Cosa c'è di nuovo in Grief?

Lo studio psicologico del dolore è spesso tracciato nel saggio influente di Freud del 1917, Mourning and Melancholia (1957). Nel suo saggio, Freud tentò di differenziare il lutto dalla depressione, ancora una fonte di dissenso, come indica la recente controversia sulla rimozione dell'esclusione dal lutto dai Disturbi Depressivi Maggiori nel DSM-5. Freud sviluppò l'idea che nel lutto si debba lavorare attraverso sentimenti potenti per staccarsi dal defunto, reinvestire nella vita e riprendersi e risolvere la perdita.

Una seconda forte influenza fu il lavoro di Elisabeth Kübler-Ross. Dalla pubblicazione di Kübler-Ross "On Death and Dying" (1969), la sua teoria scenica ha dominato il pensiero popolare sui modi in cui le persone si addolorano. Sebbene sia il lavoro di Freud sia quello di Kübler-Ross abbiano un grande valore euristico – stimolando l'interesse nel campo emergente della thanatology, cioè lo studio della morte – molte ricerche da allora hanno cambiato radicalmente la nostra comprensione del processo di lutto.

Negli ultimi due decenni, le comprensioni del processo del dolore sono cambiate in molti modi significativi. Questi includono:

1. Estendere la comprensione del dolore dalla reazione alla morte di un membro della famiglia a una comprensione più inclusiva della perdita che riconosca che siamo afflitti da molti tipi di perdite. Questi possono includere la perdita di possesso, posizioni, animali domestici o relazioni, come il divorzio. Potremmo persino diventare attaccati a persone che non abbiamo mai incontrato, come celebrità o leader politici, e lamentare la loro morte o anche altre perdite;

2. Osservare le reazioni del dolore come tappe universali per un riconoscimento dei percorsi personali. Questo significa che non vediamo più gli individui che avanzano attraverso le fasi mentre rispondono alla perdita, ma capiscono che le reazioni di dolore saranno uniche e individuali come le impronte digitali;

3. Vedere il dolore come affetto nel riconoscere le reazioni multiple e sfaccettate che le persone hanno nei confronti della perdita, comprese reazioni fisiche, risposte cognitive, cambiamenti nel comportamento e angoscia spirituale, così come i modi in cui le risposte al dolore sono influenzate dallo sviluppo, dalla cultura, dal genere e spiritualità;

4. Affrontare passivamente la perdita nel vedere le possibilità di trasformazione e crescita nel dolore. Qui comprendiamo che il dolore può essere un processo di trasformazione in cui, per quanto dolorosi, gli individui possano sperimentare una significativa crescita post-traumatica.

5. Abbandonare i legami con la revisione e il rinnovamento delle relazioni, ovvero riconoscere che, anche se piangiamo, non interrompiamo mai una relazione con l'oggetto perso ma conserviamo un legame continuo;

6. Vedere il dolore come una normale questione transitoria per riconoscere varianti più complicate e la necessità di un'attenta valutazione. Il DSM-5 riconosce alcune di queste varianti nelle modifiche ai Disturbi di Regolazione, Disturbo d'Ansia di Separazione e Disturbi Depressivi Maggiori. Inoltre, rileva il Disturbo da Bereavement Complex Persistente come condizione per ulteriori studi. È probabile che, mentre la ricerca prosegue, si possano includere altre forme di dolore complicato.

Mentre molto è cambiato e continua a cambiare in merito alla nostra comprensione del dolore, molti psicologi e consulenti possono ancora operare con questi modelli più vecchi o con ipotesi non supportate. La pratica etica richiede la valuta nelle aree principali. Si spera che questo blog offra una conversazione continua su nuove ricerche e interventi innovativi che alterano il modo in cui comprendiamo il dolore, come offriamo consulenza ai clienti in lutto e persino come affrontiamo le nostre perdite.

Riferimenti

Freud, S. (1957) Lutto e melanconia. In J. Strachey (Ed. & Trans.), L'edizione standard delle opere psicologiche complete di Sigmund Freud (Vol. 14, pp. 273-300). Londra: Hogarth. (pubblicato originariamente nel 1917).

Kübler-Ross, E. (1969). Sulla morte e il morire. New York: Macmillan.

Kenneth J. Doka, PhD

Professore, Il Collegio di New Rochelle

Senior Consultant, The Hospice Foundation of America

Autore, il dolore è un viaggio: trovare il tuo percorso attraverso la perdita

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'è di nuovo in Grief?"