala del Midwest / Canada del 14 agosto 2003. Inchinandosi agli ordini dei ranghi, invece di disconnettersi dalla rete e tentare di stabilizzare i loro proprio sistema, i lavoratori hanno portato con sé altri sistemi di utilità. L'impatto economico del blackout ha raggiunto i miliardi.

Questo capitolo si conclude con la menzione di due forme di rango molto diverse, ma non per questo meno mortali: il fondamentalismo imperiale e la depredazione ambientale. Quando i proselitisti fondamentalisti, convinti che la loro dottrina rechi il marchio dell'autorità superiore, adottano una posizione superiore nei confronti dei non credenti, questo è il rango. Il volto più familiare del fondamentalismo è quello dei "veri credenti" che pretendono di sapere cosa è giusto per tutti. Una forma estrema di questo è il tipo di crociata o di jihadismo che quelli designati chiamano terrorismo.

Ma il fondamentalismo ha molte facce. Altri includono il fondamentalismo scientifico e la sua prepotente insistenza sul primato di considerazioni puramente tecnologiche e sul fondamentalismo politico, con la sua certezza paternalistica che conosce i bisogni degli altri meglio di loro. Altre varietà di fondamentalismo saranno discusse nel capitolo 9.

La portata del Rankismo si estende anche all'ambiente, un'arena in cui le presunzioni dei ranghi minacciano ora la salute stessa del nostro pianeta. Come creature che esercitano "dominio sui pesci del mare e sugli uccelli dell'aria e sul bestiame e su tutta la terra" continueremo a sanzionare il degrado ambientale, o assumeremo il ruolo di amministratori responsabili ? Eserciteremo il nostro "dominio" sugli animali in modo tale da riconoscere che anche loro hanno diritto a una misura di dignità, o tollereremo il loro abuso e sfruttamento? Le nostre risposte a queste domande dipendono dal nostro atteggiamento verso il rango.

Una via d'uscita?

La questione attuale non è la gravità dei problemi che l'umanità ora affronta, sulla quale molti sono d'accordo, ma piuttosto se riprogiarli in una prospettiva dignitosa può darci una nuova leva per risolverli. I seguenti capitoli mostreranno che la costruzione di una società dignitosa prendendo di mira il rango può davvero essere un modo efficace per affrontare le sfide che ci attendono. Ma prima dobbiamo dare un'occhiata più da vicino alla dignità umana e quale forma potrebbe assumere un movimento per garantirlo.

[ Robert W. Fuller è un ex presidente dell'Oberlin College e autore di Belonging: A Memoir (vinci una copia di questo Goodreads Giveaway) e The Rowan Tree: A Novel , che esplorano il ruolo della dignità nelle relazioni interpersonali e istituzionali. Rowan Tree è attualmente gratuito su Kindle.]

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'è in gioco"