Cosa c'è dietro le nostre abitudini e superstizioni segrete

Un'intelligente donna di 36 anni pesa circa 50 libbre in più di quanto è sano e sa cosa deve fare per colpire il suo peso target. Durante il giorno, conta le calorie, registra i pasti e controlla il suo contapassi per assicurarsi che stia facendo 10.000 passi. Lavora quattro ore alla settimana nella palestra locale. E lei torna a casa ogni sera lungo un percorso speciale che porta i suoi ultimi sette ristoranti fast-food in modo da poter ordinare un pasto drive-threas untuoso da ciascuno. Il suo obiettivo è quello di averli mangiati completamente prima di raggiungere il prossimo ristorante sulla strada. Ha le borse e gli involucri in una stazione di servizio a tre isolati dalla casa della classe media che condivide con suo marito e i suoi figli. Una volta a casa, prepara una cena che condivideranno tutti quella sera.

Una donna felicemente sposata con una vasta cerchia di amici è fuori per una giornata di shopping. Ha appena superato la cassa, raccolto i suoi acquisti e preso il resto che le è stato consegnato dalla cassiera. Trova la panchina libera più vicina nel centro commerciale e si siede. Quindi tira fuori il portafoglio e organizza i suoi soldi. I nichel vanno in un compartimento con cerniera, le teste rivolte verso l'interno della borsa. Dimes e quarti hanno la loro sezione, tutti con teste di fronte. La carta moneta che organizza non in ordine di denominazione, ma dal numero di serie di ogni fattura. Una volta che ogni pezzo di denaro è a posto, raccoglie i suoi pacchi ed esce.

Un uomo sano e attraente a metà degli anni venti chiede una serata di drink con gli amici. Invece, va nel suo appartamento, ingoia un po 'di Tylenol e tira il vecchio morsa che suo padre gli ha lasciato dal fondo del suo armadio. Si mette una punta di gomma in bocca. Dopo alcuni respiri profondi, mette il piede sinistro scivolato nella morsa e inizia a girare la manovella. Si concentra sul dolore, facendo girare la manovella più forte e imprecando contro la voce interiore che gli dice di fermarsi. Si concentra, sentendo il bisogno di sentire il momento in cui si rompe il piede.

Cosa obbliga questi adulti ad alto funzionamento a comportarsi in comportamenti che non sembrano avere senso? Perché il giovane dovrebbe farsi del male volontariamente, o la madre sovrappeso sabota tutto il buon lavoro che mette nella sua salute ogni giorno? E qual è il problema con la nostra signora dei soldi?

Perché fanno queste cose?

È facile capire il "perché" dietro al comportamento adattivo , non è vero? Mangiamo perché abbiamo fame. Dormiamo perché siamo stanchi. Trascorriamo del tempo con i nostri amici perché ci fanno sorridere e puliamo i nostri servizi igienici per evitare odori e malattie sgradevoli. Ma per quanto riguarda i comportamenti che non hanno una causa ed effetto così evidente? Tutti facciamo qualcosa, che va dall'eccentrico all'auto-distruttivo, che sembrano in superficie non avere alcun beneficio. Quando tali comportamenti ostacolano il nostro essere in grado di funzionare al livello che noi o la società pensiamo dovremmo, li etichettiamo come compulsioni . Non possiamo spiegare perché li facciamo, ma c'è un certo disagio se non lo facciamo . Alcuni di noi potrebbero mostrare i nostri comportamenti delicatamente eccentrici e proclamare: "È proprio così che faccio." I nostri comportamenti più distruttivi lo facciamo in segreto e non spieghiamo a nessuno.

Eppure ci chiediamo ancora perché.

Ecco la risposta: facciamo le cose che facciamo perché lavorano per noi . E 'così semplice.

Ogni comportamento che ripetiamo offre una ricompensa. Non importa se la ricompensa non è ovvia. Né importa che le conseguenze sembrino causare dolore o sofferenza. La ricompensa è . E come sa chiunque abbia mai addestrato un cucciolo o cresciuto, il comportamento ricompensato verrà ripetuto . Il comportamento che viene ignorato andrà via. Le compulsioni, quei comportamenti ansiosi che ci spingono a fare ogni sorta di cose apparentemente folli, portano la loro stessa ricompensa.

Considera il viaggiatore nervoso che ha un certo rituale che segue in ogni viaggio di lavoro. Si siede sempre sul corridoio. Controlla la fila di uscita per assicurarsi che le persone lì siano competenti a manipolare la porta di emergenza. Si blocca su ogni parola dell'annuncio di sicurezza dell'operatore di volo, nonostante la sua familiarità con così tanti viaggi precedenti. Durante il decollo, recita i nomi e i compleanni di ciascuno dei suoi figli, e prende zucchero nel suo caffè durante il volo, anche se lo beve nero a casa.

Sembra un po 'strano? Quale potrebbe essere la "vittoria" qui? Semplice: l'aereo atterra in sicurezza e tutto il suo comportamento ritualizzato viene ricompensato. Il suo cervello non si preoccupa che gli aerei decollano, volano e atterrino in sicurezza migliaia di volte al giorno. Il suo cervello ha collegato i suoi rituali e l'atterraggio in sicurezza, e pensa a un certo livello che l'abbia fatto accadere. È come quella vecchia barzelletta sull'uomo in piedi su un trafficato angolo di Wall Street che salta su un piede. Un tizio gli chiede cosa succede. La tramoggia dice "Sto tenendo gli orsi polari lontani". Il tizio risponde: "Non ci sono orsi polari a Wall Street!" La tramoggia sorride e dice: "Sì, sto facendo un ottimo lavoro".

Questo è il legame che fa il nostro cervello. Il nostro tizio sull'aereo vuole solo che arrivi in ​​un pezzo solo. Vuole sentirsi al sicuro. Gli è permesso di volerlo; è la sua vittoria e lui la sta inseguendo. Non c'è niente di pazzo.

Cosa facciamo allora di quei comportamenti compulsivi molto più sinistri: le compulsioni che interferiscono con il normale funzionamento umano o persino con la salute?

Cerchiamo la vittoria. Scopriamo che cosa stanno cercando queste persone e lavoriamo per sostituirlo con un altro, meno costoso modo per ottenerlo. La domanda non è "perché", ma "cosa": qual è la vittoria?

La donna con il denaro organizzato in modo così particolare aveva un padre che sistemava le sue monete e le sue banconote in quel modo. Spesso lo prendeva in giro per questo. Ma quando morì lo mancò e anelò per il divertimento che avevano condiviso. Un giorno, per un capriccio, ordinò i suoi soldi proprio come papà. Mi sentivo bene. Non faceva niente, allentava il suo dolore e la faceva sentire più vicina a un uomo che amava teneramente. Così ha continuato fino a quando non si è sentito a disagio a non ordinare i suoi soldi in quel modo. Lei meritava quelle vittorie. Il "costo" del suo comportamento è minimo e nessuno psicologo rispettabile insisterebbe sul fatto che lei modificasse quella compulsione.

Ci è voluto un po 'di tempo per la donna con le sette soste notturne di fast food per scoprire la sua particolare vittoria. Si rese conto che il cibo era sempre stato il modo in cui la sua famiglia celebrava il successo. Hai una A su quel termine? Andiamo per pizza. Hai suonato la sonata di Chopin in modo impeccabile nel recital? Gelato per tutti! Ora era sposata con un uomo silenzioso che rifiutava le lodi. Ha lavorato come marketer in un'azienda high-tech in cui nessuna vendita è mai stata abbastanza grande, e nessun contratto è mai stato abbastanza lungo. Nessuno ha segnato il suo lavoro buono e duro. Desiderava che i suoi successi venissero riconosciuti, così il suo cervello ha svolto l'attività che gli era stata insegnata tanti anni prima. Non era il cibo che stava inseguendo, era la vittoria del riconoscimento . Così ha imparato a chiedere a suo marito e alla sua famiglia di ascoltare e commentare i suoi successi, e ha iniziato a ottenere la sua vittoria in un modo che non le costava calorie, grassi e sensi di colpa del drive-thru.

E il giovane che ha schiacciato il piede? Un vecchio detective che lavora con il terapeuta lo ha portato anche alla sua vittoria. Veniva da una famiglia di scuole di alto livello, scuole di Ivy League, carriere lunghe e compiute. Ma non stava salendo la scala aziendale alla velocità che immaginava che i suoi genitori avrebbero sperato. Qualsiasi tentativo di discutere le sue lotte con sua madre o i suoi fratelli ha portato solo a brusche ammonizioni a lavorare di più e a fare meglio. L'unica volta in cui ricordava che i suoi genitori erano teneri con lui era quando cadde da cavallo a 11 anni, rompendo alcune ossa, incrinando un paio di costole e ferendo un intero lato del suo corpo. Gli è stato permesso di tornare a casa per guarire. I suoi genitori gli sistemarono un posto sul divano e lo controllarono varie volte al giorno per assicurarsi che fosse in via di guarigione. Si sentiva al caldo e collegato alla sua famiglia in un modo che non aveva prima. Quella era la sua vittoria. Così, quando si ritrovò, da adulto, desideroso di quella vicinanza e sostegno, il suo cervello servì l'unica cosa che glielo aveva portato prima. Non era il dolore o l'infortunio che stava inseguendo. Non aveva nulla a che fare con l'auto-punizione o la distrazione. Voleva sentirsi in contatto, così ha imparato a sviluppare comportamenti alternativi per dargli la vittoria che il suo cervello stava inseguendo e alla fine è stato in grado di mettere da parte la necessità di autolesionismo.

E tu? Cosa sei costretto a fare che non puoi capire, o non vuoi che nessuno sappia? Parliamone qui. Cerca la tua vincita e vedi come puoi ottenere la ricompensa che stai inseguendo in un modo meno costoso.

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'è dietro le nostre abitudini e superstizioni segrete"