Cosa c'è da preoccuparsi?

Se siamo in un'epidemia di ansia, allora c'è molto di cui preoccuparsi! La star di Hunger Games Jennifer Lawrence si preoccupa del costante scrutinio nei media e dei suoi dettagli privati ​​che vengono resi pubblici, l'attrice e cantautrice Amanda Seyfried si preoccupa per il suo cane, e gli mostrerà l'apertura della finestra dell'appartamento e la caduta, e la star di canto Adele così preoccupato di salire sul palco che è malata fisicamente prima delle esibizioni. Cosa ci dice tutto questo? Beh, fondamentalmente ci preoccupiamo di tutto e di tutto!

Ma i settori principali della preoccupazione sono quelli che certamente non ci sorprenderanno. Le preoccupazioni principali tendono a raggrupparsi attorno a domini come le relazioni, le finanze, il lavoro e la salute [1] e riflettono le ansie innescate da fattori legati all'amore e allo stato civile, alla solitudine, alla povertà, alla disoccupazione, allo status economico e alla disabilità, per citare solo un pochi. Queste sono preoccupazioni che sono guidate da fonti tradizionali di ansia, e come tali sarebbero state le preoccupazioni delle generazioni precedenti e persino dei nostri antenati più antichi.

Ma per quanto riguarda le preoccupazioni dei giorni nostri, le preoccupazioni quotidiane tipiche delle Generazioni Y e Z? Possiamo dividere convenientemente le preoccupazioni in due tipi di base, le prime sono preoccupazioni per gli eventi della vita (come il colloquio di lavoro, le difficoltà relazionali o il nostro controllo sanitario annuale), e il secondo tipo è quello che viene chiamato "fastidi quotidiani". sono le piccole cose che possono accadere quasi quotidianamente e ci causano attacchi acuti di stress, ed è con questi fastidi quotidiani che iniziamo a vedere come il mondo moderno ha creato preoccupazioni completamente nuove per le nostre Generazioni Y e Z. Nel 2015 il La compagnia assicurativa Direct Line ha pubblicato un sondaggio su 2025 adulti nel Regno Unito dopo aver chiesto loro quali fattori di stress li preoccupassero quotidianamente [2]. Ecco le prime dieci preoccupazioni quotidiane: (1) Non riuscire a dormire, (2) perdere le chiavi, (3) essere bloccato in un ingorgo quando sono già in ritardo, (4) perdere un documento importante o un documento, (5) avere (6) la stampante non funziona quando è necessario stampare qualcosa, (7) esaurendo la batteria del telefono cellulare mentre è fuori, (8) scoprendo che sei fuori dalla carta igienica mentre sei in bagno, (9) trattare con il servizio di assistenza al cliente computerizzato e (10) trovando che hai dimenticato la tua carta di credito quando paghi un articolo.

Ciò che colpisce di questa lista è che almeno la metà di questi problemi quotidiani non avrebbe significato nulla nell'era dei nostri genitori e sono il prodotto di tecnologie e stili di vita che sono diventati elementi centrali delle nostre vite solo nel ventunesimo secolo . Come afferma il professor Jonathan Freeman del Goldsmith's College London "non ci aspettavamo di scoprire che uno dei principali fattori scatenanti (per lo stress) è il modo in cui le persone elaborano mentalmente gli effetti a spirale di un'emergenza quotidiana … potresti essere seduto nel traffico sulla strada per la stazione ferroviaria – e la preoccupazione di dover pagare per un nuovo biglietto dopo aver perso il treno può causare una sensazione di isteria! "[3] Ma questi eventi non sono solo stressanti che semplicemente reagiamo a stress solo a quando incontrato. Il professor Freeman ha coniato il termine "timbratura" per descrivere il modo in cui ora pianifichiamo le eventualità come quelle elencate nella nostra lista dei 10 principali problemi quotidiani. Non ci preoccupiamo solo degli scenari futuri degli eventi della vita, le nostre vite sono così occupate che il nostro cervello sta pianificando continuamente come affrontare tutta una serie di problemi quotidiani – mancati treni, problemi di parcheggio, telefoni morti, chiavi perse e ingorghi stradali – molti dei quali, ovviamente, potrebbero semplicemente non accadere mai.

Oltre a questa lista di problemi quotidiani moderni, c'è una caratteristica particolare della personalità che sembra stimolare la preoccupazione ed è particolarmente implicata nel preoccuparsi degli affari correnti. Questa caratteristica è nota come "intolleranza all'incertezza" ed è una caratteristica che probabilmente genererà molte preoccupazioni moderne associate all'incertezza nel mondo. Le persone che hanno questa caratteristica credono che qualsiasi forma di incertezza sia una cosa negativa e che provochi ansia, stress e preoccupazioni. L'intolleranza dell'incertezza è su un continuum – tutti noi sperimentiamo qualche intolleranza di incertezza, ma alcuni più di altri, e ai vertici di questo continuum, l'intolleranza dell'incertezza è associata a una serie di disturbi d'ansia e alla preoccupazione patologica che si prova in Disturbo d'ansia generalizzato [4]. Dan Grupe dell'Università del Wisconsin-Madison ha confrontato l'intolleranza all'incertezza con una reazione allergica. "Se sei allergico alle noci e hai un pezzo di torta di compleanno che contiene una goccia di mandorle, hai una reazione fisica violenta. Una piccola quantità di una sostanza che non è dannosa per la maggior parte delle persone provoca una reazione violenta in te. L'intolleranza all'incertezza è come un'allergia psicologica "[5].

Ma qui sta il problema – come diceva mia nonna, "c'è una sola cosa nella vita che è certa, e questa è l'incertezza!" Quindi quegli individui con un'intolleranza di incertezza trascorreranno gran parte del loro tempo a preoccuparsi senza esitazione di come acquisire quell'impenibile stato di certezza. Dato che tutti noi abbiamo almeno qualche intolleranza di incertezza, la crescente incertezza politica negli ultimi anni sembra aver contribuito alla moderna lista di preoccupazioni. Un'indagine condotta su 1700 persone dalla British Mental Health Foundation ha rilevato che due su cinque persone nel Regno Unito hanno provato ansia in relazione alla Brexit, e quasi la metà ha riferito un "giusto o grande accordo" di ansia in relazione all'elezione USA in cui Donald Trump è stato eletto presidente – entrambi rappresentano incertezze internazionali in corso dando origine a quello che alcuni psicologi hanno etichettato "ansia Brexit" e "ansia Trump"! [6] – Mi aspetto, tuttavia, che queste nuove ansie saranno relativamente fugaci, e di certo non dovresti aspettarti di vederli nelle future edizioni di manuali diagnostici psichiatrici!

Se la vita moderna è così impegnata, allora quando troviamo il tempo per fare tutto questo preoccupante? Come parte della nostra ricerca iniziale sulle preoccupazioni degli anni '90, abbiamo pubblicato uno studio sulla fenomenologia del preoccupante: si trattava fondamentalmente di una descrizione dei modi in cui le persone hanno sperimentato le loro preoccupazioni [7], e la camera da letto ha molto da rispondere! Due persone su tre hanno dichiarato di essere principalmente preoccupate a casa, e il 57% di loro ha affermato che le loro preoccupazioni si sono svolte nella camera da letto quando erano a letto. I momenti di preoccupazione più comuni durante il giorno erano tra le 21 di sera e le 3 di mattina. Una ricerca più recente dell'assicuratore privato Privilege aggiunge ulteriori dettagli a questo quadro in evoluzione di una nazione di lavoratori notturni [8]. Il sondaggio condotto nel 2016 su adulti del 2005 nel Regno Unito ha rilevato che trascorriamo in media 81 minuti a notte preoccupati – questo si traduce in sette giorni interi di sonno perduto durante la notte che ogni anno si preoccupano. Hanno scoperto che il momento migliore per le ore notturne era il 2-3, con una stima di 12,4 milioni di cittadini britannici in questo periodo. Due su cinque di questi occupanti notturni erano preoccupati per le loro finanze e uno su tre era preoccupato per la loro salute. Allora, qual è l'impatto di tutto questo sonno perso attraverso le preoccupazioni notturne? Basta guardare indietro a quello che era il numero 1 nella nostra lista dei 10 principali problemi quotidiani – sì, è vero, non essere in grado di dormire! Sembra che l'essere umano di oggi trascorra il giorno a preoccuparsi di come avranno a che fare con il sonno che hanno perso di notte a causa della loro inquietudine notturna! Come ci siamo messi in un circolo vizioso così perfetto?

Fonte: Creative Commons

Solutions Collecting From Web of "Cosa c'è da preoccuparsi?"